"La famiglia, dono e impegno, speranza dell'umanità"
La Famiglia nel Sentimento e nelle Parole di Giovanni P. II


Famiglia, tempio della vita

1. Mercoledì scorso, 2 febbraio, abbiamo festeggiato la "Presentazione del Signore" al Tempio. Narra l'evangelista Luca che Gesù, quaranta giorni dopo la nascita, fu portato da Maria e Giuseppe al Tempio, per essere offerto a Dio. Qui fu riconosciuto, nello Spirito Santo, dal vecchio Simeone come "luce delle genti", mentre alla Vergine Santa veniva preannunciata una missione di amore e di dolore.

La festa della Presentazione, che ci mostra la Santa Famiglia di Nazareth in cammino verso il Tempio, può esserci di aiuto per approfondire la vocazione della famiglia cristiana.

La famiglia è per i credenti un'esperienza di cammino, un'avventura ricca di sorprese, ma aperta soprattutto alla grande "sorpresa" di Dio, che viene sempre in modo nuovo nella nostra vita. Di tappa in tappa occorre interrogarsi sulla direzione del cammino, ponendosi la domanda che certamente era presente nel cuore di Maria e di Giuseppe: che cosa vuole il Signore da noi? qual è la strada che Egli ha tracciato per il nostro bambino?

2. Domande come queste possono trovare risposta solo nel Tempio di Dio, nella preghiera cioè e nell'ascolto della Parola del Signore. Talvolta, quando le vicende della vita si fanno complesse, il discernimento della volontà divina risulta difficile. Ma ad una famiglia che prega non verrà mai meno la consapevolezza della propria vocazione fondamentale: quella di essere un grande cammino di comunione. Così l'ha disegnata Dio fin dal principio, quando ha creato l'uomo e la donna a sua immagine. Dice la Scrittura: "A immagine di Dio lo creò; maschio e femmina li creò" (Gen 1, 27). E’ importante allora cogliere, nel Libro della Genesi, questa grande verità: l'immagine di sé, che Dio ha posto nell'uomo, passa anche attraverso la complementarità dei sessi. L'uomo e la donna, che si uniscono in matrimonio, riflettono l'immagine di Dio e sono in qualche modo "rivelazione" del suo amore. Non solo dell'amore che Dio nutre verso l'essere umano, ma anche di quella misteriosa comunione che caratterizza la vita intima delle tre Persone divine.

Immagine di Dio si può considerare, inoltre, la stessa generazione, che fa di ogni famiglia un santuario della vita. L'Apostolo Paolo ci dice che da Dio trae nome ogni paternità e maternità (cfr. Ef 3, 14-15). E’ lui la sorgente ultima della vita. Si può dunque affermare che la genealogia di ogni persona affonda le radici nell'eterno. Nella generazione di un figlio i genitori agiscono come collaboratori di Dio. Missione veramente sublime! Non meraviglia pertanto che Gesù abbia voluto elevare il matrimonio alla dignità di sacramento, mentre San Paolo ne parla come di un "grande mistero", ponendolo in rapporto all'unione di Cristo con la sua Chiesa (cfr. Ef 5, 32).

3. Si celebra oggi in Italia la Giornata per la vita. E’ un importante appuntamento, che acquista particolare valore e significato nel contesto dell'Anno della Famiglia. Per questa ragione i Vescovi hanno scelto come tema: "La famiglia, tempio della vita".

La famiglia è, in effetti, il santuario della vita umana dall'alba al suo naturale tramonto. Il padre e la madre sono le colonne di questo "tempio", che ha per basamento il patto coniugale, fondato sulla fedeltà di Dio, grazie alla quale l'uomo e la donna nel matrimonio si promettono l'un l'altro amore fedele e indissolubile.

La famiglia è chiamata ad essere tempio, casa cioè di preghiera: una preghiera semplice, intrisa di fatica e di tenerezza. Una preghiera che si fa vita, perché tutta la vita diventi preghiera!

Uniamoci oggi in una grande orazione, perché la vita, ogni vita umana abbia una famiglia, all'interno della quale possa sperimentare la gioia e la forza dell'amore autentico.

4. Carissimi fratelli e sorelle, ispiriamoci all'icona della "Presentazione", per imparare da Gesù, Maria e Giuseppe il segreto di questo divino ancoraggio della famiglia. La famiglia quando cammina verso Dio e a Lui si "offre" abbandonandosi al suo amore, si scopre "immagine" e rivelazione del suo eterno mistero.

Invochiamo insieme la Santa Famiglia, imploriamo, in particolare, l'aiuto della Vergine Santa, perché tutte le famiglie del mondo siano profondamente consapevoli della loro grande vocazione.


Desidero ora invitarvi ad essere solidali con le moltissime famiglie che, in Africa, soffrono ancora per la povertà e la tragedia della guerra: non abbandoniamole! Desidero ricordare, infine, l'opportuna iniziativa di "Africamiga", destinata a rinvigorire la solidarietà in favore delle popolazioni d'Angola e Mozambico, soprattutto nel settore della salute e dell'educazione. Le Autorità civili portoghesi ne sono promotrici, in collaborazione coi Vescovi di Angola, Mozambico e Portogallo.

Maria Santissima
sostenga con la sua materna intercessione
l'azione di tanti uomini e donne
di buona volontà che si prodigano
nell'offrire soccorso a quei nostri fratelli
e nel promuovere la giustizia e la pace.

GIOVANNI PAOLO II
ANGELUS Domenica, 6 febbraio 1994

Torna Indietro Pagina Indice

Bibbia
Nuovo Testamento



Il Libro dei Salmi
Testo Integrale
e Commento


Vangelo e Commento
Piccolo Messalino Mensile - il Vangelo di ogni Giorno con il commento




Voglio Confessarmi Bene!

La confessione che guida all’umiltà (Tratto dai Racconti di un Pellegrino Russo, Rusconi, pp. 167-171)

Esame di coscienza - Meditazione del Santo Padre Francesco

Regole Per una Vita Devota
Inizia ogni mattino come se avessi appena deciso di diventare un cristiano e di vivere secondo i comandamenti di Dio. Andando a fare i tuoi doveri, sforzati di fare tutto alla gloria di Dio. Non iniziare nulla senza preghiera, perché tutto ciò che facciamo senza pregare alla fine si rivela futile o dannoso. Le parole del Signore sono vere: "Senza di me, non potete fare niente."




Home Page




Come inserire un font di Google