Diario della Preghiera - Teofane il Recluso Come inserire un font di Google

Il Volto dell’Umile - Isacco di Ninive



Novena allo SPIRITO SANTO NOVENA ALLO SPIRITO SANTO Da pregare per nove giorni consecutivi qualsiasi volta si voglia dar lode, ringraziare o chiedere una grazia


Salmo 81 (80) - Per la festa delle Capanne


[1] Al maestro del coro. Su «I torchi». Di Asaf.
[2] Esultate in Dio, nostra forza,
acclamate il Dio di Giacobbe!
[3] Intonate il canto e suonate il tamburello,
la cetra melodiosa con l’arpa.
[4] Suonate il corno nel novilunio,
nel plenilunio, nostro giorno di festa.
[5] Questo è un decreto per Israele,
un giudizio del Dio di Giacobbe,
[6] una testimonianza data a Giuseppe,
quando usciva dal paese d’Egitto.
Un linguaggio mai inteso io sento:
[7] «Ho liberato dal peso la sua spalla,
le sue mani hanno deposto la cesta.
[8] Hai gridato a me nell’angoscia
e io ti ho liberato;
nascosto nei tuoni ti ho dato risposta,
ti ho messo alla prova alle acque di Merìba.
[9] Ascolta, popolo mio:
contro di te voglio testimoniare.
Israele, se tu mi ascoltassi!
[10] Non ci sia in mezzo a te un dio estraneo
e non prostrarti a un dio straniero.
[11] Sono io il Signore, tuo Dio,
che ti ha fatto salire dal paese d’Egitto:
apri la tua bocca, la voglio riempire.
[12] Ma il mio popolo non ha ascoltato la mia voce,
Israele non mi ha obbedito:
[13] l’ho abbandonato alla durezza del suo cuore.
Seguano pure i loro progetti!
[14] Se il mio popolo mi ascoltasse!
Se Israele camminasse per le mie vie!
[15] Subito piegherei i suoi nemici
e contro i suoi avversari volgerei la mia mano;
[16] quelli che odiano il Signore gli sarebbero sottomessi
e la loro sorte sarebbe segnata per sempre.
[17] Lo nutrirei con fiore di frumento,
lo sazierei con miele dalla roccia».



Commento al Salmo


Il salmo è stato scritto per la celebrazione della festa delle capanne, come comunemente si dice. Tale festa celebrava la permanenza nel deserto e l’alleanza del Sinai; per l’occasione il popolo costruiva delle capanne di frasche. Il salmo doveva essere usato anche per la Pasqua, poiché questa era, per eccellenza, la festa di testimonianza della liberazione dall’Egitto: “Una testimonianza data a Giuseppe, quando usciva dal paese d’Egitto”.
Il salmo, composto nell’immediato postesilio, inizia con un invito all’esultanza, alla lode a Dio, col canto e strumenti musicali.
Poi subito fa memoria della liberazione dalla schiavitù in Egitto: “Ho liberato dal peso la sua spalla, le sue mani hanno deposto la cesta”.
Il popolo a ridosso del mar Rosso aveva gridato nell’angoscia, e fu liberato dall’inseguimento dell’esercito Egiziano: “Hai gridato a me nell’angoscia e io ti ho liberato”. L’alleanza del Sinai fu la risposta a tutti gli interrogativi del popolo. Dio è e sarà fedele alla parola data; egli è grazia e fedeltà: “Nascosto nei tuoni ti ho dato risposta”. Il popolo fu poi messo alla prova per vedere se dubitava della fedeltà di Dio: “Ti ho messo alla prova alle acque di Meriba”.
Il salmo presenta poi il continuo comando di Dio di non rivolgersi ai culti pagani; lo presenta in forma di pressante invito: “Ascolta, popolo mio: contro di te voglio testimoniare. Israele, se tu mi ascoltassi! Non ci sia in mezzo a te un dio straniero…”.
Ma, ecco: “Il mio popolo non ha ascoltato la mia voce, Israele non mi ha obbedito: l’ho abbandonato alla durezza del suo cuore. Seguano pure i loro progetti!”. Un crescendo di infedeltà portò Dio all’ira estrema contro il suo popolo; quella di abbandonarlo al suo consiglio, visto che a lui non davano più ascolto. E il consiglio fu di cercare alleanze con l’Egitto, di appoggiarsi servilmente agli Assiri, di seguire altri culti. Ne risultò che tutti si avventarono contro Israele, depredandolo, schiavizzandolo. L’ira estrema di Dio è proprio quando lascia l’uomo in preda al proprio consiglio.
Israele tornò da Babilonia e si mise a costruire il tempio, ma ben presto si arrestò (Esd 5,23; Ag 1,5) pensando piuttosto a fabbricare le proprie case, mentre subiva il timore dei popoli vicini (Esd 4,23s).
Il salmo continua a presentare la passione di Dio per il suo popolo: “Se il mio popolo mi ascoltasse! Se Israele camminasse per le mie vie!…”; “Lo nutrirei con fiore di frumento, lo sazierei con miele dalla roccia”.
Il fiore di frumento dà il miglior pane. Il miele di roccia è il miglior miele.
Coloro che accolgono la Parola avranno il miglior pane, che è Cristo, presente realmente sull’altare, e avranno il miglior miele, che è l’azione dolce e fortificante dello Spirito Santo.


I Sette doni dello Spirito Santo I Sette Doni Dello Spirito Santo:
Sapienza Intelletto Consiglio Fortezza Scienza Pietà Timore di Dio

Pagina Indice Salmi




L'uomo in Preghiera
Catechesi di Benedetto XVI “Signore, insegnaci a pregare” (Lc 11,1)

Vedi Anche:
Iniziazione alla vita spirituale
Decisione iniziale e perseveranza. Se vuoi salvarti l’anima e acquistare la vita eterna, scuotiti dal torpore, fatti il segno della croce e di’: «Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen»

La Metanoia come condizione di base per accedere a Dio


Vangelo
di ogni Giorno
con Commento



Home Page