Ascolta e Medita Marzo 2018
Arcidiocesi di Pisa Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi
Crocifissi da Parete e da Tavolo
di San Benedetto, di San Damiano e Tradizionali Produzione Artigianale Nazionale

Libreria Edizioni Paoline

La Via Crucis - Le 14 stazioni
La Via Crucis (dal latino, Via della Croce - anche detta Via Dolorosa) è un rito della Chiesa cattolica con cui si ricostruisce e commemora il percorso doloroso di Cristo che si avvia alla crocifissione sul Golgota......




VOGLIO CONFESSARMI BENE!
"Ti aiuti la Madonna a riconciliarti con Dio, col tuo prossimo, con te stesso, con la vita" dal Santuario di Montenero - Livorno

Ascolta e Medita Marzo 2018 Questo mese è stato curato da: Michela e Roberto Roncella Arcidiocesi di Pisa Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi


Giovedì 8 marzo 2018
Ger 7, 23-28; Sal 94
Vangelo secondo Luca (11, 14-23)

Santo del Calendario di Oggi:
08 Marzo - San Giovanni di Dio religioso




Ricerca all'interno del sito novena.it


Preghiera Iniziale


Meravigliosa è la tua alleanza,
per questo le sono fedele.
La tua parola nel rivelarsi illumina,
dona saggezza ai semplici.
Apro anelante la bocca,
perché desidero i tuoi comandamenti.
Volgiti a me e abbi misericordia,
tu che sei giusto per chi ama il tuo nome.
Rendi saldi i miei passi secondo la tua parola
e su di me non prevalga il male.
(Salmo 119)



Ascolta Vangelo


In quel tempo, Gesù stava scacciando un demonio che era muto. Uscito il demonio, il muto cominciò a parlare e le folle furono prese da stupore. Ma alcuni dissero: «È per mezzo di Beelzebùl, capo dei demòni, che egli scaccia i demòni». Altri poi, per metterlo alla prova, gli domandavano un segno dal cielo.
Egli, conoscendo le loro intenzioni, disse: «Ogni regno diviso in se stesso va in rovina e una casa cade sull'altra. Ora, se anche satana è diviso in se stesso, come potrà stare in piedi il suo regno? Voi dite che io scaccio i demòni per mezzo di Beelzebùl. Ma se io scaccio i demòni per mezzo di Beelzebùl, i vostri figli per mezzo di chi li scacciano? Per questo saranno loro i vostri giudici. Se invece io scaccio i demòni con il dito di Dio, allora è giunto a voi il regno di Dio.
Quando un uomo forte, bene armato, fa la guardia al suo palazzo, ciò che possiede è al sicuro. Ma se arriva uno più forte di lui e lo vince, gli strappa via le armi nelle quali confidava e ne spartisce il bottino.
Chi non è con me è contro di me, e chi non raccoglie con me, disperde».

Medita


La sofferenza per una disabilità, l'incapacità di parlare, e il sollievo per la guarigione sono solo l'occasione per l'avvio di una discussione dove la persona e il suo carico di umanità escono subito di scena. Il protagonista è il maligno, l'avversario sconfitto. Nulla sappiamo su chi, con dolore, l'aveva suo malgrado ospitato. E il gesto di attenzione di Gesù è solo motivo di stupore per la folla, che percepiamo niente affatto amica, e tutto l'interesse è sulla misura del potere di Gesù e sulla sua legittimazione.
Percepiamo sullo sfondo un conflitto mortale, fatto di gelosia, invidia e paura per la possibile perdita di un ruolo privilegiato che l'annuncio di Gesù e di un nuovo regno lasciano intravedere. La riflessione di Gesù smaschera l'irragionevolezza di intenzioni e sottintesi ipocritamente vestiti di devozione: c'è sempre la tentazione di rifiutare contro ogni evidenza, di condizionare a un nuovo e più grande segno dal cielo una fiducia che invece è pregiudizialmente negata.
Le sue parole conclusive sono decise e danno speranza: Gesù è davvero più forte del maligno, è l'alleato a cui stringersi per non smarrirsi.

Per Riflettere e Preghiera Finale

Lo spirito muto, da cui lo Spirito ci guarisce, è quello del serpente, che ci rubò dalla bocca la parola che ci fa essere ciò che siamo. Per la sua menzogna l'uomo non sentì più la paternità di Dio, e non seppe più esprimere la sua filialità nella fraternità. […] Gesù entrerà in questo abisso per incontrare tutti i suoi fratelli che vi erano caduti e ridonerà loro la parola che santifica il nome del Padre e porta nel regno dei figli. (Padre Silvano Fausti sj)

Vieni, o Spirito creatore, visita le nostre menti,
riempi della tua grazia i cuori che hai creato.
O dolce consolatore, dono del Padre altissimo,
acqua viva, fuoco, amore, santo crisma dell'anima.
Dito della mano di Dio, promesso dal Salvatore,
irradia i tuoi sette doni, suscita in noi la parola.
Sii luce all'intelletto, fiamma ardente nel cuore,
sana le nostre ferite col balsamo del tuo amore.
Difendici dal nemico, reca in dono la pace,
la tua guida invincibile ci preservi dal male.
Luce d'eterna sapienza, svelaci il grande mistero
di Dio Padre e del Figlio uniti in un solo Amore.
Sia la gloria a Dio Padre, al Figlio che è risorto
e allo Spirito consolatore nei secoli senza fine. Amen.

Padri della Chiesa - Brani scelti per il mese di Marzo

Spezziamo la nostra volontà

Se dunque vogliamo essere completamente liberi, impariamo a spezzare la nostra volontà e così, poco per volta, con l’aiuto di Dio avanzeremo e arriveremo alla piena liberazione delle passioni. Nulla infatti è così utile all’uomo quanto spezzare la propria volontà; in realtà in questo modo si sorpassa quasi ogni altra virtù.

Come un uomo che è in viaggio e scopre a un certo punto una via più breve e la segue e per questa via guadagna una buona dose di strada, così è anche chi percorre questa via dello spezzare la propria volontà. Spezzando la propria volontà infatti, si ottiene il distacco dalle cose e tramite il distacco si arriva, con l’aiuto di Dio, alla perfetta libertà dei figli di Dio.

Doroteo di Gaza, Insegnamenti vari 1,20



Bibbie e Bibbia di Gerusalemme Sconto 15% Bibbie e Bibbia di Gerusalemme Sconto 15% Bibbie e Bibbia di Gerusalemme Sconto 15% Bibbie e Bibbia di Gerusalemme Sconto 15% Bibbia di Gerusalemme Edizioni EDB - La Bibbia Via Verita' e Vita Edizioni San Paolo - La Bibbia Testo C.E.I. Sconto 15%


Home Page