Diario della Preghiera - Teofane il Recluso
Il Volto dell’Umile - Isacco di Ninive VOGLIO CONFESSARMI BENE!
"Ti aiuti la Madonna a riconciliarti con Dio, col tuo prossimo, con te stesso, con la vita" dal Santuario di Montenero - Livorno
Il Santo del Calendario
Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno
Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre
Ricerca personalizzata




Salmo 25 (24) - Preghiera nel pericolo


1 Di Davide.
Alef A te, Signore, innalzo l’anima mia,

Bet 2 mio Dio, in te confido:
che io non resti deluso!
Non trionfino su di me i miei nemici!

Ghimel 3 Chiunque in te spera non resti deluso;
sia deluso chi tradisce senza motivo.

Dalet 4 Fammi conoscere, Signore, le tue vie,
insegnami i tuoi sentieri.

He 5 Guidami nella tua fedeltà e istruiscimi,
perché sei tu il Dio della mia salvezza;
Vau io spero in te tutto il giorno.

Zain 6 Ricòrdati, Signore, della tua misericordia
e del tuo amore, che è da sempre.

Het 7 I peccati della mia giovinezza
e le mie ribellioni, non li ricordare:
ricòrdati di me nella tua misericordia,
per la tua bontà, Signore.

Tet 8 Buono e retto è il Signore,
indica ai peccatori la via giusta;

Iod 9 guida i poveri secondo giustizia,
insegna ai poveri la sua via.

Caf 10 Tutti i sentieri del Signore sono amore e fedeltà
per chi custodisce la sua alleanza e i suoi precetti.

Lamed 11 Per il tuo nome, Signore,
perdona la mia colpa, anche se è grande.

Mem 12 C’è un uomo che teme il Signore?
Gli indicherà la via da scegliere.

Nun 13 Egli riposerà nel benessere,
la sua discendenza possederà la terra.

Samec 14 Il Signore si confida con chi lo teme:
gli fa conoscere la sua alleanza.

Ain 15 I miei occhi sono sempre rivolti al Signore,
è lui che fa uscire dalla rete il mio piede.

Pe 16 Volgiti a me e abbi pietà,
perché sono povero e solo.

Sade 17 Allarga il mio cuore angosciato,
liberami dagli affanni.

18 Vedi la mia povertà e la mia fatica
e perdona tutti i miei peccati.

Res 19 Guarda i miei nemici: sono molti,
e mi detestano con odio violento.

Sin 20 Proteggimi, portami in salvo;
che io non resti deluso,
perché in te mi sono rifugiato.

Tau 21 Mi proteggano integrità e rettitudine,
perché in te ho sperato.

22 O Dio, libera Israele
da tutte le sue angosce.

Commento al Salmo
Il salmista è pieno d’umiltà al ricordo delle sue numerose colpe della sua giovinezza. E’ sgomento alla vista che tanti suoi amici lo hanno tradito per un nulla. Uno screzio è bastato perché si mettessero contro di lui. Egli, piegato dal peso dei suoi peccati, domanda che Dio guardi a lui e non a quanto ha fatto non osservando “la sua alleanza e i suoi precetti”. Si trova in grande difficoltà di fronte ad avversari che lo odiano in modo violento e lui non ha via di salvezza che quella del Signore.

Gli errori passati sono il frutto del suo abbandono della “via giusta”. Ora sa che “tutti i sentieri del Signore sono amore e fedeltà”, cioè non portano a rovina, ma anzi danno prosperità, poiché la discendenza di chi teme il Signore “possederà la terra”. L’orante voleva affermarsi sugli altri agendo con spavalderia, con vie traverse, ed ecco che sconfessa tutto il suo passato, trattenendone però la lezione di umiltà, che gli ha dato. Egli sa che non andrà deluso perché ha deciso di essere protetto da "integrità e rettitudine”, cioè dall’osservanza dell’alleanza stabilita da Dio con Israele.

L’orante non pensa solo a se stesso, si sente parte del popolo di Dio, e invoca la liberazione di Israele dalle angosce date dai nemici. La liberazione dell’Israele di Dio, la Chiesa, cioè l’Israele fondato sulla fede in Cristo, non escludendo nella sua carità quello etnico basato sulla carne e sul sangue, per il quale la pace passerà dall’accoglienza del Principe della pace.



Pagina Indice Salmi




Home Page