Ascolta e Medita Marzo 2018
Arcidiocesi di Pisa Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi
Crocifissi da Parete e da Tavolo
di San Benedetto, di San Damiano e Tradizionali Produzione Artigianale Nazionale

Libreria Edizioni Paoline

La Via Crucis - Le 14 stazioni
La Via Crucis (dal latino, Via della Croce - anche detta Via Dolorosa) è un rito della Chiesa cattolica con cui si ricostruisce e commemora il percorso doloroso di Cristo che si avvia alla crocifissione sul Golgota......




VOGLIO CONFESSARMI BENE!
"Ti aiuti la Madonna a riconciliarti con Dio, col tuo prossimo, con te stesso, con la vita" dal Santuario di Montenero - Livorno

Ascolta e Medita Marzo 2018 Questo mese è stato curato da: Michela e Roberto Roncella Arcidiocesi di Pisa Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi


Giovedì 22 marzo 2018
Gn 17, 3-9; Sal 104
Vangelo secondo Giovanni (8, 51-59)

Santo del Calendario di Oggi:
22 Marzo - Santa Lea




Ricerca all'interno del sito novena.it


Preghiera Iniziale


Canterò in eterno l'amore del Signore,
di generazione in generazione
farò conoscere con la mia bocca la tua fedeltà,
perché ho detto: «È un amore edificato per sempre;
nel cielo rendi stabile la tua fedeltà».
«Ho stretto un'alleanza con il mio eletto,
ho giurato a Davide, mio servo.
Stabilirò per sempre la tua discendenza,
di generazione in generazione edificherò il tuo trono».
I cieli cantano le tue meraviglie, Signore,
la tua fedeltà nell'assemblea dei santi.
(Salmo 88)



Ascolta Vangelo


In quel tempo, Gesù disse ai Giudei: «In verità, in verità io vi dico: “Se uno osserva la mia parola, non vedrà la morte in eterno”». Gli dissero allora i Giudei: «Ora sappiamo che sei indemoniato. Abramo è morto, come anche i profeti, e tu dici: “Se uno osserva la mia parola, non sperimenterà la morte in eterno”. Sei tu più grande del nostro padre Abramo, che è morto? Anche i profeti sono morti. Chi credi di essere?».
Rispose Gesù: «Se io glorificassi me stesso, la mia gloria sarebbe nulla. Chi mi glorifica è il Padre mio, del quale voi dite: “È nostro Dio!”, e non lo conoscete. Io invece lo conosco. Se dicessi che non lo conosco, sarei come voi: un mentitore. Ma io lo conosco e osservo la sua parola. Abramo, vostro padre, esultò nella speranza di vedere il mio giorno; lo vide e fu pieno di gioia».
Allora i Giudei gli dissero: «Non hai ancora cinquant'anni e hai visto Abramo?». Rispose loro Gesù: «In verità, in verità io vi dico: prima che Abramo fosse, Io Sono».
Allora raccolsero delle pietre per gettarle contro di lui; ma Gesù si nascose e uscì dal tempio.

Medita


Accade spesso, durante la vita, di essere invitati ad aderire a un partito, a una religione, a un'idea, o a entrare a far parte—più o meno esplicitamente—del seguito di qualcuno. Di solito nella sequela c'è un ritorno, un qualche vantaggio ottenuto a fronte della perdita di autonomia e del riconoscimento del potere e della gloria altrui. A prima vista potrebbe sembrare che anche l'invito di Gesù, “osservate la mia parola”, rientri in questo tipo di inviti, ma ci sono molti elementi nel racconto di Giovanni che non tornano. Prima di tutto, il compenso previsto è assurdamente fuori misura: non vedere la morte in eterno, cioè avere la vita per sempre, è cosa che non può promettere neppure il più potente dei re, e la morte è intrinseca a ogni esperienza umana. I Giudei insorgono, e con una sorprendente concretezza—negando inconsapevolmente una qualsiasi credibilità all'idea di resurrezione, che pure “teoricamente” accettavano—oppongono a Gesù l'evidenza costituita dalle tombe dei patriarchi e dei profeti, nessuno escluso. «Chi credi essere?».
E poi è strano il contenuto del messaggio da osservare: i potenti che abbiamo intorno sono costretti ad accontentarsi dell'obbedienza, dell'adulazione delle parole e dei gesti, perché sanno di non poter pretendere l'adesione del cuore e l'amore. La sequela richiesta da Gesù ha invece come modello il rapporto che lega lui a un Padre amato, di cui noi non abbiamo conoscenza diretta e che confusamente identifichiamo con l'idea di una presenza soprannaturale che sfacciatamente ci permettiamo di nominare con il possessivo: il nostro Dio. Il dialogo è impossibile e la reazione violenta, ma la missione di Gesù, che si sottrae all'attacco, non è ancora compiuta.

Per Riflettere e Preghiera Finale

Qual è il senso della nostra situazione umana rivelatoci da Gesù, che è Dio tra noi e Dio per noi? Che noi siamo amati da Dio. Amati da Dio, qualunque sia l'oscurità e l'insignificanza della nostra situazione presente, malgrado la derelizione nella quale pensiamo di essere. È un messaggio trasformante; […] benché mi senta abbandonato e disperso in un mondo senza senso, nel quale sembrano dominare il caso e la necessità, io sono amato da Dio: Dio si dà per me e dà per me quanto ha di più caro. (Carlo Maria Martini)

Insegnami a cercarti, e mostrati a me che ti cerco.
Io non posso cercarti se tu non mi insegni,
né trovarti se tu non ti mostri.
Che io ti cerchi desiderandoti, che ti desideri cercandoti,
che ti trovi amandoti, e che ti ami trovandoti.
Io ti riconosco, Signore, e ti ringrazio
di aver creato in me questa tua immagine
affinché di te sia memore, ti pensi e ti ami.
(Sant Anselmo d'Aosta)

Padri della Chiesa - Brani scelti per il mese di Marzo

Non giudicare il prossimo

Non c’è peccato più grave e terribile, come dico spesso, del giudicare il prossimo. Perché piuttosto non giudichiamo noi stessi e i nostri mali che conosciamo così bene e di cui dovremo rendere conto a Dio? Perché vogliamo metterci al posto di Dio ed esser noi a giudicare?
Solo a Dio spetta giustificare e condannare, a lui che conosce la situazione di ciascuno, le sue forze, il suo modo di comportarsi, i suoi carismi, il suo temperamento, le sue possibilità e giudica ciascuno secondo tutto quello che lui solo conosce.
Dio infatti giudica in modo diverso un vescovo o un principe, il maestro e il discepolo, l’anziano e il giovane, chi è malato e chi è sano. E chi può conoscere questi giudizi, se non colui che tutto ha creato, che tutto ha plasmato e che tutto conosce?

Doroteo di Gaza, Insegnamenti vari 6,71-72



Bibbie e Bibbia di Gerusalemme Sconto 15% Bibbie e Bibbia di Gerusalemme Sconto 15% Bibbie e Bibbia di Gerusalemme Sconto 15% Bibbie e Bibbia di Gerusalemme Sconto 15% Bibbia di Gerusalemme Edizioni EDB - La Bibbia Via Verita' e Vita Edizioni San Paolo - La Bibbia Testo C.E.I. Sconto 15%


Home Page