Libri di Preghiere Edizioni Varie Sconto 15%
Novena allo SPIRITO SANTO NOVENA ALLO SPIRITO SANTO Da pregare per nove giorni consecutivi qualsiasi volta si voglia dar lode, ringraziare o chiedere una grazia.




VOGLIO CONFESSARMI BENE!
"Ti aiuti la Madonna a riconciliarti con Dio, col tuo prossimo, con te stesso, con la vita" dal Santuario di Montenero - Livorno

L'uomo in Preghiera - Catechesi di Benedetto XVI
in cammino nella“Scuola della preghiera” - “Signore, insegnaci a pregare” (Lc 11,1)

Ascolta e Medita Giugno 2017- Questo mese è stato curato da: Caterina Guidi Arcidiocesi di Pisa Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi

Torna su: Indice Mese GIUGNO 2017



Sabato 3 giugno 2017
At 28, 16-20.30-31; Sal 10
Vangelo secondo Giovanni (21, 20-25)
Santi Carlo Lwanga e compagni


Preghiera Iniziale


Per te il silenzio è lode, o Dio, in Sion,
a te si sciolgono i voti.
A te, che ascolti la preghiera,
viene ogni mortale.
Pesano su di noi le nostre colpe,
ma tu perdoni i nostri delitti.
Beato chi hai scelto perché ti stia vicino:
abiterà nei tuoi atri.
Ci sazieremo dei beni della tua casa,
delle cose sacre del tuo tempio.
Con i prodigi della tua giustizia,
tu ci rispondi, o Dio, nostra salvezza,
fiducia degli estremi confini della terra
e dei mari più lontani.
(Salmo 64)


Ascolta Vangelo


In quel tempo, Pietro si voltò e vide che li seguiva quel discepolo che Gesù amava, colui che nella cena si era chinato sul suo petto e gli aveva domandato: «Signore, chi è che ti tradisce?». Pietro dunque, come lo vide, disse a Gesù: «Signore, che cosa sarà di lui?». Gesù gli rispose: «Se voglio che egli rimanga finché io venga, a te che importa? Tu seguimi». Si diffuse perciò tra i fratelli la voce che quel discepolo non sarebbe morto. Gesù però non gli aveva detto che non sarebbe morto, ma: «Se voglio che egli rimanga finché io venga, a te che importa?».
Questi è il discepolo che testimonia queste cose e le ha scritte, e noi sappiamo che la sua testimonianza è vera. Vi sono ancora molte altre cose compiute da Gesù che, se fossero scritte una per una, penso che il mondo stesso non basterebbe a contenere i libri che si dovrebbero scrivere.


“Non si può respirare come cristiani, direi di più, come cattolici, con un solo polmone; bisogna aver due polmoni, cioè quello orientale e quello occidentale” (Giovanni Paolo II, Allocutio Lutetiae Parisiorum ad Christianos fratres a Sede Apostolica seiunctos habita, 31 maggio 1980: AAS 72 [1980] 704).
LA PREGHIERA CONTINUA e la preghiera di Gesù di: Matta El Meskin, (Matteo il Povero)

Alla luce della Parola (come leggere la Bibbia) Matta el Meskin (Matteo il Povero)

Medita


Oggi la Liturgia propone i versetti di chiusura del Vangelo di Giovanni, uno degli scritti neotestamentari che si prestano maggiormente ad essere “grattati sotto la superficie” per la grande ricchezza di messaggi che offre. L'evangelista Giovanni parla di sé, è lui il discepolo che Gesù ama; è lui a domandare a Gesù chi sarà a tradirlo; è lui uno dei primi testimoni della Resurrezione; è lui a rimanere al fianco di Maria, sotto la croce, ed è lui il primo a riconoscere Gesù risorto nelle sue apparizioni agli Apostoli. Ma il nome non viene fuori mai. Giovanni sa di non essere il protagonista della storia, il protagonista è il Signore. Quella che vuole indicarci l'autore del quarto Vangelo è semplicemente una maniera di testimoniare Cristo; Giovanni racconta la sua vocazione, il suo modo di essere discepolo di Gesù; il modello di sequela che ci viene offerto, così, è tutto diverso da quello di Pietro, o di Tommaso o degli altri… il discepolo amato da Gesù non darà—letteralmente—il sangue con il martirio; ma non per questo la sua testimonianza sarà meno incisiva. E non è stato il caso a decidere il destino di Giovanni; Gesù lo dice chiaramente: “questa è la sua chiamata, il suo cammino di fede con me. Che ti importa se il tuo è diverso? Tu seguimi”. In questo periodo dell'anno liturgico, mentre ci avviamo a chiudere il tempo di Pasqua, è bello ricordare attraverso questi versetti—dal significato forse non immediato da cogliere—quanto unico e irripetibile sia il disegno di Dio per ognuno di noi.




Per Riflettere

Per seguire la tua voce dammi la generosità di Abramo, la prontezza di Samuele, la naturalezza di Maria. E dammi la pazienza di attendere e l'umiltà di scegliere quella strada fra tutte, e la capacità di viverle tutte in quella unica che è mia. (Adriana Zarri)


Il Signore guida ciascuno per la propria strada,
e ciò che chiamiamo “destino” è l'opera sua d'artista,
dell'artista divino che si prepara la materia
e la forma per diverse vie:
con lievi tocchi di dita ma anche a colpi di scalpello.
Non è materia inerte quella che Dio lavora.
La sua più grande gioia di creatore
è che nasce la vita sotto la sua mano,
che la vita gli sgorga incontro,
quella vita che vi ha posto dentro egli stesso
e che ora dal di dentro risponde
ai tocchi lievi delle dita, ai colpi di scalpello.
È così che collaboriamo alla sua opera d'artista.
(Edith Stein)






Torna su: Indice Mese GIUGNO 2017
Icone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Originali Greche
Copie fedeli e austeri stile bizantino (Scuola Cretese – Teofanis) realizzate da padre Pefkis, agiografo diplomato dell’Accademia Ecclesiastica del Monte Santo (località Athos) con colori autentici e tradizionali con foglio dorato, su tela e legno invecchiato

Home Page


18 DVD Le grandi storie della Bibbia Sconto di oltre 33%

Abramo - Giacobbe - Mosè - Giuseppe - Sansone e Dalila - Genesi - Salomone - Davide - Geremia - Gesù - Ester - San Paolo - San Pietro - Giuseppe di Nazareth - Tommaso - Maria Maddalena - Giuda - San Giovanni



Home Page