Capitolo XII

I VANTAGGI DELLE AVVERSITA'

E' bene per noi che incontriamo talvolta difficoltà e contrarietà; queste, infatti, richiamano l'uomo a se stesso, nel profondo, fino a che comprenda che quaggiù egli è in esilio e che la sua speranza non va riposta in alcuna cosa di questo mondo. E' bene che talvolta soffriamo contraddizione e che la gente ci giudichi male e ingiustamente, anche se le nostre azioni e le nostre intenzioni sono buone.

Tutto ciò suol favorire l'umiltà, e ci preserva dalla vanagloria. Invero, proprio quando la gente attorno a noi ci offende e ci scredita, noi aneliamo con maggior forza al testimone interiore, Iddio.

Dovremmo piantare noi stessi così saldamente in Dio, da non avere necessità alcuna di andar cercando tanti conforti umani. Quando un uomo di buona volontà soffre tribolazioni e tentazioni, o è afflitto da pensieri malvagi, allora egli sente di aver maggior bisogno di Dio, e di non poter fare nulla di bene senza di lui. E si rattrista e piange e prega, per il male che soffre; gli viene a noia che la vita continui; e spera che sopraggiunga la morte (2 Cor 1,8), così da poter scomparire e dimorare in Cristo (Fil 1,23).

Allora egli capisce che nel mondo non può esserci completa serenità e piena pace.

Torna Indietro - Pagina Indice

Vangelo E Commento di Ogni Giorno

Vangelo e Commento per tutto il Mese
Piccolo Messalino Quotidiano - Il Vangelo di ogni Giorno con il commento e preghiere



Iniziazione alla vita spirituale Decisione iniziale e perseveranza

La Metanoia come condizione di base per accedere a Dio

Sant'Agostino - Lettera a Proba sul modo di pregare

Sermoni del Curato D'Ars Scritti Scelti

L'uomo in Preghiera Catechesi sulla Preghiera di Benedetto XVI “Signore, insegnaci a pregare” (Lc 11,1)


Il Libro dei Salmi - I 150 Salmi Testo Integrale con Commento

Chi ha scritto i Salmi?
Risponde don Filippo Belli, docente di Sacra Scrittura alla facoltà teologica dell'Italia centrale.



HOME PAGE