Ascolta e Medita Novembre 2017
Arcidiocesi di Pisa Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi

Bibbie e Bibbia di Gerusalemme Sconto 15% Bibbie e Bibbia di Gerusalemme Sconto 15% Bibbia di Gerusalemme
La Bibbia Via Verita' e Vita
La Bibbia Testo CEI. Sconto 15%
Novena allo SPIRITO SANTO NOVENA ALLO SPIRITO SANTO Da pregare per nove giorni consecutivi qualsiasi volta si voglia dar lode, ringraziare o chiedere una grazia.




VOGLIO CONFESSARMI BENE!
"Ti aiuti la Madonna a riconciliarti con Dio, col tuo prossimo, con te stesso, con la vita" dal Santuario di Montenero - Livorno

Anno 2018 Calendarietto Liturgico, Diario Scolastico, Agendine, Calendari da Tavolo e Calendari da Parete - Suore Apostoline - Suore Agostiniane - Suore Paoline e Edizioni San Paolo

Ascolta e Medita Novembre 2017Questo mese è stato curato da: Rossella e Davide Salvetti Arcidiocesi di Pisa Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi


Giovedì 9 novembre 2017
Ez 47, 1-2.8-9.12 opp. 1Cor 3, 9c-11.16-17; Sal 45
Vangelo secondo Giovanni (2, 13-22)

Preghiera Iniziale


O Dio, nostro Padre,
che nel tuo Figlio fatto uomo
hai costruito il nuovo tempio della tua gloria,
stabilisci in noi la dimora del tuo Spirito
e trasforma in sorgente di benedizione
la nostra comune preghiera.

(Dalla liturgia del giorno)

Ascolta Vangelo


Si avvicinava la Pasqua dei Giudei e Gesù salì a Gerusalemme. Trovò nel tempio gente che vendeva buoi, pecore e colombe e, là seduti, i cambiamonete. Allora fece una frusta di cordicelle e scacciò tutti fuori del tempio, con le pecore e i buoi; gettò a terra il denaro dei cambiamonete e ne rovesciò i banchi, e ai venditori di colombe disse: «Portate via di qui queste cose e non fate della casa del Padre mio un mercato!».
I suoi discepoli si ricordarono che sta scritto: «Lo zelo per la tua casa mi divorerà».
Allora i Giudei presero la parola e gli dissero: «Quale segno ci mostri per fare queste cose?». Rispose loro Gesù: «Distruggete questo tempio e in tre giorni lo farò risorgere». Gli dissero allora i Giudei: «Questo tempio è stato costruito in quarantasei anni e tu in tre giorni lo farai risorgere?». Ma egli parlava del tempio del suo corpo.
Quando poi fu risuscitato dai morti, i suoi discepoli si ricordarono che aveva detto questo, e credettero alla Scrittura e alla parola detta da Gesù.


Medita


«Non fate della casa del Padre mio un mercato!», esclama Gesù inveendo contro chi vende gli animali per i sacrifici da compiere nel tempio. Eppure i venditori si trovavano lì per compiere un servizio nei confronti di chi seguiva i precetti della legge; ma ciò che in origine aveva un significato profondamente spirituale, era diventato mera esecuzione materiale di gesti, e questo Gesù non può accettarlo. Gesù vuole ricordarci che al Padre interessa il nostro cuore, non le nostre azioni; queste da sole non saranno mai sufficienti a procurarci la salvezza: Dio solo è fonte di salvezza. Solo se ci affidiamo a Lui, se lasciamo che agisca in noi, se ci lasciamo trasportare dal fiume in piena del Suo amore, otterremo la salvezza, come ogni creatura riceve vita dalle acque salvifiche che scaturiscono dal santuario nella visione di Ezechiele. Del resto, come Gesù ci fa capire in questo brano e come ci ricorda San Paolo nella prima lettera ai Corinzi, il tempio santo di Dio non è una costruzione dell'uomo esterna all'uomo stesso: noi siamo il tempio santo di Dio e non possiamo porvi altro fondamento che Gesù Cristo. Gesù ci invita a non cercare più Dio al di fuori di noi, in un luogo lontano e inaccessibile, ma dentro di noi: «Non sapete che siete tempio di Dio e che lo Spirito di Dio abita in voi?» (1Cor 3, 16). E Gesù stesso, tempio di Dio per eccellenza, si è dato in sacrificio una volta per tutte, è Lui stesso che si offre come strumento di comunione tra noi e il Padre.


Per Riflettere e Preghiera Finale


La dimora che Dio ha preparato in noi va custodita, va tenuta con cura, lo Spirito che si è stabilito nel nostro cuore va alimentato. Non possiamo ricorrere a Dio solo nei momenti del bisogno, ma, come figli che amano il padre, dobbiamo ricercare la comunione con Lui.


Signore, se la porta del mio cuore
dovesse restare chiusa un giorno,
abbattila ed entra, non andare via.
Se le corde del mio cuore
non dovessero cantare il tuo nome un giorno,
ti prego aspetta, non andare via.
Se non dovessi svegliarmi
al tuo richiamo un giorno,
svegliami con la tua pena, non andare via.
Se un altro sul tuo trono
io dovessi porre un giorno,
tu, mio Signore, non andare via.
(Rabindranath Tagore)






 


Home Page