Ascolta e Medita Agosto 2017
Arcidiocesi di Pisa Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi

Bibbie e Bibbia di Gerusalemme Sconto 15% Bibbie e Bibbia di Gerusalemme Sconto 15% Bibbia di Gerusalemme
La Bibbia Via Verita' e Vita
La Bibbia Testo CEI. Sconto 15%
Novena allo SPIRITO SANTO NOVENA ALLO SPIRITO SANTO Da pregare per nove giorni consecutivi qualsiasi volta si voglia dar lode, ringraziare o chiedere una grazia.




VOGLIO CONFESSARMI BENE!
"Ti aiuti la Madonna a riconciliarti con Dio, col tuo prossimo, con te stesso, con la vita" dal Santuario di Montenero - Livorno

Anno 2018 Calendarietto Liturgico, Diario Scolastico, Agendine, Calendari da Tavolo e Calendari da Parete - Suore Apostoline - Suore Agostiniane - Suore Paoline e Edizioni San Paolo

Ascolta e Medita Agosto 2017Questo mese è stato curato da: Barbara Pandolfi Arcidiocesi di Pisa Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi


Martedì 15 agosto 2017
Ap 11, 19a;12, 1-6a.10ab;
Sal 44; 1Cor 15, 20-27a
Vangelo secondo Luca (1, 39-56)


Le 70 Catechesi Mariane di Giovanni Paolo II

54
- L'Assunzione di Maria: verità di fede

55 - L'Assunzione di Maria nella Tradizione della Chiesa



Preghiera Iniziale


Sapremo scoprire, Signore
che tu sei presente fra noi?
Sapremo vedere l'amore
nei doni che vengon da te?
Chi può trasformare in un canto
i pesi portati nel cuore?
Tu solo il Vivente, il Santo
che accogli e salvi il dolore.
(Comunità di Bose)



Ascolta Vangelo


In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda.
Entrata nella casa di Zaccarìa, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino sussultò nel suo grembo.
Elisabetta fu colmata di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me? Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell'adempimento di ciò che il Signore le ha detto».
Allora Maria disse: «L'anima mia magnifica il Signore e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore, perché ha guardato l'umiltà della sua serva. D'ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata. Grandi cose ha fatto per me l'Onnipotente e Santo è il suo nome; di generazione in generazione la sua misericordia per quelli che lo temono. Ha spiegato la potenza del suo braccio, ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore; ha rovesciato i potenti dai troni, ha innalzato gli umili; ha ricolmato di beni gli affamati, ha rimandato i ricchi a mani vuote. Ha soccorso Israele, suo servo, ricordandosi della sua misericordia, come aveva detto ai nostri padri, per Abramo e la sua discendenza, per sempre».
Maria rimase con lei circa tre mesi, poi tornò a casa sua.



Medita


Maria che aspetta Colui che i profeti hanno annunciato e atteso, obbediente e sollecita va in fretta verso una città di Giuda per incontrare la cugina Elisabetta, anche lei visitata dalla “grazia e dalla benedizione “ di Dio e le sue viscere sussultano al momento dell'incontro: c'è il riconoscimento nel profondo della presenza del Signore in Maria e e in lei è realizzato ogni promessa. Elisabetta con gioia proclama benedetta Maria, nuova Arca dell'Alleanza, che porta in sé il Figlio Unigenito, l'Amato dal Padre, in Lui tutta l'umanità sarà ricreata. Dunque Elisabetta scopre e annuncia la beatitudine più grande di Maria, la sua fede: “.. Beata colei che ha creduto”.. : perché Maria umile e povera ha veramente creduto all'adempimento delle Scritture e per questo esulta in un inno liberatore, canto di rivoluzione e di speranza per tutti i poveri, i diseredati, gli insignificanti, canto di vita e di rendimento di grazie per tutte le generazioni.
Maria ha creduto che “ciò che è impossibile all'uomo è possibile a Dio”, e sollecitamente si mette in viaggio in un percorso sempre più intenso di abbandono fiducioso, per condividere la gioia della cugina, per sostenerla e cantare con lei al Signore. Il canto di Maria è un inno profetico che narra l'azione di Dio nella sua vita e nella storia del popolo d'Israele; Maria esulta per la misericordia del Signore verso gli umili e gli oppressi di ogni generazione per sempre. Il canto di Maria, presente ogni giorno nella liturgia dei Vespri, è un richiamo a lodare e ringraziare il Signore per quanto ha fatto per noi, noi poveri, insignificanti, ma amati e prediletti da Dio. L'inno di Maria canta la rivoluzione di un Dio che si fa uomo, che si umilia per innalzarci, che si fa povero per arricchirci. Quali implicazioni per noi e per la nostra pastorale?



Preghiera Finale

Stai con me e io inizierò a risplendere come tu risplendi
e risplendere fino ad essere luce per gli altri.
La luce, o Gesù, verrà tutta da te, nulla sarà merito mio.
Sarai tu a risplendere attraverso di me, sugli altri.
Fa' che io ti lodi così, nel modo che tu gradisci:
risplendendo sopra tutti coloro che sono intorno a me.
Da' luce a loro e da' luce a me.
Illumina loro attraverso di me e illumina me.
(John Henry Newman)
Icone Greche Originali Serigrafia su Foglia Oro Icone Greche Originali Serigrafia su Foglia Oro Icone Greche Originali Serigrafia su Foglia Oro




 

Gioielli Religiosi

In argento e swarovski: rosari, collane, braccialetti, anelli originali gioielli realizzati completamente in Italia, particolari ed eleganti, da indossare o regalare



Home Page