VISITA LA NOSTRA LIBRERIA ON LINE Libreria Edizioni Paoline Servizio S. Messa _ Quadri Argento _ Croce San Damiano _ Icone in Argento _ Foderina per Bibbia di Gerusalemme in Cuoio e Argento _ Croce di S. Benedetto _ Bibbia Dvd - Foderina per la Liturgia delle Ore in 4 volumi _ Prodotti Naturali del Monastero Cistercense di Valserena _ Camicia Sacerdotale Clergy _ Braccialetto Rosario in Argento e Cristalli Swarovski _ Rosario Originale di Betlemme _ CD_Canto_Gregoriano _ Libro consigliato _ DVD Film Religiosi _ DVD Film Religiosi a Cartoni Animati _ Santi e Sante di Dio Biografie _ Classici della Spiritualità Cristiana _ Libri di Formazione Ragazzi - UMANA e CULTURALE
"La famiglia, dono e impegno, speranza dell'umanità"
La Famiglia nel Sentimento e nelle Parole di Giovanni P. II
 
"Il Creatore da principio li creò maschio e femmina e disse: Per questo l'uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie e i due saranno una carne sola" (Mt 19, 4-5). "Così che - aggiunge Gesù - non sono più due, ma una carne sola. Quello dunque che Dio ha congiunto, l'uomo non lo separi" (Mt 19, 6).



Il Libro Consigliato


CROCE DI SAN DAMIANO IN ARGENTO il crocifisso di San Francesco
Crocefisso di San Damiano in Argento
Diritto alla vita diritto fondamentale dell'uomo


Oggi desidero tornare all'Enciclica Veritatis splendor, per riproporre alcuni principi fondamentali della vita morale. Il punto di partenza dell'Enciclica è il dialogo di Gesù Cristo con il giovane (cfr. Mt 19, 16-22) che Gli pone la seguente domanda: "Maestro, che cosa devo fare di buono per ottenere la vita eterna?" (Mt 19, 16). Gesù risponde: "Se vuoi entrare nella vita, osserva i comandamenti" (Mt 19, 17). E quando il giovane chiede: "Quali?", Gesù replica citando il Decalogo. Questo dialogo manifesta che c'è nell'uomo il desiderio della vita eterna; un desiderio la cui realizzazione è condizionata dall'osservanza dei comandamenti, cioè dall'adempimento delle norme morali, dei principi di comportamento dati da Dio e rivelati nella Sacra Scrittura.

2. Invitando il giovane ad osservare il Decalogo, Gesù non fa che riprendere gli stessi comandamenti che Dio, nella sua maestà di supremo Legislatore, aveva dato agli Israeliti per mezzo di Mosè dall'alto del Monte Sinai. Mediante i comandamenti Dio aveva stretto un'Alleanza con Israele: Mosè si era obbligato, insieme con il suo popolo, alla loro osservanza e Dio, da parte sua, aveva assicurato agli Israeliti l'ingresso nella Terra promessa. L'osservanza dei comandamenti è la condizione per raggiungere la vita eterna, di cui l'ingresso nella Terra è il simbolo.

3. La stessa legge, rivelata da Dio per mezzo di Mosè e confermata da Cristo nel Vangelo (cfr. Mt 5, 17-19), è stata iscritta dal Creatore nella natura umana. Ecco ciò che leggiamo nella Lettera di San Paolo ai Romani: "Quando i pagani, che non hanno la legge, per natura agiscono secondo la legge, essi, pur non avendo legge, sono legge a se stessi" (Rm 2, 14). Così, dunque, i principi morali, manifestati da Dio al Popolo eletto per mezzo di Mosè, sono gli stessi da Lui inscritti nella natura dell'essere umano. Seguendo pertanto ciò che fin da principio fa parte della sua natura, ogni persona sa di dover onorare il padre e la madre e rispettare la vita; è consapevole di non dover commettere adulterio, né rubare, né pronunziare falsa testimonianza; in una parola, sa di non dover fare agli altri ciò che non vuole sia fatto a sé.

4. Nella Lettera ai Romani san Paolo aggiunge: "Quanto la legge esige è scritto nei loro cuori come risulta dalla testimonianza della loro coscienza" (Rm 2, 15). La coscienza si presenta come il testimone, sia accusando l'uomo quando viola la legge inscritta nel suo cuore, sia giustificandolo quando le è fedele. Così dunque, secondo l'insegnamento dell'Apostolo, esiste una legge intimamente legata alla natura dell'uomo quale essere intelligente e libero e questa legge trova risonanza nella sua coscienza: per l'uomo, vivere d'accordo con la coscienza vuol dire vivere secondo la legge della propria natura e, vice versa, vivere secondo questa legge significa vivere d'accordo con la coscienza; ovviamente con la coscienza vera e retta, cioè con la coscienza che rilegge correttamente il contenuto della legge inscritta dal Creatore nella natura umana.

5. Il ricordo di questo insegnamento racchiuso nella Sacra Scrittura, particolarmente nella Lettera ai Romani, è stato sempre importante nella storia della Chiesa e dell'umanità. Nell'anno in corso esso diventa particolarmente urgente, soprattutto in rapporto ai doveri fondamentali che riguardano la famiglia e la vita, così strettamente legati tra loro. Nell'Anno della Famiglia deve trovare prima di tutto conferma quel diritto fondamentale dell'uomo che è il diritto alla vita. Non si può vanificare questo diritto, per esempio, legalizzando la soppressione della vita umana, specialmente di coloro che non sono ancora nati.

6. Con la recita dell'Angelus rivolgiamo i nostri pensieri e i nostri cuori a Maria, Madre del Verbo che si è fatto carne (cfr. Gv 1, 14). Venendo al mondo, il Figlio di Dio desidera che abbiamo la vita e l'abbiamo in abbondanza (cfr. Gv 10, 10). Preghiamolo, per intercessione della Madre della Vita, affinché sia rispettata la legge divina iscritta nel cuore di ogni uomo; perché sia rispettato in particolare il diritto alla vita di ogni essere umano concepito. Solo osservando la legge di Dio si può raggiungere la vita eterna!


GIOVANNI PAOLO II ANGELUS
Domenica, 12 giugno 1994
















Home Page - Torna Indietro Indice Documenti Famiglia