Icone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Originali Greche
Copie fedeli e austeri stile bizantino (Scuola Cretese – Teofanis) realizzate da padre Pefkis, agiografo diplomato dell’Accademia Ecclesiastica del Monte Santo (località Athos) con colori autentici e tradizionali con foglio dorato, su tela e legno invecchiato
/ Il Santo del Calendario:

Ascolta e Medita Dicembre 2016 - Questo mese è stato curato da: Maria Chiara e Giulio Vettori, Mario Cristofaro Arcidiocesi di Pisa Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi









Catechesi di Papa Francesco Testo Integrale e Video I Sette Doni dello Spirito Santo: Sapienza - Intelletto - Consiglio - Fortezza - Scienza - Pietà - Timore di Dio



Mercoledì 14 dicembre 2016
Is 45, 6b-8.18.21b-26; Sal 84
Vangelo secondo Luca (7, 19-23)
San Giovanni della Croce



Preghiera Iniziale


Ascolterò che cosa dice Dio, il Signore:
egli annuncia la pace.
Sì, la sua salvezza è vicina a chi lo teme,
perché la sua gloria abiti la nostra terra.
Amore e verità s'incontreranno,
giustizia e pace si baceranno.
Verità germoglierà dalla terra
e giustizia si affaccerà dal cielo.
Certo, il Signore donerà il suo bene
e la nostra terra darà il suo frutto;
giustizia camminerà davanti a lui:
i suoi passi tracceranno il cammino.
(Salmo 84)


Ascolta Vangelo


In quel tempo, Giovanni chiamati due dei suoi discepoli li mandò a dire al Signore: «Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?».
Venuti da lui, quegli uomini dissero: «Giovanni il Battista ci ha mandati da te per domandarti: “Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?”». In quello stesso momento Gesù guarì molti da malattie, da infermità, da spiriti cattivi e donò la vista a molti ciechi. Poi diede loro questa risposta: «Andate e riferite a Giovanni ciò che avete visto e udito: i ciechi riacquistano la vista, gli zoppi camminano, i lebbrosi sono purificati, i sordi odono, i morti risuscitano, ai poveri è annunciata la buona notizia. E beato è colui che non trova in me motivo di scandalo!».




Medita


Tante volte, come Giovanni, ci troviamo in difficoltà perché non riusciamo a conciliare le nostre attese con il messaggio di Gesù. Che fare allora?
Giovanni, all'epoca dell'episodio, sicuramente aveva già sentito parlare dei miracoli operati da Gesù così come del messaggio di speranza portato agli “ultimi”; ciononostante sembra volere una conferma, è probabile che si aspettasse ancora un messia forte e conquistatore, “alla vecchia maniera” per intendersi.
Gesù risponde a Giovanni non con parole, e nemmeno con qualche miracolo “inedito”e spettacolare, bensì con gli stessi miracoli “ordinari” operati sino ad allora, chiedendo ai due discepoli di riferire quello che avevano visto ed udito.
Come avrà reagito Giovanni ottenendo come risposta non parole, ma bensì un elenco di miracoli che già lo stesso Gesù di Nazareth era solito fare? Nella conferma che quel messia non intende agire spezzando le catene dell'oppressione di Israele, bensì quelle del peccato, specialmente nei confronti dei più poveri e deboli?
E noi, quanti ostacoli troviamo nell'attendere inutilmente un messia, invece di scorgere attorno a noi il vero, semplice Gesù?





Per Riflettere

Specialmente in questo periodo di attesa, chi sto attendendo?






Torna su: Indice Mese DICEMBRE 2016

Home Page



Home Page