Ascolta e Medita Agosto 2017
Arcidiocesi di Pisa Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi

Bibbie e Bibbia di Gerusalemme Sconto 15% Bibbie e Bibbia di Gerusalemme Sconto 15% Bibbia di Gerusalemme
La Bibbia Via Verita' e Vita
La Bibbia Testo CEI. Sconto 15%
Novena allo SPIRITO SANTO NOVENA ALLO SPIRITO SANTO Da pregare per nove giorni consecutivi qualsiasi volta si voglia dar lode, ringraziare o chiedere una grazia.




VOGLIO CONFESSARMI BENE!
"Ti aiuti la Madonna a riconciliarti con Dio, col tuo prossimo, con te stesso, con la vita" dal Santuario di Montenero - Livorno

Anno 2018 Calendarietto Liturgico, Diario Scolastico, Agendine, Calendari da Tavolo e Calendari da Parete - Suore Apostoline - Suore Agostiniane - Suore Paoline e Edizioni San Paolo

Ascolta e Medita Agosto 2017Questo mese è stato curato da: Barbara Pandolfi Arcidiocesi di Pisa Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi


Venerdì 25 agosto 2017
Rt 1, 1.3-6.14b-16.22;
Sal 145
Vangelo secondo Matteo (22, 34-40)


Preghiera Iniziale


Padre celeste,
in molti modi tu parli agli uomini:
tu, l'unico che ha sapienza e intelligenza,
vuoi tuttavia renderti comprensibile a noi.
Tu parli anche quando taci;
perché parla anche colui che tace,
per provare l'amato;
parla anche colui che tace affinché l'ora del capire
sia tanto più intima quando essa verrà.



Ascolta Vangelo


In quel tempo, i farisei, avendo udito che Gesù aveva chiuso la bocca ai sadducèi, si riunirono insieme e uno di loro, un dottore della Legge, lo interrogò per metterlo alla prova: «Maestro, nella Legge, qual è il grande comandamento?».
Gli rispose: «“Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente”. Questo è il grande e primo comandamento. Il secondo poi è simile a quello: “Amerai il tuo prossimo come te stesso”. Da questi due comandamenti dipendono tutta la Legge e i Profeti».


Medita


I farisei avversari di Gesù cercano di metterlo alla prova con una serie di quesiti su argomenti di attualità nel giudaismo. Tra tutti, quello sul più grande dei comandamenti era allora particolarmente impegnativo nella ricerca dei rabbini. Il problema sul più grande dei comandamenti rispondeva all'esigenza di trovare un momento unificante nella dispersione delle varie norme applicative della legge mosaica interpretata appunto dai rabbini; già in passato profeti e saggi avevano richiamato l'esigenza di unificare le applicazioni, sempre più parcellizzate e dispersive della legge; anche i rabbini agivano in questo senso, prospettando su tutto la cosiddetta “regola d'oro”; perciò la risposta di Gesù è una conseguenza di questa situazione legale frammentaria e fonte di equivoci, da riportare a unità vitale. La novità più evidente e significativa è quella di aver unificato i due comandamenti: “Amerai il Signore tuo Dio… " e “Amerai il prossimo tuo come te stesso”. Pur citando il libro del Levitico (19, 19) e del Deuteronomio (6, 5), Gesù in questa sintesi porta a compimento la legge che, superando l'interpretazione dispersiva e ipocrita dei farisei, si concretizza nell'amore verso Dio e verso prossimo, perché noi solo amando il Padre e i fratelli diventiamo ciò che siamo, e cioè figli.
Gesù spera contro ogni speranza, non spegne il lucignolo fumigante e accetta la sfida dei farisei, che non hanno buone intenzioni. Gesù accetta la sfida e getta la Parola di Dio, la Buona Notizia della grazia, dell'amore gratuito sulla distesa arida del fariseismo del tempo. La Parola dell'amore è povera e potente insieme, e non ha paura di gettarsi via; da questa Parola nascerà il prodigio della vita rinnovata nello Spirito e dell'amore vicendevole che apre orizzonti infiniti alla nostra vita di tutti i giorni. L'importante è affidarsi alla novità della legge e al Signore che libera dal giogo imposto dalla casistica farisaica, e invita ad andare da lui: “Venite a me voi tutti che siete affaticati e oppressi, e io vi darò ristoro. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per la vostra vita. Il mio giogo infatti è dolce e il mio peso leggero”. Il primo e il più grande comandamento è il peso leggero e dolce che ci affida Gesù.


Preghiera Finale

Signore,
aiutaci ad essere fedeli al cammino
che vuol dire non dimenticare di essere viandanti.
Aiutaci a tenere vivo il gusto del cammino,
così che lo Spirito ci aiuti a guardare lontano.
E se hai smarrito la meta o ti senti randagio
tu possa riscoprire la gioia di andare,
di essere sulla strada.
Facci sentire la speranza
che scaccia via la rassegnazione
e la presunzione di essere arrivati;
donaci una sana inquietudine
per percorrere passi nuovi.
Icone Greche Originali Serigrafia su Foglia Oro Icone Greche Originali Serigrafia su Foglia Oro Icone Greche Originali Serigrafia su Foglia Oro




 

Gioielli Religiosi

In argento e swarovski: rosari, collane, braccialetti, anelli originali gioielli realizzati completamente in Italia, particolari ed eleganti, da indossare o regalare



Home Page