Icone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Originali Greche
Copie fedeli e austeri stile bizantino (Scuola Cretese – Teofanis) realizzate da padre Pefkis, agiografo diplomato dell’Accademia Ecclesiastica del Monte Santo (località Athos) con colori autentici e tradizionali con foglio dorato, su tela e legno invecchiato
/ Il Santo del Calendario:

Ascolta e Medita - Questo mese è stato curato da: Laura e Paolo Puglisi, Giulia e Fausto Montana Arcidiocesi di Pisa Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi











Venerdì 19 agosto 2016
Ez 37, 1-14; Sal 106
Vangelo secondo Matteo (22, 34-40)



Preghiera Iniziale


Alcuni vagavano nel deserto su strade perdute,
senza trovare una città in cui abitare.
Erano affamati e assetati,
veniva meno la loro vita.
Nell'angustia gridarono al Signore
ed egli li liberò dalle loro angosce.
Li guidò per una strada sicura,
perché andassero verso una città in cui abitare.
Ringrazino il Signore per il suo amore,
per le sue meraviglie a favore degli uomini,
perché ha saziato un animo assetato,
un animo affamato ha ricolmato di bene.
(dal Salmo 106)


Ascolta Vangelo


In quel tempo, i farisei, avendo udito che Gesù aveva chiuso la bocca ai sadducèi, si riunirono insieme e uno di loro, un dottore della Legge, lo interrogò per metterlo alla prova: «Maestro, nella Legge, qual è il grande comandamento?».
Gli rispose: «“Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente”. Questo è il grande e primo comandamento. Il secondo poi è simile a quello: “Amerai il tuo prossimo come te stesso”. Da questi due comandamenti dipendono tutta la Legge e i Profeti».





Medita


Giorno di esami, per Gesù. Per conto dei farisei, che erano gli Ebrei ultraortodossi del tempo, un esperto della Torah vuole sondare e capire l'effettivo grado di ebraicità di questo nuovo profeta, cioè quanto egli sia addentro alla conoscenza dell'Alleanza storica fra Dio e gli Israeliti. E non lo interroga su questioni minute, formalistiche e cavillose, come forse potremmo attenderci sulla base di altri passi del racconto evangelico; ma gli pone una domanda davvero sensata e intelligente: “Qual è il grande comandamento?”, come si può riassumere il succo fondamentale della richiesta di Dio all'uomo? La risposta di Gesù è al tempo stesso la sintesi dell'Antica Alleanza e l'annuncio della Nuova, in una continuità senza cesure: tutta la storia dell'Alleanza indica che a Dio sta a cuore l'amore degli uomini, quello verticale che lo lega a lui, quello orizzontale che li lega fra loro. Da noi interrogato, Gesù, Dio e uomo, si fa interprete autentico della storia della salvezza: viene a spiegarcela di persona, a ricapitolarla e a completarla con queste parole e con il fatto concreto della sua incarnazione nella storia; perché, d'ora in poi, sul “grande comandamento” nessuno possa avere più dubbi.




Per Riflettere


Qual è il “grande comandamento” che guida la mia esistenza?

Tu che l'hai vissuta, Gesù,
insegnami la coniugazione piena dell'amore:
quella verticale, che ci unisce a Dio Padre
come alla nostra origine e radice;
e quella orizzontale, che ci lega ai fratelli
come a noi stessi.
Mostrami i tempi e i modi dell'amore,
perché il tuo comandamento
e le mie buone intenzioni
s'incarnino nel presente della vita.






Torna su: Indice Mese AGOSTO 2016

Home Page



Home Page