Ti amo Signore mia forza, Signore, mia roccia, sal.17 (18)
Il Vangelo di ogni giorno con il commento



DOMENICA 10 Agosto 2008
XIX Domenica Tempo Ordinario
Vangelo secondo Matteo (14,22-33)
Passa Parola 
 


Ascolta


Subito dopo ordinò ai discepoli di salire sulla barca e di precederlo sull'altra sponda, mentre egli avrebbe congedato la folla.Congedata la folla, salì sul monte, solo, a pregare. Venuta la sera, egli se ne stava ancora solo lassù.
La barca intanto distava gia qualche miglio da terra ed era agitata dalle onde, a causa del vento contrario. Verso la fine della notte egli venne verso di loro camminando sul mare. I discepoli, a vederlo camminare sul mare, furono turbati e dissero: "E' un fantasma" e si misero a gridare dalla paura. Ma subito Gesù parlò loro: "Coraggio, sono io, non abbiate paura". Pietro gli disse: "Signore, se sei tu, comanda che io venga da te sulle acque". Ed egli disse: "Vieni!". Pietro, scendendo dalla barca, si mise a camminare sulle acque e andò verso Gesù. Ma per la violenza del vento, s'impaurì e, cominciando ad affondare, gridò: "Signore, salvami!". E subito Gesù stese la mano, lo afferrò e gli disse: "Uomo di poca fede, perché hai dubitato?".
Appena saliti sulla barca, il vento cessò. Quelli che erano sulla barca gli si prostrarono davanti, esclamando: "Tu sei veramente il Figlio di Dio!".







Il mese di agosto è stato interamente curato da: Chiara Sani
 


Medita


Pietro sta compiendo il suo percorso spirituale che lo condurrà alla sequela piena di Gesù: spettatore del miracolo della moltiplicazione dei pani, vede il suo Maestro ritirarsi in preghiera e poi camminare sulle acque. Il suo cuore è turbato, diviso fra il desiderio di avere una prova che ciò che vede è vero e la paura tutta umana di eventi che la ragione non comprende. Più volte lo invoca con quell'appellativo "Signore" che è insieme preghiera e professione di fede.

"Uomo di poca fede"non dubitare dell'amore di Gesù per te, non dubitare della sua vicinanza e del suo appoggio in qualunque condizione tu sia, di peccato, di pericolo,di sconforto. Fidati, perché il Figlio di Dio, il tuo Signore, ti tende la mano e ti sostiene nonostante i tuoi fallimenti e le tua paure...Fidati di Lui. E' il Signore!






Per Riflettere
 
Fra paura e fede a che punto sono? Quante volte mi rivolgo al Signore con la convinzione che è veramente il Figlio di Dio?





Home Page