Diario della Preghiera - Teofane il Recluso Come inserire un font di Google

Il Volto dell’Umile - Isacco di Ninive



Novena allo SPIRITO SANTO NOVENA ALLO SPIRITO SANTO Da pregare per nove giorni consecutivi qualsiasi volta si voglia dar lode, ringraziare o chiedere una grazia


Salmo 149 - Canto trionfale

[1] Alleluia.
Cantate al Signore un canto nuovo;
la sua lode nell’assemblea dei fedeli.
[2] Gioisca Israele nel suo creatore,
esultino nel loro re i figli di Sion.
[3] Lodino il suo nome con danze,
con tamburelli e cetre gli cantino inni.
[4] Il Signore ama il suo popolo,
incorona i poveri di vittoria.
[5] Esultino i fedeli nella gloria,
facciano festa sui loro giacigli.
[6] Le lodi di Dio sulla loro bocca
e la spada a due tagli nelle loro mani,
[7] per compiere la vendetta fra le nazioni
e punire i popoli,
[8] per stringere in catene i loro sovrani,
i loro nobili in ceppi di ferro,
[9] per eseguire su di loro la sentenza già scritta.
Questo è un onore per tutti i suoi fedeli.
Alleluia.



Commento al Salmo


Il salmo si colloca probabilmente al tempo di Neemia, quando i popoli vicini minacciarono di distruzione i reduci dall'esilio con la menzogna che essi meditassero l'indipendenza da Artaserse, re Persiano (Nm 6,5). Israele si armò pronto alla difesa e, come dice il salmo, anche alla guerra di punizione: “Per compiere la vendetta fra le nazioni e punire i popoli...”(Cf. Sap 12,6). In questa guerra di punizione è assente la conquista territoriale.
“L'assemblea dei fedeli” (“qehal hasidim”) indica l'assemblea liturgica nel tempio. In essa si loda Dio e si prospetta la guerra di punizione dei nemici di Dio e del suo popolo.
I “hasidim” (i pii, i fedeli) che il salmo nomina tre volte sono in specifico i fedeli pronti alla guerra.
“I fedeli nella gloria”, sono i pii resi forti dalla potenza gloriosa di Dio. Essi “facciano festa sui loro giacigli”, cioè con entusiasmo, senza pigrizie.
La spada che i fedeli, i pii, hanno in mano è la parola di Dio, in tutta sintonia a quella del Verbo (Ap 1,16; 19,15).
L'esercito invincibile contro gli empi sarà la Chiesa, il cui capo è Cristo, il “Re dei re e Signore dei signori” (Ap 19,16). La Chiesa vincerà, con l'assistenza degli “eserciti del cielo” (Ap 19,14).
La punizione che i fedeli infliggono è quella di tenere desta la voce della coscienza negli empi, continuando ad amare anche se odiati; per questo essi sono “il tormento degli abitanti della terra” che odiano l'amore (Ap 11,10). I ceppi di ferro indicano l'impotenza dei potenti contro i fedeli in Cristo; essi possono uccidere il corpo ma non possono far nulla all'anima (Cf. Mt 10,20).
Nel giudizio finale, i fedeli sorgeranno gloriosi dalle tombe (giacigli) per giudicare con Cristo gli empi (Cf. Mt 19,28), che saranno gettati, anche con il corpo, nei ceppi infernali, preda del loro re nero, che hanno voluto scegliere e adorare.


I Sette doni dello Spirito Santo I Sette Doni Dello Spirito Santo:
Sapienza Intelletto Consiglio Fortezza Scienza Pietà Timore di Dio

Pagina Indice Salmi




L'uomo in Preghiera
Catechesi di Benedetto XVI “Signore, insegnaci a pregare” (Lc 11,1)

Vedi Anche:
Iniziazione alla vita spirituale
Decisione iniziale e perseveranza. Se vuoi salvarti l’anima e acquistare la vita eterna, scuotiti dal torpore, fatti il segno della croce e di’: «Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen»

La Metanoia come condizione di base per accedere a Dio


Vangelo
di ogni Giorno
con Commento



Home Page