Ascolta e Medita Febbraio 2018
Arcidiocesi di Pisa Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi







VOGLIO CONFESSARMI BENE!
"Ti aiuti la Madonna a riconciliarti con Dio, col tuo prossimo, con te stesso, con la vita" dal Santuario di Montenero - Livorno

Ascolta e Medita Febbraio 2018 Questo mese è stato curato da: Fabiola, Matteo e Emanuele Tomasi Arcidiocesi di Pisa Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi


Mercoledì 7 febbraio 2018
1Re 10, 1-10; Sal 36
Vangelo secondo Marco (7, 14-23)

Santo del Calendario di Oggi: 08 Febbraio - S. Girolamo Emiliani




Preghiera Iniziale


Alla fine dei giorni,
[…] affluiranno tutte le genti.
Verranno molti popoli e diranno:
“Venite, saliamo sul monte del Signore,
al tempio del Dio di Giacobbe,
perché ci insegni le sue vie
e possiamo camminare per i suoi sentieri”.
Poiché da Sion uscirà la legge
e da Gerusalemme la parola del Signore.
Egli sarà giudice fra le genti
e arbitro fra molti popoli.
Spezzeranno le loro spade e ne faranno aratri,
delle loro lance faranno falci;
una nazione non alzerà più la spada
contro un'altra nazione,
non impareranno più l'arte della guerra.
(Isaia 2)



Ascolta Vangelo


In quel tempo, Gesù andò nella regione di Tiro. Entrato in una casa, non voleva che alcuno lo sapesse, ma non poté restare nascosto.
Una donna, la cui figlioletta era posseduta da uno spirito impuro, appena seppe di lui, andò e si gettò ai suoi piedi. Questa donna era di lingua greca e di origine siro-fenicia.
Ella lo supplicava di scacciare il demonio da sua figlia. Ed egli le rispondeva: «Lascia prima che si sazino i figli, perché non è bene prendere il pane dei figli e gettarlo ai cagnolini». Ma lei gli replicò: «Signore, anche i cagnolini sotto la tavola mangiano le briciole dei figli». Allora le disse: «Per questa tua parola, va': il demonio è uscito da tua figlia».
Tornata a casa sua, trovò la bambina coricata sul letto e il demonio se n'era andato.


Medita


Siamo dinanzi ad una Parola che ci mostra chiaramente la missione di Gesù che, uscendo dalla Galilea, si incammina verso un territorio pagano per annunciare a tutti popoli la salvezza. Così facendo, anche se Gesù svolge la sua missione innanzitutto fra i giudei, egli decide di non escludere i pagani dalla partecipazione della salvezza. Gesù, che vorrebbe starsene nascosto, si vede invece avvicinato da una donna straniera, che parla un'altra lingua, per implorare la guarigione della figlioletta posseduta dal demonio.
La risposta di Gesù è dura e forte, quasi irritante per la nostra comprensione contemporanea, fondata su una cultura che addirittura costruisce diritti per soddisfare bisogni individuali anche discutibili. Egli afferma che non è giusto privare i giudei del pane, cioè del dono della salvezza, per poi gettarlo ai pagani. La risposta della donna sorprende, in quanto ella si accorge di trovarsi già in una condizione ultima, sotto la tavola mentre i figli mangiano, godendo solo delle briciole che cadono “per caso”. La madre sottolinea però il fatto che i cagnolini non rubano o non tolgono niente a nessuno, semplicemente si accontentano di ciò che viene scartato.
C'è un Padre, ci sono dei figli e c'è qualcuno che pur di entrare nella casa del Padre si umilia, si abbassa così tanto da riconoscersi mendicante, a quattro zampe come un cagnolino.
Con questa immagine, il Vangelo porta quella mamma a proclamare la dimensione universale della salvezza—annunciata già dal profeta Isaia—che ora proprio con Gesù si compie. Pertanto il Figlio dell'uomo accoglie la richiesta della donna, ed impedisce al demonio di possedere il corpo della figlia. Ciò che fa leva sul cuore di Dio sono la bontà e la fede.
Le frontiere della salvezza sono così idealmente aperte oltre il popolo ebraico. Ogni uomo può essere salvato dalla tenera carezza del Signore, indipendentemente dalla sua provenienza. La missione della Chiesa è quella di continuare questa grande opera di evangelizzazione che si allarga nello spazio al mondo intero e per l'eternità proclamare che Gesù Cristo è il Salvatore.

Per Riflettere e Preghiera Finale

In che modo il donarmi a Dio e alla Chiesa mi trasforma nell'immagine di Dio che è in me e dà pienezza alla mia vita?


Io verrò a radunare tutte le genti e tutte le lingue;
essi verranno e vedranno la mia gloria.
Io porrò in essi un segno e manderò i loro superstiti
alle popolazioni di Tarsis, Put, Lud, Mesec, Ros, Tubal e Iavan,
alle isole lontane che non hanno udito parlare di me
e non hanno visto la mia gloria; essi annunceranno la mia gloria alle genti.
Ricondurranno tutti i vostri fratelli da tutte le genti come offerta al Signore.
(Isaia 66)



Abbi pietà di noi, Signore, abbi pietà di noi, privi di ogni giustificazione, noi peccatori ti rivolgiamo, o nostro Sovrano, questa supplica: abbi pietà di noi. Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo.
Signore, abbi pietà di noi: in te infatti, abbiamo riposto la nostra fiducia; non ti adirare oltremodo con noi, né ricordare i nostri peccati; ma misericordioso come sei, volgi su di noi il tuo sguardo benigno e liberaci dai nostri nemici. Tu infatti sei il nostro Dio e noi siamo il tuo popolo; tutti siamo opera delle tue mani ed abbiamo invocato il tuo nome. Ora e sempre e nei secoli dei secoli. Amen. (S. Macario il Grande)
Voglio Confessarmi Bene Voglio Confessarmi Bene!

"Ti aiuti la Madonna a riconciliarti con Dio, col tuo prossimo, con te stesso, con la vita" dal Santuario di Montenero




 


Home Page