La Preghiera del Cuore Giorno dopo Giorno Preghiera Incessante
La Preghiera del Cuore

La Preghiera del Cuore proposta è una breve versione in unione con il Salmo Responsoriale della Liturgia della Domenica


Preghiera del Cuore - dal 29 Marzo al 04 Aprile 2021


Signore Gesù Cristo figlio di Dio, Tu sei da sempre, salvezza dei peccatori: abbi pietà di me


DOMENICA 4 Aprile 2021
DOMENICA DI PASQUA – RISURREZIONE DEL SIGNORE (ALLA MESSA DEL GIORNO)

Salmo Responsoriale
Dal Sal 117 (118) Testo Integrale e Commento


R. Questo è il giorno che ha fatto il Signore: rallegriamoci ed esultiamo.

Oppure:

R. Alleluia, alleluia, alleluia.

Rendete grazie al Signore perché è buono,
perché il suo amore è per sempre.
Dica Israele:
«Il suo amore è per sempre». R.

La destra del Signore si è innalzata,
la destra del Signore ha fatto prodezze.
Non morirò, ma resterò in vita
e annuncerò le opere del Signore. R.

La pietra scartata dai costruttori
è divenuta la pietra d'angolo.
Questo è stato fatto dal Signore:
una meraviglia ai nostri occhi. R.

Alleuia, alleluia.

Cristo, nostra Pasqua, è stato immolato:
facciamo festa nel Signore. (Cfr. 1Cor 5,7-8)

Alleluia, alleluia.

Vangelo Gv 20,1-9
Egli doveva risuscitare dai morti.

Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro.
Corse allora e andò da Simon Pietro e dall'altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l'hanno posto!».
Pietro allora uscì insieme all'altro discepolo e si recarono al sepolcro. Correvano insieme tutti e due, ma l'altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro. Si chinò, vide i teli posati là, ma non entrò.
Giunse intanto anche Simon Pietro, che lo seguiva, ed entrò nel sepolcro e osservò i teli posati là, e il sudario - che era stato sul suo capo - non posato là con i teli, ma avvolto in un luogo a parte.
Allora entrò anche l'altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette. Infatti non avevano ancora compreso la Scrittura, che cioè egli doveva risorgere dai morti.

Parola del Signore

L’agnello immolato ci strappò dalla morte

Molte cose sono state predette dai profeti riguardanti il mistero della Pasqua, che è Cristo, «al quale sia gloria nei secoli dei secoli. Amen» (Gal 1, 5, ecc.). Egli scese dai cieli sulla terra per l’umanità sofferente; si rivestì della nostra umanità nel grembo della Vergine e nacque come uomo. Prese su di sé le sofferenze dell’uomo sofferente attraverso il corpo soggetto alla sofferenza, e distrusse le passioni della carne. Con lo Spirito immortale distrusse la morte omicida.
Egli infatti fu condotto e ucciso dai suoi carnefici come un agnello, ci liberò dal modo di vivere del mondo come dall’Egitto, e ci salvò dalla schiavitù del demonio come dalla mano del Faraone. Contrassegnò le nostre anime con il proprio Spirito e le membra del nostro corpo con il suo sangue.
Egli è colui che coprì di confusione la morte e gettò nel pianto il diavolo, come Mosè il faraone. Egli è colui che percosse l’iniquità e l’ingiustizia, come Mosè condannò alla sterilità l’Egitto.
Egli è colui che ci trasse dalla schiavitù alla libertà, dalle tenebre alla luce, dalla morte alla vita, dalla tirannia al regno eterno. Ha fatto di noi un sacerdozio nuovo e un popolo eletto per sempre. Egli è la Pasqua della nostra salvezza.
Egli è colui che prese su di sé le sofferenze di tutti. Egli è colui che fu ucciso in Abele, e in Isacco fu legato ai piedi. Andò pellegrinando in Giacobbe, e in Giuseppe fu venduto. Fu esposto sulle acque in Mosè, e nell’agnello fu sgozzato.
Fu perseguitato in Davide e nei profeti fu disonorato.
Egli è colui che si incarnò nel seno della Vergine, fu appeso alla croce, fu sepolto nella terra e, risorgendo dai morti, salì alle altezze dei cieli. Egli è l’agnello che non apre bocca, egli è l’agnello ucciso, egli è nato da Maria, agnella senza macchia. Egli fu preso dal gregge, condotto all’uccisione, immolato verso sera, sepolto nella notte. Sulla croce non gli fu spezzato osso e sotto terra non fu soggetto alla decomposizione.
Egli risuscitò dai morti e fece risorgere l’umanità dal profondo del sepolcro.

Dall’«Omelia sulla Pasqua» di Melitone di Sardi, vescovo (Capp. 65-67; SC 123, 95-101)

Come è perchè è nata questa Invocazione

Recandomi alla Santa Messa, durante la celebrazione, ho sempre letto e riletto il Salmo Responsoriale e pregando con la preghiera del cuore mi è venuto spontaneo unire la preghiera al Salmo. Giorno dopo giorno, la cosa mi è piaciuta sempre di più, tanto da utilizzarla come piccolo aiuto per entrare nello Spirito della Preghiera e come piccolo ausilio per sgombrare la mente dagli innumerevoli problemi che abbiamo..........

In unione di preghiera.
Buona e Santa Preghiera. La Pace Maurizio G.


Preghiera della moltiplicazione con la preghiera del Cuore
33 suppliche da pregare in onore dei 33 anni di vita del Signore

Archivio Preghiera del Cuore Quotidiana



Preghiera dell'Angelus Tre momenti per poter pregare:

al mattino, luce di sole che illumina il nostro cammino; a mezzogiorno, forza del nostro lavoro; al tramonto, serena nostalgia dei cieli ai quali siamo avviati

Archivio: Preghiere per ogni Occasione

100 CAPSULE AUTOPROTETTE COMPATIBILI Nespresso*
ORO DI NAPOLI 100 CAPSULE AUTOPROTETTE COMPATIBILI
100 Capsule autoprotette compatibili Nespresso* e molte altre

Monachesimo, storie di uomini e di deserti
Monachesimo, storie di uomini e di deserti

Monachesimo, storie di uomini e di deserti - Tra follia e santità

Monachesimo, storie di uomini e di deserti - Da Oriente ad Occidente

Monachesimo, storie di uomini e di deserti - Tra solitudine e comunione

Monachesimo, storie di uomini e di deserti - Gerusalemme e Gaza


L'uso della invocazione del Nome

L'invocazione del Nome come via spirituale

Il Nome di Gesù e lo Spirito Santo

L'invocazione del Nome come culto

Il Nome di Gesù come eucarestia

Il Nome di Gesù e il Padre

Il Nome e la pienezza totale





HOME PAGE