Ascolta e Medita Gennaio 2018
Arcidiocesi di Pisa Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi

Novena allo SPIRITO SANTO NOVENA ALLO SPIRITO SANTO Da pregare per nove giorni consecutivi qualsiasi volta si voglia dar lode, ringraziare o chiedere una grazia.




VOGLIO CONFESSARMI BENE!
"Ti aiuti la Madonna a riconciliarti con Dio, col tuo prossimo, con te stesso, con la vita" dal Santuario di Montenero - Livorno

Ascolta e Medita Gennaio 2018 Questo mese è stato curato da: Benedetta e Adriano Cerri, Giovanni Mascellani, Donatella Bouillon Arcidiocesi di Pisa Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi


Martedì 16 gennaio 2018
1Sam 16, 1-13a; Sal 88
Vangelo secondo Marco (2, 23-28)




Preghiera Iniziale


Un tempo parlasti in visione ai tuoi fedeli, dicendo:
«Ho portato aiuto a un prode,
ho esaltato un eletto tra il mio popolo.
Ho trovato Davide, mio servo,
con il mio santo olio l'ho consacrato;
la mia mano è il suo sostegno,
il mio braccio è la sua forza.
Egli mi invocherà: “Tu sei mio padre,
mio Dio e roccia della mia salvezza”.
Io farò di lui il mio primogenito,
il più alto fra i re della terra».
(Salmo 88)



Ascolta Vangelo


In quel tempo, di sabato Gesù passava fra campi di grano e i suoi discepoli, mentre camminavano, si misero a cogliere le spighe. I farisei gli dicevano: «Guarda! Perché fanno in giorno di sabato quello che non è lecito?». Ed egli rispose loro: «Non avete mai letto quello che fece Davide quando si trovò nel bisogno e lui e i suoi compagni ebbero fame? Sotto il sommo sacerdote Abiatàr, entrò nella casa di Dio e mangiò i pani dell'offerta, che non è lecito mangiare se non ai sacerdoti, e ne diede anche ai suoi compagni!».
E diceva loro: «Il sabato è stato fatto per l'uomo e non l'uomo per il sabato! Perciò il Figlio dell'uomo è signore anche del sabato».



Medita


Summum ius, summa iniuria: il massimo del diritto è il massimo dell'ingiustizia, dicevano i romani, che pure hanno gettato le fondamenta della giurisprudenza tutt'oggi in vigore in buona parte dell'Europa. Anche per i farisei di cui si parla nel vangelo di oggi la Legge a cui si richiamano non è certo cosa di poco conto: essa è lo strumento che Dio ha dato agli uomini per vivere all'interno dell'Alleanza; mediante la Legge l'uomo conosce il desiderio di Dio sulla sua vita e può metterlo in pratica: uno scopo estremamente nobile! Ma è stolto applicare una legge dimenticandosi dello scopo originario che l'ha prodotta: si rischia di andare contro questo stesso scopo.
Qual è lo scopo della legge del sabato? Vietando il lavoro all'uomo, essa vuole ricordargli che la sua vita non si esaurisce nelle attività, pure importanti, che facciamo per la nostra sopravvivenza; è necessario trovare il tempo per ricordarsi dell'importanza delle relazioni con gli altri e con Dio e per curarle. Non si può vivere pensando soltanto a se stessi, alla propria routine, alle cose che bisogna fare, senza fermarsi mai a chiedersi perché si fanno, con quale scopo; senza guardare l'orizzonte della propria vita, pensare alla meta, pensare a ciò che la rende bella e controllando se si sta camminando nella direzione giusta o in quella sbagliata. Il sabato, per la Legge di Dio, è proprio il momento per fare questo, liberandosi per un po' dalle incombenze che ci tengono lo sguardo curvo per terra.
I farisei giudicano l'operato dei discepoli di Gesù dimenticandosi di questo scopo: la Legge diventa un'arma per far soffrire chi ha fame; per Gesù, invece, la Legge non ha nessun significato se non ha come finalità la felicità dell'uomo.


Per Riflettere e Preghiera Finale

Il commento finale di Gesù non vuole certo dire che la Legge si può ignorare: anzi, la rende più esigente, perché ci impone di chiederci se le nostre azioni ed i nostri pensieri sono “giusti” perché non violano nessuna regola, o perché la loro finalità è portare felicità agli uomini.

Il restare, il rimanere fedeli, implica un'uscita.
Proprio se si rimane nel Signore si esce da se stessi.
Paradossalmente proprio perché si rimane,
proprio se si è fedeli, si cambia.
Non si rimane fedeli, come i tradizionalisti,
o i fondamentalisti, alla lettera.
La fedeltà è sempre un cambiamento, un fiorire, una crescita.
(Papa Francesco)
Icone Greche Originali Serigrafia su Foglia Oro Icone Greche Originali Serigrafia su Foglia Oro Icone Greche Originali Serigrafia su Foglia Oro




 


Home Page