Ascolta e Medita Febbraio 2018
Arcidiocesi di Pisa Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi







VOGLIO CONFESSARMI BENE!
"Ti aiuti la Madonna a riconciliarti con Dio, col tuo prossimo, con te stesso, con la vita" dal Santuario di Montenero - Livorno

Ascolta e Medita Febbraio 2018 Questo mese è stato curato da: Fabiola, Matteo e Emanuele Tomasi Arcidiocesi di Pisa Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi


Lunedì 5 febbraio 2018
1Re 8, 1-7.9-13; Sal 131
Vangelo secondo Marco (6, 53-56)

Santo del Calendario di Oggi: 05 Febbraio - S. Agata Vergine e martire.




Preghiera Iniziale


Signore, non si esalta il mio cuore
né i miei occhi guardano in alto;
non vado cercando cose grandi
né meraviglie più alte di me.
Io invece resto quieto e sereno:
come un bimbo svezzato in braccio a sua madre,
come un bimbo svezzato è in me l'anima mia.
Israele attenda il Signore,
da ora e per sempre.

(Salmo 131)



Ascolta Vangelo


In quel tempo, Gesù e i suoi discepoli, compiuta la traversata fino a terra, giunsero a Gennèsaret e approdarono. Scesi dalla barca, la gente subito lo riconobbe e, accorrendo da tutta quella regione, cominciarono a portargli sulle barelle i malati, dovunque udivano che egli si trovasse.
E là dove giungeva, in villaggi o città o campagne, deponevano i malati nelle piazze e lo supplicavano di poter toccare almeno il lembo del suo mantello; e quanti lo toccavano venivano salvati.


Medita


Il Vangelo di oggi ci fa incontrare Gesù in Galilea, presso Gennèsaret; qui il Signore viene immediatamente riconosciuto e la gente accorre, perché è proprio il Signore colui che li guarirà e li salverà. Per questa ragione lo cercano ovunque, con l'intento di affidargli gli ammalati nel corpo e nello spirito. L'entusiasmo del popolo dinanzi alla scoperta dell'arrivo di Gesù ci fa comprendere che nel cuore di ogni uomo non regna solamente il desiderio di incontrarsi con Lui, di stare con Lui, ma soprattutto il desiderio, grazie a questo incontro salvifico, di essere curati dalle malattie che schiacciano il nostro corpo e la nostra anima. La salvezza per ogni uomo avviene quando finalmente lasciamo che sia Dio a regnare nella nostra vita.
Il tocco simbolico del mantello che guarisce potrebbe ricordarci l'abbraccio tenero del Padre che ci accompagna lungo il cammino della nostra vita, indicandoci la strada da seguire, allontanandoci dal male e dal peccato. Non è il mantello in sé che procura la salvezza, ma la fede in Gesù figlio di Dio, il quale è il solo capace di consolare, guarire e ristabilirci nella giusta relazione con Dio.
Come ci ricorda Papa Francesco in merito al Vangelo di Matteo sull'emorroissa guarita da Gesù proprio dopo averne toccato il mantello (Mt 9, 20-22), Cristo è l'unica fonte di benedizione da cui scaturisce la salvezza per tutti gli uomini e la fede è la disposizione fondamentale per accoglierla. Gesù, con il suo agire pieno di misericordia, indica alla Chiesa il percorso da compiere per andare incontro ad ogni persona, perché ognuno possa essere guarito pienamente, recuperando la dignità di figlio di Dio.

Per Riflettere e Preghiera Finale

Qual è il mantello che devo toccare per essere salvato?


Inneggiamo alla martire invitta
rifulgente di luce divina.
Inneggiamo alla grande eroina
presso l'ara cosparsa di fior.
Anelante di palpiti sacri,
si diffonde la gioia nel cielo
ed all'ombra del mistico velo
sorga l'inno festoso dei cuor.
Tu che splendi in Paradiso,
coronata di vittoria,
o Sant'Agata la gloria
per noi prega, prega di lassù.
[…] Su! Leviam cittadini l'evviva
al valor centenario possente
di colei che pregava morente
il Signor della vita immortal.
(Inno a Sant'Agata)



Abbi pietà di noi, Signore, abbi pietà di noi, privi di ogni giustificazione, noi peccatori ti rivolgiamo, o nostro Sovrano, questa supplica: abbi pietà di noi. Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo.
Signore, abbi pietà di noi: in te infatti, abbiamo riposto la nostra fiducia; non ti adirare oltremodo con noi, né ricordare i nostri peccati; ma misericordioso come sei, volgi su di noi il tuo sguardo benigno e liberaci dai nostri nemici. Tu infatti sei il nostro Dio e noi siamo il tuo popolo; tutti siamo opera delle tue mani ed abbiamo invocato il tuo nome. Ora e sempre e nei secoli dei secoli. Amen. (S. Macario il Grande)
Voglio Confessarmi Bene Voglio Confessarmi Bene!

"Ti aiuti la Madonna a riconciliarti con Dio, col tuo prossimo, con te stesso, con la vita" dal Santuario di Montenero




 


Home Page