Esicasmo - Isacco di Ninive Come inserire un font di Google

Signore Gesù Cristo Figlio di Dio, abbi pietà di me peccatore


ISACCO DI NINIVE - VII secolo

Ma che cos'è l'esichia? - Istruzioni - Dai Discorsi di Isacco di Ninive.


Dai Discorsi di Isacco di Ninive.
Discorso 44. Logia, Astir, Atene,1961,164.163.

Assumi un atteggiamento di libertà, pur essendo legato al corpo. Dimostra che sai obbedire in modo libero, perché agisci per il nome di Cristo.

Pratica una mansuetudine intrisa di discernimento per evitare di rimanere intrappolato. Ama l'umiltà in tutte le tue opere, per neutralizzare insidie nascoste, sempre in agguato appena fuori dal percorso dell'umile.

Non rifiutare le afflizioni, perché esse ti introducono nella conoscenza della verità. Non sgomentarti per le prove, giacché proprio lì trovi ciò che ti onora. Prega per non entrare nelle tentazioni dello spirito.

Quanto poi alle prove del corpo, preparati con tutta la tua forza. Esse sono il cammino obbligato per avvicinarti a Dio, giacché racchiudono in se stesse il conforto divino. Chi fugge le prove fugge la virtù Ovviamente non intendo la tentazione provocata dalle passioni, ma la prova delle sofferenze.

Se Dio tarda ad esaudire una tua richiesta, non te ne affliggere. Non ne sai più di Dio. Questo ti capita forse perché sei indegno di ottenere quanto hai chiesto oppure perché le vie del tuo cuore non vanno nel senso della tua preghiera, ma in quello opposto. Il ritardo potrà anche dipendere dal fatto che non sei ancora pervenuto al punto in cui sei in grado di ricevere la grazia richiesta.

Non dobbiamo desiderare anzi tempo quello che ci supera, per non rendere inutile la grazia di Dio ricevendola troppo presto. Tutto quello che è ricevuto con facilità può anche perdersi alla svelta. Invece, come si custodisce con cura quello che è trovato attraverso la fatica del cuore !

Torna Indietro Pagina Indice




Home Page