Anno Giubileo Della Misericordia di Dio
Libri Sconto del 15% Lista in Continuo Aggiornamento


Il Santo del Calendario:



Questo mese è stato curato da:

Chiara Sani

Arcidiocesi di Pisa Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi
Lunedì 5 ottobre 2015
Gio 1, 1-2, 1.11; Gio 2, 3-5.8
Vangelo secondo Luca (10, 25-37)























Teche Porta Ostie

Teche Porta Ostia Sconto del 15% offerta sempre valida

Camici Per Sacerdote - Ministri Straordinari dell'Eucaristia - Accoliti

Camici Per Sacerdote Ministri Straordinari dell'Eucaristia e Accoliti
Preghiera Iniziale


Oggi, nessuno al mondo si sente responsabile di questo (la strage di migranti);
abbiamo perso il senso della responsabilità fraterna;
siamo caduti nell'atteggiamento ipocrita del sacerdote e del servitore dell'altare,
di cui parlava Gesù nella parabola del buon Samaritano:
guardiamo il fratello mezzo morto sul ciglio della strada,
forse pensiamo “poverino”,
e continuiamo per la nostra strada, non è compito nostro;
e con questo ci tranquillizziamo, ci sentiamo a posto.
(Papa Francesco, omelia a Lampedusa, 8 luglio 2013)

Ascolta


In quel tempo, un dottore della Legge si alzò per mettere alla prova Gesù e chiese: «Maestro, che cosa devo fare per ereditare la vita eterna?». Gesù gli disse: «Che cosa sta scritto nella Legge? Come leggi?». Costui rispose: «Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima, con tutta la tua forza e con tutta la tua mente, e il tuo prossimo come te stesso». Gli disse: «Hai risposto bene; fa' questo e vivrai».
Ma quello, volendo giustificarsi, disse a Gesù: «E chi è mio prossimo?». Gesù riprese: «Un uomo scendeva da Gerusalemme a Gèrico e cadde nelle mani dei briganti, che gli portarono via tutto, lo percossero a sangue e se ne andarono, lasciandolo mezzo morto. Per caso, un sacerdote scendeva per quella medesima strada e, quando lo vide, passò oltre. Anche un levìta, giunto in quel luogo, vide e passò oltre. Invece un Samaritano, che era in viaggio, passandogli accanto, vide e ne ebbe compassione. Gli si fece vicino, gli fasciò le ferite, versandovi olio e vino; poi lo caricò sulla sua cavalcatura, lo portò in un albergo e si prese cura di lui. Il giorno seguente, tirò fuori due denari e li diede all'albergatore, dicendo: “Abbi cura di lui; ciò che spenderai in più, te lo pagherò al mio ritorno”. Chi di questi tre ti sembra sia stato prossimo di colui che è caduto nelle mani dei briganti?». Quello rispose: «Chi ha avuto compassione di lui». Gesù gli disse: «Va' e anche tu fa' così».




Medita


Il brano evangelico può dividersi in due parti: la prima, teorica, è costituita da un dialogo tra un dottore della Legge e Gesù; la seconda si pone come spiegazione-esempio nella forma della parabola. Che due Rabbi si interrogassero e discutessero della Legge era assai frequente in Israele: una battuta dice che dove ci sono due ebrei colti a discutere di Scrittura ci sono tre opinioni. Ma qui c'è qualcosa di strano: l'interrogante sente di doversi “giustificare”, in qualche modo intuisce che Gesù, che lui voleva mettere alla prova, lo sta “provocando”, gli sta chiedendo di uscire dall'astrazione per mettersi in gioco personalmente. E chiede chi è il suo prossimo. La risposta, la celeberrima parabola del buon Samaritano, è chiara: l'osservante ipocrita, il sacerdote non si fanno prossimo, lo fa un Samaritano, uno che gli Ebrei ortodossi disprezzavano. Nelle diverse circostanze della vita non dobbiamo chiederci distrattamente chi è il nostro prossimo, ma vedere il fratello nel bisogno e intervenire facendosi suo prossimo con spontaneità e cuore aperto.


Enzo Bianchi Priore di BoseEnzo Bianchi Priore di Bose - LA PREGHIERA DI GESÙ
“Il Signore, vedendo il nostro desiderio e il nostro sforzo di pregare, ci dà il suo aiuto, secondo le parole dei santi: a chi prega con semplicità, Dio accorda il dono della preghiera del cuore”. Continua....


Per Riflettere

L'amore ai fratelli è teoria o pratica quotidiana per me?


ESICASMO LA PREGHIERA - Consigli spirituali dello Starez Ieronimos di EginaLA PREGHIERA - Consigli spirituali dello Starez Ieronimos di Egina
Quando pregate e dite: Credo .... in un solo Dio ... Padre Onnipotente ..... creatore del cielo e della terra .... dite le parole lentamente cercando di sentirle dentro di voi, impedendo così al maligno di entrare con pensieri di disturbo. Continua....






Torna su: Indice Mese OTTOBRE 2015




Home Page


Home Page