Il Santo del Calendario Come inserire un font di Google
Santi del Calendario la Vita le opere la leggenda

4 Ottobre - S. Francesco d'Assisi Patrono d'Italia (Festa).


A soli 44 anni, il 3 ottobre 1226, moriva sulla nuda terra della Porziuncola di S. Maria degli Angeli, presso Assisi, l'autentico araldo della perfezione evangelica, S. Francesco, l'uomo che all'età di 24 anni si era spogliato di tutto, ricchezze, ambizioni, orgoglio, e perfino del vestito che indossava, per sposare « Madonna povertà » e riproporre al mondo in perfetta letizia l'ideale evangelico di umiltà, povertà e castità. Nato in una città mercantile, da padre mercante, il giovane rampollo di Bernardone amava le allegre brigate e spendeva con una certa prodigalità il denaro paterno. A vent'anni volle farsi armare cavaliere nell'esercito di Gualtieri di Brienne, che combatteva per il papa, ma a Spoleto ebbe un sogno rivelatore nel quale veniva invitato a seguire piuttosto « il padrone che il servo ».

Tornato ad Assisi, si prodigò per gli ammalati e i poveri e un giorno dell'autunno 1205, mentre era assorto in preghiera nella chiesetta di S. Damiano, gli parve di udire una voce dal crocifisso: «Va' e ripara la mia Chiesa, che è tutta in rovina». Con la definitiva rinuncia ai beni paterni, a 25 anni, Francesco diede inizio alla sua vita religiosa. La prima tappa vide Francesco, in abito cremitico, condurre vita solitaria ed errabonda, finché una frase illuminante del Vangelo lo spinse alla predicazione e alla costituzione del primo nucleo dell'ordine dei frati minori, la cui regola venne approvata da papa Innocenzo III.

Questo secondo capitolo della vita del santo è contrassegnato da un'intensa predicazione, da continui viaggi «missionari » per recare agli uomini troppo spesso gli uni contro gli altri armati l'evangelico messaggio di «pace e bene ». Dopo un avventuroso viaggio in Terrasanta, in Siria e in Egitto, nel 1220 ritornò ad Assisi e cercò di rimettere ordine in casa propria, redigendo' la seconda Regola, approvata da Onorio III. Ormai debilitato nel fisico dalle dure penitenze, entrò nell'ultima tappa della sua vita, che segnò la sua perfetta conformazione a Cristo, anche fisicamente, col suggello delle stimmate, ricevute sul monte della Verna il 14 settembre 1224.

Autore del Cantico di Frate Sole, protagonista dei Fioretti, uno dei santi più amati del mondo intero, S. Francesco venne canonizzato due anni dopo la morte. Nel 1939 Pio XII tributò un ulteriore riconoscimento ufficiale al «più italiano dei santi e più santo degli Italiani » proclamandolo Patrono principale d'Italia.

Bibbia
Nuovo Testamento

Il Libro dei Salmi
Testo Integrale
e Commento

Indice Calendario Dei Santi:

Gennaio

Marzo

Maggio

Luglio

Settembre

Novembre
Febbraio

Aprile

Giugno

Agosto

Ottobre

Dicembre



Che differenza c’è tra santi e beati?
La distinzione che fa la Chiesa tra beatificazione e santificazione mi sembra proprio inutile. Un Beato, riconosciuto ufficialmente tale, non è già Santo? Come, del resto, sono Sante, anche se non riconosciute, tutte le persone che, dopo morte, sono accolte in Cielo?
Risponde padre Valerio Mauro, docente di Teologia Sacramentaria



I santi sono tutti uguali?
I santi sono tutti uguali? Ci sono categorie di santi? Perché alcuni vengono pregati più di altri?
Risponde padre Francesco Romano, docente di Diritto Canonico alla Facoltà teologica dell'Italia centrale


Archivio: In Dialogo il Teologo Risponde


Vangelo e Commento
Piccolo Messalino Mensile - il Vangelo di ogni Giorno con il commento



Henri J. M. Nouwen

Insegnamenti sulla Preghiera del Cuore

Vivere nello Spirito - Alcuni brani, tratti dal libro Ed. Queriniana





Home Page