Esempio e-mail inviata - in data - 22 Febbraio 2010

 



Home Page Novena Home Page Novena
 

Maurizio e Roberta

Sichem Onlus Mailing_List Gratuita Responsabili Coniugi Maurizio e Roberta Guidato
Via Carlo Fedeli, 4 56126 Pisa - 050 8312114
 
 
se non riesci a leggere questo messaggio, visualizza la versione online.
 
 


II Domenica di Quaresima anno "C"
Domenica 28 Febbraio 2010


VAI IN HOME PAGE

Narrare la fede ai figli
Narrare la fede ai figli
Domenica II di Quaresima 28 Febbraio 2010

LETTURE: Gn 15,5-12.17-18; Sal 26; Fil 3,17-4,1; Lc 9,28b-36

IT’S NOW OR NEVER (ORA O MAI PIU’)


Avete mai scalato una montagna?
Il Vangelo inizia proprio così…
“Gesù prese con sé Pietro Giovanni e Giacomo e salì sul monte a pregare”
Scomodo essere cristiani, vero?
Mai che si possa fare una bella vacanza o una bella dormita!
Sapete, salire sul monte ha un significato…
Il cammino in salita ci porta ad un incontro:
Se vogliamo incontrarci con Dio dobbiamo metterci in cammino e in preghiera.
Forse lo abbiamo dimenticato ma stiamo andando verso la Pasqua.
Non dobbiamo mai dimenticare questo aspetto del cammino quaresimale:
Ci stiamo preparando a fare Pasqua.
Spero che quando parliamo di Pasqua non vi venga in mente solo l’uovo di cioccolato con una sorpresa, quasi sempre deludente, dentro.
Dovrebbe venirci in mente una veste sfolgorante, bianca, luminosa, la gioia di una esperienza unica.
“E, mentre pregava, il suo volto cambio d’aspetto e la sua veste divenne candida e sfolgorante”.
Sì, il Vangelo di questa Domenica ci porta ad una esperienza che ci sembra miracolosa, lontana dai nostri giorni.
Sarebbe bello se anche noi potessimo fare, ora, questa esperienza di luce sfolgorante…
Come si fa?
Quale potrebbe essere questa veste sfolgorante, luminosa?
Proviamo a chiederlo ai nostri genitori;
anche noi abbiamo una veste bianca sfolgorante!
Magari ricorderebbero una veste che tutti noi abbiamo ricevuto in un determinato giorno importante per la nostra vita:
Il giorno del nostro Battesimo.
Sarebbe bello cercare davvero quella vestina.
Su, proviamo a farlo, chiediamo a mamma e papà di riprendere in mano quella nostra veste…
Dove può esser andata a finire, che fine ha fatto questa nostra veste bianca come quella di Gesù?
Chiusa e dimenticata in un cassetto?
No, si indossa sul cuore, si porta addosso per sempre, tutti i giorni.
Sul monte Tabor Cristo appare sfolgorante;
anche noi, se viviamo il nostro battesimo, diveniamo sfolgoranti come Lui.
La seconda settimana di quaresima ci presenta Gesù in vesti sfolgoranti e invita anche noi a fare questa esperienza di Luce.
I veri cristiani sono quelli che vedono e ascoltano…
Infatti il Vangelo ci dice ancora che:
“Mentre parlava così, venne una nube e li avvolse; all’entrare in quella nube, ebbero paura. E dalla nube uscì una voce, che diceva: Questi è il Figlio
mio, l’eletto; ascoltatelo”.
Dio stesso interviene dicendo che Gesù è Suo Figlio e che tutti noi dobbiamo ascoltarLo.
Attenzione, nella Bibbia quando si parla di “ascoltare” non si intende udire con le orecchie e basta!
Ascoltare significa mettere in pratica.
Non basta riprendere in mano una veste bianca, leggere il Vangelo, andare a messa…
E’ importante mettere in pratica.
Se ascolti Gesù nella tua vita vivi come Gesù.
Allora dobbiamo chiederci concretamente come possiamo vivere come Gesù…
Sapete, pensavo a cosa mai potremmo fare per essere raggianti e luminosi nelle nostre giornate.
Mi è venuto in mente il sorriso.
Sì, possiamo essere raggianti donando il sorriso al nostro prossimo, nelle nostre famiglie.
Non so se vi viene in mente quando parlate con mamma o con papà, quando vi viene la voglia di sbuffare o di “alzare gli occhi al cielo” in segno di
noia…
O quando parlate con il fratellino (o sorellina), vi viene sempre di scocciarvi un po’…;
O quando in classe con quell’amico noioso;
O per strada quando incontri quel povero…
E se invece donassimo un sorriso pieno di accoglienza?
E se invece di cambiare strada donassimo il nostro volto raggiante?
Fare l’esperienza della trasfigurazione di Cristo nella nostra vita significa far brillare il Suo volto sul nostro volto…
Proviamo per credere…
Sapete, anche se potrebbe andarmi strettina io provo ad indossarla…
La mia veste del Battesimo, voglio essere sfolgorante come Gesù, con voi…
Un servo inutile in Cristo.



Omelia Domenicale e festiva per Adulti
Archivio
a cura di Don Michele diacono della Diocesi di Lucera-Troia (Fg).
E-Mail Michele Cuttano sempre in ASCOLTO e pronto ad una risposta ora anche tramite web lascia un tuo commento.......................
vedi
:
Domenica II di Quaresima 28 Febbraio 2010 LETTURE: Gn 15,5-12.17-18; Sal 26; Fil 3,17-4,1; Lc 9,28b-36 I’VE JUST SEEN A FACE (HO APPENA VISTO UN VOLTO)


Preghiamo Insieme
TI LODO E TI RINGRAZIO O SIGNORE


Ti lodo, o Signore, e ti rendo grazie
per aver creato in me questa tua immagine
affinché ti ricordi, ti pensi e ti ami;
essa però è così logora per i vizi,
così offuscata dal fumo dei peccati
che non può raggiungere
il fine per cui fu fatta
se tu non la rinnovi e la trasformi.

Non tento, Signore,
di penetrare la tua profondità,
perché il mio intelletto
è infinitamente inferiore ad essa,
ma desidero intendere in qualche
modo la tua verità
che il mio cuore crede e ama.

E non cerco di capire per credere,
ma credo per poter capire,
poiché penso di non poter capire
se non in quanto ho prima creduto.



ANSELMO D’AOSTA
Proslogion, I; PL 158, 226-227




In Dialogo il Teologo Risponde

I sacramenti sono istituiti da Gesù o dalla Chiesa?

Mia figlia minore, battezzata e credente, ma non praticante, in una discussione ha asserito che i sacramenti non sono istituiti da Gesù, ma dalla Chiesa. Non sono valse le mie piegazioni per farla desistere dal suo errore. A questo punto le ho proposto di chiedere lumi a persone qualificate...

(Lettera firmata)

Vai alla risposta di:
padre Valerio Mauro, docente di Teologia Sacramentaria


Il tuo Angelo Custode

Non vi è tempesta che il Signore non può fermare.
Lasciagli dirigere la nave della tua vita.



 
 

Padri della Chiesa


 
Cristo ci ha portato la libertà


Gli uomini conoscevano Dio, ma « non gli hanno dato gloria come alloro creatore» (Rm 1,21) a causa della loro follia che impedì loro di comprendere la sua sapienza.

Siamo diventati stolti e per la nostra follia abbiamo compiuto ogni genere di male e Cristo si è rivestito di stoltezza per renderci sapienti mediante la sua stoltezza.

Siamo diventati poveri e a motivo della nostra povertà avevamo perduto ogni forza; per questo egli si fece povero per arricchirci di ogni sapienza e intelligenza mediante la sua povertà.

Non solo, prese anche la forma della nostra debolezza per confortarci con la sua debolezza. E « si è fatto obbediente al Padre in ogni cosa fino alla morte e alla morte di croce» (Fil 2,8) per dare a noi tutti la risurrezione, mediante la sua morte e per sconfiggere chi aveva potere sulla morte, cioè il diavolo.

Se veramente accoglieremo la libertà che ci ha portato con la sua venuta, saremo riconosciuti discepoli di Gesù e in lui riceveremo l’eredità divina.


Antonio abate, Lettera 5,3
Novità
Tutto il Mese di Marzo con i Padri della Chiesa ogni giorno una riflessione



 
 
     

Buon Cammino di Quaresima
La Pace - Maurizio e Roberta

Pillola per lo Sprirto: per cancellarsi vai alla pagina: http://www.novena.it/elenco/mailing_cattoliche.htm

        Home Page www.novena.it

 

 

Iscriviti e riceverai una E-Mail ogni Lunedì denominata "Pillola per lo Spirito".

........Provare e facile e cancellarsi è semplice
Iscrizione Mailing List
Inserisci il tuo nome e indirizzo email:
Name:
Email:
Iscriviti  Cancellati 

All'indirizzo che hai inserito, riceverai una e_mail con una richiesta di conferma.
Solo Confermando Sarai Iscritto.


Ti amo Signore mia forza, Signore, mia roccia, sal.17 (18) - La Pace del Signore Maurizio e Roberta

Home Page