CROCIFISSI DI SAN DAMIANO

Crocifissi San Damiano in Argento, Legno e in Vetro di Murano Varie Misure



VOGLIO CONFESSARMI BENE!
"Ti aiuti la Madonna a riconciliarti con Dio, col tuo prossimo, con te stesso, con la vita" dal Santuario di Montenero - Livorno
/ Il Santo del Calendario:


Ascolta e Medita Maggio 2017- Questo mese è stato curato da: Cristina e Emanuele Cattin, Michela e Paolo Buti Arcidiocesi di Pisa Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi

Torna su: Indice Mese MAGGIO 2017



Sabato 13 maggio 2017
At 13, 44-52; Sal 97
Vangelo secondo Giovanni (14, 7-14)
Beata Vergine Maria di Fatima

Preghiera Iniziale

Cantate al Signore un canto nuovo,
perché ha compiuto meraviglie.
Gli ha dato vittoria la sua destra
e il suo braccio santo.
Il Signore ha fatto conoscere la sua salvezza,
agli occhi delle genti ha rivelato la sua giustizia.
Egli si è ricordato del suo amore,
della sua fedeltà alla casa d'Israele.
Tutti i confini della terra hanno veduto
la vittoria del nostro Dio.
Acclami il Signore tutta la terra,
gridate, esultate, cantate inni!
(Salmo 97)

Ascolta Vangelo

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «Se avete conosciuto me, conoscerete anche il Padre mio: fin da ora lo conoscete e lo avete veduto».
Gli disse Filippo: «Signore, mostraci il Padre e ci basta».
Gli rispose Gesù: «Da tanto tempo sono con voi e tu non mi hai conosciuto, Filippo? Chi ha visto me, ha visto il Padre. Come puoi tu dire: “Mostraci il Padre”? Non credi che io sono nel Padre e il Padre è in me? Le parole che io vi dico, non le dico da me stesso; ma il Padre, che rimane in me, compie le sue opere. Credete a me: io sono nel Padre e il Padre è in me. Se non altro, credetelo per le opere stesse.
In verità, in verità io vi dico: chi crede in me, anch'egli compirà le opere che io compio e ne compirà di più grandi di queste, perché io vado al Padre. E qualunque cosa chiederete nel mio nome, la farò, perché il Padre sia glorificato nel Figlio. Se mi chiederete qualche cosa nel mio nome, io la farò».



Medita

L'apostolo Filippo pone una domanda apparentemente ingenua ma che in realtà nasconde il profondo bisogno che alberga nel cuore di ciascun uomo: la necessità di vedere e conoscere il Dio Padre. Tutti noi sentiamo dentro la necessità di dare un volto a Dio, per non sentirlo distante da noi, in un certo senso per non sentirci spiritualmente orfani. Pensiamo come sin da bambini ricerchiamo il volto di mamma e papà, da “grandi” il volto della persona amata, dei nostri figli: è un'esigenza profonda. E lo stesso accade nei confronti di Dio Padre: per sentirlo vicino a noi dobbiamo conoscere il suo volto.
La risposta che Gesù dà a Filippo è straordinaria e attuale: “Filippo, da tanto tempo sono con voi e tu non mi hai conosciuto! Chi ha visto me ha visto il Padre!”. Ecco: Gesù é il volto di Dio Padre.
L'esigenza di conoscere il Padre trova risposta nelle parole e nei gesti di Gesù, nella sua vita. E questa verità ci dona grande serenità e fiducia in un Padre che si è pienamente rivelato a noi, che ha voluto essere vicino a tutti a noi al punto di condividere in Gesù il nostro essere uomini in tutti i suoi aspetti. È l'amore infinito di Dio per noi.
Grazie all'apostolo Filippo, ci è stato rivelato come il Figlio sia il volto del Padre. Per questo, in Gesù, Dio vive in mezzo a noi.




Per Riflettere

L'amore di Dio per l'uomo l'ha portato a rivelarsi pienamente in Gesù: riusciamo a vivere nelle vicende di tutti i giorni accompagnati dalla serenità e dalla fiducia dei figli che conoscono il volto del Padre?

Non so quando spunterà l'alba
non so quando potrò
camminare per le vie del tuo paradiso
non so quando i sensi
finiranno di gemere
e il cuore sopporterà la luce.
E la mente (oh, la mente!)
già ubriaca, sarà
finalmente calma
e lucida:
e potrò vederti in volto
senza arrossire.
(David Maria Turoldo)






Torna su: Indice Mese MAGGIO 2017
Icone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Originali Greche
Copie fedeli e austeri stile bizantino (Scuola Cretese – Teofanis) realizzate da padre Pefkis, agiografo diplomato dell’Accademia Ecclesiastica del Monte Santo (località Athos) con colori autentici e tradizionali con foglio dorato, su tela e legno invecchiato

Home Page



Home Page