Clicca Entra Offerta del Mese Libreria Edizioni Paoline Servizio S. Messa _ Quadri Argento _ Croce San Damiano _ Icone in Argento _ Foderina per Bibbia di Gerusalemme in Cuoio e Argento _ Croce di S. Benedetto _ Bibbia Dvd - Foderina per la Liturgia delle Ore in 4 volumi _ Prodotti Naturali del Monastero Cistercense di Valserena _ Camicia Sacerdotale Clergy _ Braccialetto Rosario in Argento e Cristalli Swarovski _ Rosario Originale di Betlemme _ CD_Canto_Gregoriano _ Libro consigliato _ DVD Film Religiosi _ DVD Film Religiosi a Cartoni Animati _ Santi e Sante di Dio Biografie _ Classici della Spiritualità Cristiana _ Libri di Formazione Ragazzi - UMANA e CULTURALE _ Collana Economica dello Spirito _ Libro Segnalato Tema Famiglia

Home-Page

In Dialogo il Teologo Risponde
a cura della Facoltà Teologica dell'Italia Centrale

La Libreria Edizioni Paoline di Pisa propone numero due quadretti in Argento adatti per ogni occasione e ricorrenza: Nascite, Battesimi, Comunioni, Cresime, Matrimoni ecc. ecc

CROCE DI SAN DAMIANO IN ARGENTO
Crocefisso di San Damiano in Argento


Spedizione del Singolo Libro con la Velocissima Posta Prioritaria

Chi ha ucciso Osama Bin Laden ha commesso peccato?

Volevo avere una risposta al seguente quesito: chi ha ucciso Bin Laden ha commesso un peccato? Sono anche io un sacerdote e chiedo un aiuto per poter rispondere a me stesso e ai miei parrocchiani con maggiore conoscenza.


Don Enrico


Risponde don Leonardo Salutati, docente di Teologia morale



Carissimo don Enrico la sua domanda è semplice e diretta, ma la risposta è abbastanza complicata. Infatti non conosciamo esattamente le circostanze di fatto e di diritto che hanno portato alla morte di Bin Laden e neppure è stato detto chiaramente quale ordine fu dato ai soldati: quello di arrestare oppure quello di uccidere il ricercato? Comunque per offrire degli elementi di valutazione alla questione da lei posta ed essendo uno stato sovrano quello che ha compiuto l’operazione, penso possa essere utile richiamare l’insegnamento della Chiesa sulla pena di morte, tenendo presente che gli Stati Uniti sono anche uno dei 43 paesi membri delle Nazioni Unite, e uno dei 7 paesi a democrazia liberale, che ancora mantengono la pena di morte. Come lei ben saprà la dottrina della Chiesa è passata dal ritenere che l’autorità civile senza peccato può infliggere la pena di morte, purché sia mossa non dall’odio ma dalla giustizia e non proceda senza precauzione ma con prudenza affinché sia conservato il bene comune (Concilio Lateranense IV del 1215), ad una valutazione radicalmente diversa grazie ad uno sforzo di approfondimento e di precisazione della questione che ha trovato la formulazione definitiva nel Compendio del Catechismo della Chiesa Cattolica del 2005 ai nn. 467-469. In questo documento si ribadisce che la vita è sacra fin dal suo inizio e pur riconoscendo che la legittima difesa, per chi ha responsabilità della vita altrui, può essere anche un grave dovere, tuttavia, essa non deve comportare un uso della violenza maggiore del necessario. Inoltre entrando nel dettaglio della pena da infliggere al reo di un delitto si afferma che oggi, a seguito delle possibilità di cui lo Stato dispone per reprimere il crimine rendendo inoffensivo il colpevole, i casi di assoluta necessità di pena di morte sono ormai molto rari, se non addirittura praticamente inesistenti, nella considerazione che i mezzi incruenti (…) corrispondono meglio alle condizioni concrete del bene comune, sono più conformi alla dignità della persona e non tolgono definitivamente al colpevole la possibilità di redimersi.

In conclusione, possiamo dire che l’insegnamento della Chiesa sulla pena di morte è maturato a seguito di una comprensione nuova delle tre «ragioni classiche» che la legittimavano. Infatti la legittima difesa, può oggi esser assicurata con altri mezzi efficaci, più consoni alla dignità della persona, perché l’uomo, anche quando fa il male, mantiene la sua dignità e i diritti inalienabili, che non gli provengono dallo Stato e dalla società, ma dalla stessa natura umana, da Dio. Decretando la pena di morte, dunque, lo Stato va oltre i suoi poteri. Inoltre è stato ormai ampiamente dimostrato che la pena di morte non è un deterrente per la dissuasione del delinquente, ed anche se lo fosse, la vita umana ha valore assoluto e non può mai essere strumentalizzata, neppure in vista di un fine buono, quale il contenimento della criminalità.

Infine, circa il ristabilimento dell’ordine violato, terza motivazione «classica», è evidente che con la pena di morte non si restituisce comunque la vita all’innocente. Uccidere può servire a fare vendetta, non giustizia. La «compensazione» può avvenire solo nella vita, non nella morte, e l’ordine leso si ristabilisce quando il reo si pente e torna sulla buona strada, facendo il bene, non aggiungendo morte a morte. Queste ragioni, che sono alla base dell’insegnamento della Chiesa Cattolica, sono ormai condivise dalla coscienza umana e dalla coscienza cristiana, e spiegano perché la Chiesa dice di no alla pena di morte.



Libreria Edizioni Paoline di Pisa

Ricerca personalizzata

Il Vangelo di ogni giorno con un Commento



Home Page - Torna Indietro su Indice il Teologo Risponde


Un Piccolo Pensiero per il Tuo Sacerdote? Una Camicia In + è Sempre Gradita!!!! Camicia Sacerdotale a Manica Corta Tipo Clergy 100% Puro Cotone in Offerta Speciale Camicia Maniche Corte Clergy Cotone Offerta Speciale