Ti amo Signore mia forza, Signore, mia roccia, sal.17 (18)
Il Vangelo di ogni giorno con il commento



MARTEDÌ 19 Agosto 2008
Vangelo secondo Matteo ( 19,23-30)
Passa Parola 
 


Ascolta


Gesù allora disse ai suoi discepoli: "In verità vi dico: difficilmente un ricco entrerà nel regno dei cieli. Ve lo ripeto: è più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno dei cieli". A queste parole i discepoli rimasero costernati e chiesero: "Chi si potrà dunque salvare?". E Gesù, fissando su di loro lo sguardo, disse: "Questo è impossibile agli uomini, ma a Dio tutto è possibile".
Allora Pietro prendendo la parola disse: "Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito; che cosa dunque ne otterremo?". E Gesù disse loro: "In verità vi dico: voi che mi avete seguito, nella nuova creazione, quando il Figlio dell'uomo sarà seduto sul trono della sua gloria, siederete anche voi su dodici troni a giudicare le dodici tribù di Israele. Chiunque avrà lasciato case, o fratelli, o sorelle, o padre, o madre, o figli, o campi per il mio nome, riceverà cento volte tanto e avrà in eredità la vita eterna.
Molti dei primi saranno ultimi e gli ultimi i primi".





Il mese di agosto è stato interamente curato da: Chiara Sani
 


Medita


Si conclude il brano iniziato ieri con la vicenda del giovane ricco. Gesù è anch'egli rattristato perché le ricchezze hanno portato il giovane che faceva tanto ben sperare alla chiusura verso il discepolato. Il ricco non ha avuto il coraggio di lasciare tutto per seguire il Maestro e Gesù pronuncia il famoso paradosso per sottolineare che l'attaccamento a "tutto il resto" (beni, posizione sociale, prestigio) rischia di precluderci l'incontro più importante della nostra vita, quello col Signore. Pietro allora si fa avanti: e chi invece ha lasciato tutto per seguirlo, che cosa riceverà in cambio? La risposta di Gesù supera ogni aspettativa umana.

Da discepoli diverrete giudici delle tribù di Israele,riceverete il centuplo di quel che avete lasciato...e le logiche del mondo, del potere, del successo, della ricchezza saranno rovesciate per sempre.



Per Riflettere
 

Mi sento un povero in cerca di Dio? Le mie ricchezze, di qualsiasi genere, mi rendono autosufficiente, incapace di aprirmi al Signore che mi cerca?





Home Page