Ascolta e Medita Marzo 2018
Arcidiocesi di Pisa Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi
Crocifissi da Parete e da Tavolo
di San Benedetto, di San Damiano e Tradizionali Produzione Artigianale Nazionale

Libreria Edizioni Paoline

La Via Crucis - Le 14 stazioni
La Via Crucis (dal latino, Via della Croce - anche detta Via Dolorosa) è un rito della Chiesa cattolica con cui si ricostruisce e commemora il percorso doloroso di Cristo che si avvia alla crocifissione sul Golgota......




VOGLIO CONFESSARMI BENE!
"Ti aiuti la Madonna a riconciliarti con Dio, col tuo prossimo, con te stesso, con la vita" dal Santuario di Montenero - Livorno

Ascolta e Medita Marzo 2018 Questo mese è stato curato da: Michela e Roberto Roncella Arcidiocesi di Pisa Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi


Mercoledì 21 marzo 2018
Dn 3, 14-20.46-50.91-92.95; Dn 3, 52-56
Vangelo secondo Giovanni (8, 31-42)

Santo del Calendario di Oggi:
21 Marzo - San Nicola di Flue eremita, patrono della Svizzera




Ricerca all'interno del sito novena.it


Preghiera Iniziale


Mostraci, Signore, la tua misericordia
e donaci la tua salvezza.
Ascolterò che cosa dice Dio, il Signore:
egli annuncia la pace
per il suo popolo, per i suoi fedeli,
per chi ritorna a lui con fiducia.
Sì, la sua salvezza è vicina a chi lo teme,
perché la sua gloria abiti la nostra terra.
Amore e verità s'incontreranno,
giustizia e pace si baceranno.
Verità germoglierà dalla terra
e giustizia si affaccerà dal cielo.
(Salmo 84)



Ascolta Vangelo


In quel tempo, Gesù disse a quei Giudei che gli avevano creduto: «Se rimanete nella mia parola, siete davvero miei discepoli; conoscerete la verità e la verità vi farà liberi». Gli risposero: «Noi siamo discendenti di Abramo e non siamo mai stati schiavi di nessuno. Come puoi dire: “Diventerete liberi”?».
Gesù rispose loro: «In verità, in verità io vi dico: chiunque commette il peccato è schiavo del peccato. Ora, lo schiavo non resta per sempre nella casa; il figlio vi resta per sempre. Se dunque il Figlio vi farà liberi, sarete liberi davvero. So che siete discendenti di Abramo. Ma intanto cercate di uccidermi perché la mia parola non trova accoglienza in voi. Io dico quello che ho visto presso il Padre; anche voi dunque fate quello che avete ascoltato dal padre vostro».
Gli risposero: «Il padre nostro è Abramo». Disse loro Gesù: «Se foste figli di Abramo, fareste le opere di Abramo. Ora invece voi cercate di uccidere me, un uomo che vi ha detto la verità udita da Dio. Questo, Abramo non l'ha fatto. Voi fate le opere del padre vostro».
Gli risposero allora: «Noi non siamo nati da prostituzione; abbiamo un solo padre: Dio!». Disse loro Gesù: «Se Dio fosse vostro padre, mi amereste, perché da Dio sono uscito e vengo; non sono venuto da me stesso, ma lui mi ha mandato».

Medita


Libertà e schiavitù. Verità contro menzogna e peccato. È veramente difficile per Gesù raggiungere il cuore dei suoi ascoltatori, che pure, attratti dai segni visti, lo stanno seguendo. L'invito a cercare attivamente la verità di se stessi, di accogliere l'avvento di un nuovo rapporto con Dio, si infrange contro il muro di una tradizione staticamente acquisita, per sempre. La discendenza “genetica” da Abramo, la promessa di Dio divenuta possesso esclusivo, la formalità della legge privata dell'adesione del cuore, diventano il motivo di un rifiuto sempre più netto e indispettito, nonostante il fascino di questo strano maestro, nonostante i segni.
Certamente le affermazioni di Gesù, riportate da un Giovanni che ormai ha capito e creduto, sono forti, ed è comprensibile la difficoltà per chiunque ad aderirvi facilmente, specialmente se si è cresciuti nel timore di trovarsi senza schermi davanti allo sguardo di Dio. Ma allo stesso tempo si coglie in esse uno stimolo sincero ad andare oltre, a cercare sempre quella verità, delle cose e di noi stessi, che sola può essere il fondamento della libertà, condizione necessaria per amare.
Anche noi—qui, oggi—possiamo fortunatamente vantarci di essere liberi, di aver avuto chi ha lottato per noi contro poteri e regimi che in passato hanno negato la dignità umana, di essere figli legittimi di una tradizione buona—come lo sono tutte le tradizioni ufficiali. Anche per noi vale allora l'invito di Gesù a non usare l'eredità dei padri per giustificare opere che hanno invece la paternità del maligno, a rimanere nella sua parola, a non chiudere il cuore all'amore.

Per Riflettere e Preghiera Finale

Il peccato rende schiavi perché il rifiuto della verità ottenebra l'uomo, rendendolo incapace di percepire la luce: questa è la schiavitù. Invece l'accoglienza della verità trasforma la struttura interiore dell'uomo liberandola da tutte le idolatrie che la deviano. La verità di Gesù rende l'uomo a se stesso. (Don Bruno Maggioni)

Quando venne la pienezza del tempo,
Dio mandò il suo Figlio, nato da donna, nato sotto la Legge,
per riscattare quelli che erano sotto la Legge,
perché ricevessimo l'adozione a figli.
E che voi siete figli lo prova il fatto
che Dio mandò nei nostri cuori lo Spirito del suo Figlio,
il quale grida: «Abbà! Padre!».
Quindi non sei più schiavo, ma figlio e,
se figlio, sei anche erede per grazia di Dio.
(Lettera ai Galati 4, 4-7)

Padri della Chiesa - Brani scelti per il mese di Marzo

Potessi io essere scudo di Dio

La giustificazione perfetta e assoluta per ognuno deriva dalla propria coscienza. A me non importa un bel niente essere giudicato da coloro che dicono bene al male e male al bene, che chiamano luce le tenebre e tenebre la luce. Ma siccome è inevitabile che l’uno o l’altro di questi casi si avveri, io preferisco che si dica contro di noi piuttosto che contro Dio.
Potessi io essere scudo a Dio! Purché non cadano su di lui, piovano pure su di me le frecce avvelenate della maldicenza e dell’improperio. Purché sia salva la gloria di Dio, rinuncio volentieri alla mia. Possano riferirsi a me quelle parole della Scrittura: « Giacché per te io sopporto l’obbrobrio, e la vergogna copre il mio volto» (Sal 68,8).
La mia gloria consiste nell’essere unito a Cristo che dice: «Gli insulti dei tuoi ingiuriatori sono ricaduti su di me» (Sal 68,10).

Bernardo di Chiaravalle, La Considerazione 2,1



Bibbie e Bibbia di Gerusalemme Sconto 15% Bibbie e Bibbia di Gerusalemme Sconto 15% Bibbie e Bibbia di Gerusalemme Sconto 15% Bibbie e Bibbia di Gerusalemme Sconto 15% Bibbia di Gerusalemme Edizioni EDB - La Bibbia Via Verita' e Vita Edizioni San Paolo - La Bibbia Testo C.E.I. Sconto 15%


Home Page