In Dialogo il Teologo Risponde


Perché quando si entra in chiesa ci si segna con l’acqua benedetta?

Vorrei sapere il significato dell’uso di farsi il segno della croce con l’acqua benedetta all’ingresso in chiesa e se è corretto usare l’acqua per segnarsi anche all’uscita, ovvero usarla 2 volte.

Massimo Volpe

Risponde don Roberto Gulino, docente di Liturgia alla Facoltà Teologica dell'Italia Centrale.

Il segno della croce è tra gli elementi basilari della fede cristiana tanto da essere tra le prime realtà insegnate nella catechesi e tra i primi gesti che accompagnano la preghiera, sia individuale che comunitaria.

Inizialmente tracciato con il pollice sulla fronte o su altre parti del corpo, si estende - dopo i primi secoli - dalla testa al petto e dalla spalla sinistra a quella destra avvolgendo simbolicamente tutto il corpo, quindi la persona e la sua esistenza.

Entrando in una chiesa troviamo sempre la presenza del fonte battesimale o di una pila con acqua benedetta che ci permettono di richiamare la realtà sacramentale del nostro battesimo che ci ha immerso nel mistero pasquale del Signore e che ci ha inserito nella Chiesa-comunità.

Ecco perché quando varchiamo la soglia di una chiesa è importante fare memoria del nostro battesimo utilizzando l’acqua benedetta e avvolgendo il nostro corpo con il segno della croce: è il modo per rivivere la grazia sacramentale dell’essere rinati nel Signore, di risvegliare la consapevolezza di essere parte della Chiesa essendo divenuti pienamente figli di Dio in Cristo, di prendere coscienza del grande dono di amore che abbiamo ricevuto potendo vivere nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.

Questo gesto, tanto semplice quanto importante, ci aiuta ad entrare in chiesa in modo più consapevole permettendoci di richiamare e di rivivere la grazia fondante della nostra fede cristiana e disponendoci nel modo migliore alla preghiera, sia personale che liturgica.

Per queste caratteristiche direi che è molto importante fare un segno di croce con l’acqua benedetta quando si entra in chiesa, quasi doveroso, mentre è assai meno significativo quando si esce, visto che normalmente concludiamo già la nostra preghiera con un segno di croce (anche se non me la sentirei di parlare di «scorrettezza»).


Pagina Indice - Il Teologo Risponde

Bibbia
Nuovo Testamento



Il Libro dei Salmi
Testo Integrale
e Commento


Vangelo e Commento
Piccolo Messalino Mensile - il Vangelo di ogni Giorno con il commento




Catechesi sui 7 doni dello Spirito Santo


Papa Fracesco:
I Sette Doni dello Spirito Santo: Video e Testo
Sapienza - Intelletto - Consiglio - Fortezza - Scienza - Pietà - Timore di Dio


San Giovanni Paolo II:
Riflessione sui sette doni dello Spirito Santo - Catechesi del Santo Padre Giovanni Paolo II sui doni dello Spirito Santo "Regina Coeli" e "Angelus" pronunciati dal Santo Padre nel 1989


Don Divo Barsotti:
I Doni dello Spirito Santo Divo Barsotti è stato un presbitero, monaco e scrittore italiano, fondatore della Comunità dei Figli di Dio.


Vedi anche un'altra catechesi:
I Sette Doni Dello Spirito Santo:
Sapienza - Intelletto - Consiglio - Fortezza - Scienza - Pietà - Timore di Dio


I Frutti dello Spirito Santo



Home Page




Come inserire un font di Google