Il Santo del Calendario Come inserire un font di Google
Santi del Calendario la Vita le opere la leggenda

6 Ottobre - S. Bruno Sacerdote.


Il profitto e la gioia che la solitudine e il silenzio dell'eremo recano a quanti l'amano, soltanto coloro che ne hanno avuto esperienza possono apprezzarli». Così scriveva S. Bruno a un amico, poco tempo prima della morte, avvenuta il 6 ottobre 1101 a Torre, in Calabria. Il secolo XI, ricco di fermenti religiosi, è contraddistinto da un rinnovato desiderio di vita solitaria, secondo le regole eremitiche del monachesimo primitivo. Esempio inalterato di questo modello di vita cenobitica è la certosa di Serra S. Bruno, nel cuore della Calabria, che lo stesso santo eremita elogiava per «la dolcezza dell'aria e della pianura vasta e ridente, cinta d'intorno da montagne, da pascoli verdeggianti e trapunti di fiori»: alla chiesa, unico luogo in cui i frati si incontrano per la recita dell'Ufficio, fanno da corona piccole case a due stanze, una a pian terreno, adibita a laboratorio e una superiore, inviolabile dimora del monaco, nella quale egli prega e riposa.
Chiuso nell'arco delle celle è il cimitero dell'eremo: cumuli di terra sormontati da una croce di legno, su cui non appare neppure il nome del sepolto. « Questa pace che il mondo ignora scrive ancora il santo - è propizia alla gioia dello Spirito Santo ».

S. Bruno, nato a Colonia nel 1035 da nobile famiglia, aveva compiuto i suoi studi alla scuola episcopale di Relms, dove, dopo l'ordinazione sacerdotale, tornò in qualità di maestro di teologia. Tra i suoi alunni vi furono Eudes di Chátillon, il futuro papa Urbano II, e S. Ugo di Grenoble. Nominato cancelliere dell'arcivescovado di Reims, contrastò l'elezione simoniaca del vescovo Manasse, deposto poi da Gregorio VII, che chiamò a succedergli lo stesso Bruno.

Avendo il re posto il veto alla sua elezione, Bruno decise di porre in atto una sua giovanile aspirazione. Si ritirò dapprima a Sèche-Fontaine, presso il monastero di Molesme, nell'eremo accordatogli dall'abate S. Roberto, poi nel territorio di Grenoble, nella solitaria valle della Cartusia, o Chartreuse, culla dell'Ordine dei Certosini, poiché a S. Bruno si unirono presto altri religiosi, attratti dallo stesso ideale di vita eremitica. A distogliere il santo abate dalla pace della Grande Certosa fu l'antico allievo, divenuto papa, che lo volle con sé a Roma come consigliere. Era il 1091. La parentesi romana fu breve: i monaci, male adattandosi alla vicinanza della città (avevano eretto una certosa presso le Terme di Diocleziano), ebbero il permesso di tornarsene a Grenoble, mentre l'abate Bruno, lasciata la curia pontificia, poté scendere nell'Italia meridionale per erigervi in luogo adatto una nuova certosa, sul modello di quella francese.

Bibbia
Nuovo Testamento

Il Libro dei Salmi
Testo Integrale
e Commento

Indice Calendario Dei Santi:

Gennaio

Marzo

Maggio

Luglio

Settembre

Novembre
Febbraio

Aprile

Giugno

Agosto

Ottobre

Dicembre



Che differenza c’è tra santi e beati?
La distinzione che fa la Chiesa tra beatificazione e santificazione mi sembra proprio inutile. Un Beato, riconosciuto ufficialmente tale, non è già Santo? Come, del resto, sono Sante, anche se non riconosciute, tutte le persone che, dopo morte, sono accolte in Cielo?
Risponde padre Valerio Mauro, docente di Teologia Sacramentaria



I santi sono tutti uguali?
I santi sono tutti uguali? Ci sono categorie di santi? Perché alcuni vengono pregati più di altri?
Risponde padre Francesco Romano, docente di Diritto Canonico alla Facoltà teologica dell'Italia centrale


Archivio: In Dialogo il Teologo Risponde


Vangelo e Commento
Piccolo Messalino Mensile - il Vangelo di ogni Giorno con il commento



Henri J. M. Nouwen

Insegnamenti sulla Preghiera del Cuore

Vivere nello Spirito - Alcuni brani, tratti dal libro Ed. Queriniana





Home Page