Diario della Preghiera - Teofane il Recluso Come inserire un font di Google

Il Volto dell’Umile - Isacco di Ninive



Novena allo SPIRITO SANTO NOVENA ALLO SPIRITO SANTO Da pregare per nove giorni consecutivi qualsiasi volta si voglia dar lode, ringraziare o chiedere una grazia


Salmo 57 (56) - In mezzo ai leoni


[1] Al maestro del coro. Su «Non distruggere». Di Davide. Miktam. Quando fuggì da Saul nella caverna.
[2] Pietà di me, pietà di me, o Dio,
in te si rifugia l’anima mia;
all’ombra delle tue ali mi rifugio
finché l’insidia sia passata.
[3] Invocherò Dio, l’Altissimo,
Dio che fa tutto per me.
[4] Mandi dal cielo a salvarmi,
confonda chi vuole inghiottirmi;
Dio mandi il suo amore e la sua fedeltà.
[5] In mezzo a leoni devo coricarmi,
infiammàti di rabbia contro gli uomini!
I loro denti sono lance e frecce,
la loro lingua è spada affilata.
[6] Innàlzati sopra il cielo, o Dio,
su tutta la terra la tua gloria.
[7] Hanno teso una rete ai miei piedi,
hanno piegato il mio collo,
hanno scavato davanti a me una fossa,
ma dentro vi sono caduti.
[8] Saldo è il mio cuore, o Dio,
saldo è il mio cuore.
Voglio cantare, voglio inneggiare:
[9] svégliati, mio cuore,
svegliatevi, arpa e cetra,
voglio svegliare l’aurora.
[10] Ti loderò fra i popoli, Signore,
a te canterò inni fra le nazioni:
[11] grande fino ai cieli è il tuo amore
e fino alle nubi la tua fedeltà.
[12] Innàlzati sopra il cielo, o Dio,
su tutta la terra la tua gloria.



Commento al Salmo


La situazione del salmo è decifrabile come quella di un giusto che nell’esilio babilonese si trova nel pericolo di soccombere di fronte a persecutori della sua fede in Dio. Il giusto si rivolge a Dio chiedendo pietà perché è allo stremo delle forze, ma nonostante tutto reagisce e si rifugia, come un pulcino sotto le ali di una chioccia, in Dio. Egli invoca Dio che lo soccorra, mostrando, così, a tutti i suoi persecutori che inneggiano ai loro idoli, la sua fedeltà e la sua grazia. Egli invoca che Dio si “innalzi sopra il cielo”, e questo per mezzo dell’azione vincente del futuro Messia.
Dio sembra essere stato oscurato dal trionfo dei babilonesi, i quali attribuiscono la loro vittoria su Israele e sui popoli ai loro dei. Sembra che il male si sia collocato sovrano sui cieli, spodestando Dio. Ora, invece, il salmista invoca che Dio abbatta il male, manifestando nel Messia che egli è il sovrano di tutta la terra. Si ha qui una profetizzazione del trionfo del Cristo e della sua ascensione al cielo alla destra del Padre.
Il giusto è stato intrappolato senza scampo e piegato: “Hanno teso una rete a miei piedi, hanno piegato il mio collo”. Lo aspettava la fossa della morte, ma in quella vi sono caduti i suoi persecutori (Cf. Dn 6,17s).
Il giusto del salmo non è più intimorito e vuol esprimere in aperta testimonianza la sua lode a Dio. Non ha più paura ed è pieno d’entusiasmo: “Svegliati, mio cuore, svegliatevi, arpa e cetra, voglio svegliare l‘aurora”. “Svegliare l’aurora”, cioè affrettare col canto, con la lode, l’invocazione, l’avvento del giorno, del grande giorno della vittoria del Messia sul male; del giorno in cui Dio s’innalzerà sopra il cielo, a piena manifestazione della sua sovranità su tutta la terra.


I Sette doni dello Spirito Santo I Sette Doni Dello Spirito Santo:
Sapienza Intelletto Consiglio Fortezza Scienza Pietà Timore di Dio

Pagina Indice Salmi




L'uomo in Preghiera
Catechesi di Benedetto XVI “Signore, insegnaci a pregare” (Lc 11,1)

Vedi Anche:
Iniziazione alla vita spirituale
Decisione iniziale e perseveranza. Se vuoi salvarti l’anima e acquistare la vita eterna, scuotiti dal torpore, fatti il segno della croce e di’: «Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen»

La Metanoia come condizione di base per accedere a Dio


Vangelo
di ogni Giorno
con Commento



Home Page