Libreria Edizioni Paoline Pisa OROLOGIO San Damiano www.libreriapaoline.com


Il Vangelo di ogni giorno
con un Commento
Entra


In Dialogo il Teologo Risponde
a cura della Facoltà Teologica dell'Italia Centrale


La Libreria Edizioni Paoline di Pisa propone numero due quadretti in Argento adatti per ogni occasione e ricorrenza: Nascite, Battesimi, Comunioni, Cresime, Matrimoni ecc. ecc



Come è cambiata la confessione?

Vorrei sapere come si è sviluppato il sacramento della confessione: è vero che all’inizio veniva celebrata in forma pubblica? Quando è nata la pratica della confessione a tu per tu con il sacerdote? È verso che l’obbligo di confessarsi almeno una volta l’anno, in preparazione alla Pasqua, è stato introdotto nel medioevo? E perché invece oggi siamo invitati a confessarci più spesso?


Andrea Luti

Risponde padre Giovanni Roncari, docente di storia della Chiesa

Le domande che il signor Luti rivolge sono certamente molto interessanti, ma anche molto ampie per poter rispondere in maniera abbastanza esauriente in così poco spazio. Dobbiamo cercare di sintetizzare.

Tra tutti i sacramenti della Chiesa, la riconciliazione o confessione è forse quello che ha subito più trasformazioni lungo i secoli. E questo non è senza motivo. Da una parte vi è la fede della chiesa che crede e insegna di aver avuto il potere di perdonare i peccati, dall’altra il peccatore concreto con la sua storia, quindi non semplicemente una dottrina da applicare, ma una persona da accogliere, una prassi da inventare.

Nel Nuovo Testamento la prima, vera e più importante, e per alcuni l’unica, remissione dei peccati è il Battesimo: «pentitevi e ciascuno di voi si faccia battezzare nel nome di Gesù Cristo per il perdono dei vostri peccati» (Atti 2,38) dice l’apostolo Pietro nel suo discorso la mattina di pentecoste. Nella professione di fede che recitiamo nella messa domenicale, diciamo di credere «in un solo battesimo per la remissione dei peccati». È nel Battesimo, dunque, che muore l’uomo vecchio con i suoi peccati e le sue concupiscenze e nasce l’uomo nuovo creato secondo Dio.

Il Battesimo, però, non va inteso in senso quasi magico che assicuri la salvezza senza un concreto impegno del credente reso possibile dal Battesimo stesso, basti solo pensare al celebre cap. 12 della Lettera ai Romani.

La prima comunità cristiana ha sperimentato subito la propria fragilità e la necessità di un perdono oltre il battesimo. Il ruolo della chiesa è ben espresso dal testo di Matteo 18,15-18: «se tuo fratello commette una colpa, va e ammoniscilo fra te e lui...» L’amara esperienza della vita, soprattutto durante le persecuzioni che durano a fasi alterne quasi tre secoli, mette davanti a necessità nuove. Non mancano, infatti, cristiani che rinnegano la fede, anzi in alcuni momenti sono anche molti, come nelle persecuzioni di Decio e di Diocleziano, e che poi pentiti desiderano ritornare nella comunità cristiana.

Cosa fare? Abbandonarli a se stessi e alla propria disperazione o riaccoglierli come Colui che riaccolse il figlio prodigo, che andò in cerca della pecora smarrita, che è venuto a chiamare i peccatori e non i giusti, che ordinò di perdonare fino a settanta volte sette, che diede agli Apostoli il mandato di rimettere i peccati… Più che il momento giuridico della istituzione di questo sacramento è importante riflettere e imparare dal modo di essere e di fare del Maestro e Signore, il vero Sacramento della nostra riconciliazione con il Padre. Ed ecco anche come la necessità concreta, la vita, porta a leggere e a confrontarsi il vangelo. E, se è possibile riaccoglierli, come fare, a quali condizioni? Una sola volta o più volte? Dall’iniziale rigore per cui sembra che sia possibile solo una seconda volta (come uno è il battesimo, una è la penitenza), si passa ad elaborare un cammino penitenziale più possibilista, ma anche complesso.

Sintetizzando al massimo e sorvolando differenze, anche notevoli, fra le varie grandi chiese (Roma, Antiochia, Alessandria..), possiamo riassumere in tre momenti la celebrazione della penitenza e del perdono: la richiesta di perdono fatta al vescovo e l’ingresso nello stato dei Penitenti; un tempo di penitenza che può durare da pochi mesi a molti anni, o addirittura per tutta vita; la riconciliazione attraverso l’imposizione delle mani da parte del vescovo. Lo stato penitenziale era molto duro e impegnativo e molti iniziarono a rimandarlo fino all’età avanzata. Va anche notato che nella esperienza di peccato si sottolinea in particolare la ferita che questo produce nel corpo della Chiesa e la necessità di sanarla con medicine anche forti e amare. Ma la chiesa ha rischiato di costruire un edificio che rimane vuoto e ancora una volta la necessità della vita impone uno sviluppo.

Più che la confessione pubblica, era lo stato dei penitenti ad essere pubblico. San Leone Magno proibisce la confessione pubblica che dichiara illegittima e contraria alle norme apostoliche: «Noi proibiamo che in questa occasione venga letto pubblicamente uno scritto nel quale sono elencati nei particolari i loro peccati. È sufficiente infatti che le colpe vengano manifestate al solo vescovo, in un colloquio privato» (Lettera 168). Leone Magno è stato papa dal 440 al 461, le persecuzioni erano terminate da oltre un secolo. La coscienza cristiana aveva elaborato, partendo già dai Padri Apostolici, una dottrina che non identificava il peccato nella sola apostasia, ma insegnava l’esistenza di una «apostasia del cuore» che aveva bisogno di penitenza. E nel primo medioevo, anche per opera del monachesimo, si sviluppano varie forme di confessione, che progressivamente sostituiscono l’antico ordo poenitentium rovesciando in certo modo la prassi: confessione, assoluzione, penitenza.

Il panorama è piuttosto variegato. Alcune, per la nostra mentalità alquanto bizzarre, come la penitenza tariffata (ad un singolo peccato corrisponde una sanzione, ma anche la tariffa sostitutiva: digiuni, pellegrinaggi... potevano essere commutati in elemosine), altre costituiscono un passo in avanti nella formazione della coscienza, nel senso del peccato, nella necessità della conversione: non solo sacramento di riconciliazione, ma anche di purificazione e di progresso spirituale.

È in questo contesto che va letto il celebre decreto 21 del Concilio Lateranense IV (1215): «Ogni fedele dell’uno e dell’altro sesso, giunto all’età di ragione, confessi lealmente, da solo, tutti i suoi peccati al proprio parroco almeno una volta l’anno, e adempia la penitenza che gli è stata imposta secondo le sue possibilità... il sacerdote sia discreto e prudente, come un esperto medico versi vino e olio sulle piaghe del ferito, informandosi diligentemente sulla situazione del peccatore e sulle circostanze del peccato per capire con tutta prudenza quale consiglio dare e quale rimedio applicare…»

Il nostro lettore si chiede perché oggi siamo esortati a confessarci spesso. Non è da oggi, ma da svariati secoli: dal medioevo monastico e con le sue riforme ecclesiali, e poi dall’età tridentina che la confessione è entrata a far parte del cammino ordinario di un cristiano consapevole della necessità della conversione e del perdono che è frutto non solo di scelte personali, ma soprattutto della grazia di Dio che ci raggiunge attraverso la mediazione della Chiesa.

Desidero solo citare un bel testo del Concilio Vaticano II dove si insegna che il sacerdozio comune dei fedeli, il Sacerdozio battesimale, quello che costituisce il Popolo di Dio, viene esercitato nei sacramenti: «l’indole sacra e organica della comunità sacerdotale viene attuata per mezzo dei sacramenti e delle virtù» (Lumen gentium 11) E riguardo alla confessione il Concilio afferma: «Quelli che si accostano al sacramento della penitenza, ricevono dalla misericordia di Dio il perdono delle offese fatte a Lui e insieme si riconciliano con la Chiesa, alla quale hanno inflitto una ferita col peccato e che coopera alla loro conversione con la carità, l’esempio e la preghiera». (L.G.11)


Orologio_con_croce_San_Damiano


Ricerca personalizzata
 




Home Page - Torna Indietro su Indice il Teologo Risponde