Riscoperta della lectio divina.































Dopo una lunga dimenticanza, è oggi riutilizzata e valorizzata. I documenti ecclesiali ufficiali presentano la lectio divina in forma istituzionalizzata, a dimostrazione che non si tratta di una moda effimera. Il Vaticano II l’ha menzionata nel decreto Presbyterorum ordinis (nn. 18-19), disponendo che i presbiteri «alimentino la fede mediante la lectio divina»; inoltre, devono «trarre, in primo luogo, la scienza dalla lectio e dalla meditatio della Sacra Scrittura».

Il Catechismo della Chiesa cattolica (1992) ne parla due volte:

nella prima (n. 1177) ne dà una sorta di definizione: «Nella lectio divina la parola di Dio è “letta” e “meditata” per trasformarsi in “preghiera”»;

nella seconda (n. 2708) ne riconosce la validità: «Questa forma di riflessione orante ha un grande valore».

Alla lectio divina Giovanni Paolo II invita nell’esortazione apostolica Pastores dabo vobis (1992, n. 47), scrivendo:

«La conoscenza amorosa e la familiarità orante con la parola di Dio rivestono un significato specifico per il ministero “profetico” del sacerdote». “Profetico”, cioè di annuncio della parola di Dio, non della parola dell’uomo.

Tra gli orientamenti pastorali proposti per il prossimo decennio al fine di Comunicare il Vangelo in un mondo che cambia la Cei (nel 2001) suggerisce (n. 49) «la valorizzazione — sia nella vita personale dei credenti sia in quella delle comunità cristiane —
della pratica della lectio divina , ascolto orante delle sacre Scritture, capace di trasformare i nostri cuori e di iniziare ognuno di noi all’arte della preghiera e della comunione».

La nota pastorale della Cei La Bibbia nella vita della Chiesa (del 1995) riconosce che la lectio divina «è un’esperienza spirituale teologicamente solida e sicura, pedagogicamente accessibile a tutti e quanto mai efficace nella maturazione della fede»; perciò i vescovi italiani dispongono che essa «sia introdotta, spiegata bene nella sua identità, negli obiettivi e nel metodo» (EnCei 5, nn. 2946s).