LE OPERE DI MISERICORDIA CORPORALE


7. Seppellire i morti

La presenza dei cristiani ai funerali, costituisce il commiato della comunitÓ di fede alla sorella o al fratello partiti per l'incontro definitivo con il Signore. Il culto per la salma di chi ci ha lasciati Ŕ la continuazione del rispetto e della venerazione dovuti alle persone vive. Per essere autentico il culto dei morti deve riflettere un sincero impegno per la vita.

Anzitutto la misericordia va usata per i morenti: vi sono coinvolti i presenti, i vicini, il personale sanitario (medici, infermieri), la comunitÓ cristiana nel suo insieme. Tutti sono impegnati ad aiutare i fratelli e le sorelle a morire bene: senza forme di terrorismo psicologico, ma anche senza evasioni. Si devono preparare le persone ad incontrarsi con il Signore, presentandolo come padre e amico, attraverso la preghiera e la ricezione dei Sacramenti. ╚ atto di misericordia rasserenare i morenti, assicurando loro la vicinanza solidale alle persone che rimangono, soprattutto se si tratta del coniuge e dei figli in tenera etÓ. ╚ atto di misericordia anche diffondere una cultura cristiana della morte, inserendola nel contesto della vita umana.

La morte non deve mai essere provocata, nÚ dall’alcool, nÚ dalla droga, nÚ da altre violenze o inutili imprudenze; ma quando arriva va accolta nello spirito della fede: Ŕ il passaggio verso la comunione definitiva e gloriosa con Dio.



Home Page