Esicasmo - Isacco di Ninive Come inserire un font di Google

Signore Gesù Cristo Figlio di Dio, abbi pietà di me peccatore


ISACCO DI NINIVE - VII secolo

Ma che cos'è l'esichia? - Istruzioni - Dai Discorsi di Isacco di Ninive.


Dai Discorsi di Isacco di Ninive.
Discorso 5. Logia, Astir, Atene,1961,18.

Chi può sopportare l'ingiustizia con gioia, benché abbia la possibilità di respingerla, riceve da Dio la consolazione per la sua fede in lui.

Chi sopporta con umiltà accuse pesanti e giunto alla perfezione: gli angeli lo ammirano. Non c’è virtù più ardua e più grande di questa.

Non crederti forte, finché tu non sia stato sottoposto a svariate tentazioni e non ti sia accorto di saper rimanere irremovibile. In ogni evenienza, prova così la tua anima.

Procurati una fede retta e sarai capace di calpestare la testa dei nemici.

Non confidare nella tua forza, per non essere abbandonato alla debolezza della natura e imparare allora dalla tua caduta quanto sei fragile.

Non confidare nemmeno nella tua scienza, perché il nemico non ne colga l'occasione per irretirti nel laccio della sua malizia.

Rendi mite e umile la tua lingua e non ti capiterà il minimo disprezzo; rendi soavi le labbra e ti troverai amico di ogni uomo.

Non vantarti mai delle tue opere, per non vederti coperto di vergogna. Provvidenzialmente Dio opera un cambiamento in qualunque cosa di cui l'uomo si vanta, perché egli sia umile o impari l'umiltà Ti conviene perciò attribuire tutto alla prescienza di Dio e non credere di poter trovare alcunché di immutabile in questa vita.

Torna Indietro Pagina Indice




Home Page