L’anima si rinnova completamente quando il Signore la tocca. - San Silvano del Monte athnos
La Sacra Bibbia rilegata con copertina in Pelle e lastra in Argento. La Sacra Bibbia e Vangelo Rilegati con Copertina in Pelle Marrone e/o Bianca con una Lastrina in Argento a scelta tra varie icone. Produzione Artigianale Nazionale.
Idea Regalo per ricorrenze varie
Icone Greche Originali Serigrafia su Foglia Oro Icone Greche Originali Serigrafia su Foglia Oro Icone Greche Originali Serigrafia su Foglia Oro Icone Originali Greche
Copie fedeli e austeri stile bizantino (Scuola Cretese – Teofanis) realizzate da padre Pefkis, agiografo diplomato dell’Accademia Ecclesiastica del Monte Santo (località Athos) con colori autentici e tradizionali con foglio dorato, su tela e legno invecchiato

Il Santo del Calendario:
Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

L’anima si rinnova completamente quando il Signore la tocca. - San Silvano dell’Athos (1866-1938)




L’anima si rinnova completamente quando il Signore la tocca. Ma lo può comprendere soltanto colui che ne ha fatto l’esperienza, poiché noi non possiamo conoscere le realtà celesti senza lo Spirito Santo quaggiù sulla terra.

Io ho errato in due occasioni. Una volta il nemico mi fece vedere una luce e la mia mente mi diceva: accettala è una grazia. Un’altra volta, ho accettato una visione e ne ho molto sofferto. Era alla fine della veglia notturna all’inizio delle Laudi, quando si canta: “Ogni creatura che respira, lodi il Signore!”.

Io sentii come il re David lodava il Signore nel cielo. In piedi, nel coro, avevo l’impressione che non ci fosse più né tetto né cupola e vedevo il cielo aperto.

Ne parlai ad alcuni monaci spiritualmente maturi, ma nessuno mi disse che il Maligno si fosse preso beffa di me. Io stesso non pensavo che gli spiriti maligni potessero lodare il Signore, per cui, a mio giudizio, questa visione non poteva venire dal demonio.

L’orgoglio s’impadronì di me e vidi gli spiriti maligni e riconobbi d’essere stato ingannato. Ne parlai al confessore pregandolo d’intercedere per me; grazie alle sue preghiere sono stato salvato e supplico continuamente il Signore di concedermi l’umiltà. Se mi si chiedesse quali doni desidero ricevere dal Signore, risponderei: lo spirito d’umiltà che il Signore maggiormente gradisce.

Tieni presente che nel momento in cui gli spiriti maligni t’assalgono, il Signore ti difende. Non aver paura, neppure se dovessi vedere Satana in persona, se egli ti volesse bruciare nel suo fuoco e far prigioniera la tua mente. Confida fermamente in Dio e dì: “Io sono più cattivo di tutti”. Ed il maligno ti lascerà. Accorgendoti che lo spirito maligno opera in te, non devi perdere il coraggio; confessati sinceramente e domanda al Signore lo spirito d’umiltà. Egli te lo concederà certamente e tu, nella misura della tua umiltà, sentirai in te la grazia. E se diverrai tutto umiltà, la tua anima otterrà la pace perfetta.

Un’anima umile, che ha in sé la forza della grazia dello Spirito Santo, ha pure la forza di sopportare una rivelazione divina; ma chi possiede la grazia in misura modesta, è schiacciato dalla contemplazione, in quanto non ha la forza di sopportare il peso della grazia di Dio. I discepoli caddero con la faccia a terra mentre Mosè ed Elia, sul Tabor, conversavano col Signore trasfigurato. Ma più tardi, quando crebbe in loro la grazia dello Spirito Santo, essi rimasero in piedi allorché il Signore apparve loro e poterono addirittura conversare con Lui.

Così san Sergio, quando gli apparve la Madre di Dio, rimase in piedi di fronte ad Ella, poiché in lui abitava la grazia di Dio; invece il suo discepolo Mihocil cadde in ginocchio non potendo fissare la Vergine.

San Serafim di Sarov possedeva pure la pienezza della grazia dello Spirito Santo e rimase pure lui in piedi quando gli apparve la Madre di Dio, mentre il suo discepolo cadeva a terra, poiché non aveva ancora raggiunto lo stesso grado di grazia. Chi ha in sé la grazia, non teme gli spiriti maligni, poiché si sente in possesso della Potenza di Dio. Tutte le anime non hanno le stesse possibilità; le une sono forti come il ferro, altre inconsistenti come il fumo. Le anime orgogliose sono simili al fumo; il nemico le spinge qua e là, come il vento che soffia dall’una e dall’altra parte, poiché esse non hanno pazienza e si lasciano facilmente ingannare dal nemico. Gli umili invece, osservano i comandamenti di Dio; costruiscono su essi come sulla roccia, su cui s’infrangono i flutti del mare. Essi si sono abbandonati alla volontà di Dio ed il Signore dà loro la grazia dello Spirito Santo. Colui che vive secondo i comandamenti, sente nella sua anima in ogni istante la Grazia di Dio. Ma ci sono pure quelli che non sentono la venuta della Grazia.

Chi ha fatto l’esperienza dell’amore di Dio, dirà: io non ho osservato questo comandamento. Anche se prego notte e giorno e mi sforzo di crescere in ogni virtù, non ho messo in pratica il comandamento dell’amore di Dio. Invece la mia anima vuole rimanere sempre nell’amore. Se pensieri estranei l’assalgono, la mente pensa a Dio ed alle cose terrestri. Ed il comandamento di amare Dio con tutto il cuore e con tutta l’anima non è adempiuto. Se invece tutta la mente è in Dio e non è in preda ad alcun altro pensiero, può essere realizzato il più grande comandamento, sebbene non ancora perfettamente.

Una nube nasconde il sole ed ecco che l’ombra copre la terra. Così l’anima perde la grazia a causa d’un solo pensiero orgoglioso ed eccola avvolta nella nebbia. La grazia ritorna con un pensiero umile. Io ne ho fatto l’esperienza. Come chi è vivo sente con tutta naturalezza se ha freddo o caldo, così l’uomo, che ha conosciuto la Spirito Santo, per esperienza sa bene quando la grazia visita l’anima e quando l’assale lo spirito maligno. Dio da all’anima un senso, perché essa possa riconoscere la sua venuta, per amarlo e fare la sua volontà. Ed ora, attenzione! Noi non distinguiamo i pensieri che provengono dal Maligno per la loro forma, ma per il loro effetto sull’anima. Solo con l’esperienza noi l’apprendiamo, di modo che chi non ha fatto quest’esperienza è facilmente ingannato dal maligno. Se tu t’accorgi d’una luce che nasce in te o ti circonda, sta attento, a meno che tu non senta nello stesso tempo una spinta verso Dio o l’amore verso il prossimo. Tuttavia non temere. Umiliati e la luce sparirà.

Fratelli miei, dimentichiamo la terra e tutto ciò che essa contiene. La terra ci allontana dalla visione dell’ineffabile Trinità che i Santi contemplano nello Spirito Santo. Rimaniamo fermi nella preghiera libera da ogni fantasia e domandiamo al Signore lo spirito d’umiltà.





Home Page