Libreria Edizioni Paoline Pisa OROLOGIO San Damiano www.libreriapaoline.com





Ti amo Signore mia forza, Signore, mia roccia, sal.17 (18)
Il Vangelo di ogni giorno con il commento





VENERDÌ 12 Febbraio 2010
Vangelo secondo Marco (7,31-37)
   

Ascolta


Di ritorno dalla regione di Tiro, passò per Sidone, dirigendosi verso il mare di Galilea in pieno territorio della Decàpoli.

E gli condussero un sordomuto, pregandolo di imporgli la mano. E portandolo in disparte lontano dalla folla, gli pose le dita negli orecchi e con la saliva gli toccò la lingua; guardando quindi verso il cielo, emise un sospiro e disse: "Effatà" cioè: "Apriti!". E subito gli si aprirono gli orecchi, si sciolse il nodo della sua lingua e parlava correttamente.

E comandò loro di non dirlo a nessuno. Ma più egli lo raccomandava, più essi ne parlavano e, pieni di stupore, dicevano: "Ha fatto bene ogni cosa; fa udire i sordi e fa parlare i muti!".


Il mese di Febbraio è stato interamente curato da: Chiara Sani

Servizio Santa Messa in puro Lino con croce ricamata


Medita


"Ognuno di noi può essere quel povero sordomuto, e Cristo può apparire ad ognuno! Egli è il medico divino dei corpi e delle anime: mette il dito nelle nostre orecchie e sulle nostre labbra per guarirci, e noi crediamo e parliamo e riceviamo la luce del cielo. Da sempre la Chiesa vede nei fatti narrati nel Vangelo odierno l'immagine del primo sacramento, quello che ridona la vita a chi ha perso perfino la percezione di ogni valore. Dal battesimo l'uomo ricevo l'udito e la favella dello Spirito, poiché, non possedendo la fede, non può parlare nella preghiera e non può nemmeno ascoltare la divina parola. Ed è lo Spirito Santo che passa attraverso quel respiro. Un'antica usanza vuole che il sacerdote ripeta nella cerimonia del battesimo quello che Cristo fece nella guarigione del sordo muto: il sacerdote bagna con la saliva gli orecchi del battezzando e dice: "Epphatà!", "apriti", poi tocca le narici dicendo: "In odore di soavità", per dire che si diffonde nella nuova creatura il profumo di un'altra vita." (David Maria Turoldo, La parola di Gesù)



Per Riflettere

Il dono di udire la Parola e di proclamarla, datoci nel battesimo, ha ancora un senso nella nostra vita? C'è ancora quell'impegno che dal battesimo dovrebbe caratterizzarci come cristiani?


Ricerca personalizzata

Info Vai alle info
 
Orologio_con_croce_San_Damiano
 
 

 


Una Pillola per lo Spirito
Servizio di Mailing_List Settimanale
Vedi esempio e-mail inviata
Iscrizione Gratuita Mailing_list Cattolica a Cura dei Coniugi M. Guidato e R. Taurchini
OSPITALITA' CONVENTUALE - Elenco: ABBAZIE, CONVENTI, MONASTERI IN ITALIA


Vai su: Home Page - Mese di Febbraio - 2010