Diario della Preghiera - Teofane il Recluso
Il Volto dell’Umile - Isacco di Ninive VOGLIO CONFESSARMI BENE!
"Ti aiuti la Madonna a riconciliarti con Dio, col tuo prossimo, con te stesso, con la vita" dal Santuario di Montenero - Livorno
Il Santo del Calendario
Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno
Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre
Ricerca personalizzata



Salmo 3 - Invocazione mattutina del giusto

[1] Salmo. Di Davide. Quando fuggiva davanti al figlio Assalonne.
[2] Signore, quanti sono i miei avversari!
Molti contro di me insorgono.
[3] Molti dicono della mia vita:
«Per lui non c’è salvezza in Dio!».
[4] Ma tu sei mio scudo, Signore,
sei la mia gloria e tieni alta la mia testa.
[5] A gran voce grido al Signore
ed egli mi risponde dalla sua santa montagna.
[6] Io mi corico, mi addormento e mi risveglio:
il Signore mi sostiene.
[7] Non temo la folla numerosa
che intorno a me si è accampata.
[8] Sorgi, Signore! Salvami, Dio mio!
Tu hai colpito alla mascella tutti i miei nemici,
hai spezzato i denti dei malvagi.
[9] La salvezza viene dal Signore:
sul tuo popolo la tua benedizione.


Commento al Salmo
L’orante del salmo si trova di fronte ad una congiura contro di lui. I suoi numerosi avversari si sono organizzati in unità e sono diventati stabilmente suoi nemici: “la folla numerosa che intorno a me si è accampata”. Essi, addirittura, credono di aver Dio dalla loro parte, tanto che dicono: “Per lui non c'è salvezza in Dio!”. Ma l’orante non cessa la sua invocazione, la sua fiducia in Dio. Diffamato trova in Dio la sua forza, il suo coraggio di reggere, tanto che può dire che Dio stesso è la sua gloria e tutta la ragione per cui può sollevare con dignità il suo capo.
Il suo monte santo è Sion con il tempio. E’ il luogo dove venne innalzato l’altare del sacrificio di Cristo: la croce; il luogo dove venne eretto il trono di Cristo: la croce; il luogo dove venne elevata la cattedra di Cristo: la croce. Dal monte Sion parla Cristo col suo sacrificio.
Il monte santo con il tempio è una figura (Cf. Eb 8,2; 9,1; 9,11) del santuario celeste nel quale Cristo è entrato, ma per il cristiano è pure ogni altare dove si celebra l’Eucaristica, ogni Tabernacolo dove si ha la medesima presenza. Cristo, salito al cielo, ma nello stesso tempo realmente presente sotto le specie del pane e del vino. La recita del salmo ci pone così nel raggio luminosissimo dell’Eucaristia, e nella tensione verso la gloria del cielo.
L’orante rafforzato da Dio è sereno e pur nelle difficoltà sperimenta il conservarsi del sonno; e anche sperimenta l’essere sveglio, pronto, al mattino, senza rimanere sgomento di fronte alla moltitudine dei suoi avversari.
Egli continua a pregare, e vede il soccorso di Dio e lo canta. “Tu hai colpito alla mascella tutti i miei nemici, hai spezzato i denti dei malvagi.”, dice, rilevando la disfatta umiliante e totale dei suoi avversari.
Infine esprime la sua fede, a se stesso e a tutti: “La salvezza viene dal Signore:sul tuo popolo la tua benedizione.”. Dio ha benedetto il suo popolo e gli è fedele. Dio non mancherà mai di sostenere la Chiesa.


Pagina Indice Salmi




Home Page