Bibbie e Bibbia di Gerusalemme Sconto 15% Bibbie e Bibbia di Gerusalemme Sconto 15% Bibbie e Bibbia di Gerusalemme Sconto 15% Bibbie e Bibbia di Gerusalemme Sconto 15% Bibbia di Gerusalemme - La Bibbia Verita' e Vita CEI. Sconto 15%- La Bibbia Testo

:Il Santo del Calendario:


LE 70 CATECHESI MARIANE DI GIOVANNI PAOLO II
di mercoledì in mercoledì a partire dal 7 settembre 1995 al 13 novembre 1997


RUOLO DI MARIA NELLA CHIESA








Home Page

"MARIA MEDIATRICE"

Mercoledì 1 Ottobre 1997

1. Tra i titoli attribuiti a Maria nel culto della Chiesa, il capitolo VIII della Lumen gentium ricorda quello di "Mediatrice". Benché alcuni Padri conciliari non condividessero pienamente tale scelta (cfr Acta Synodalia III,8,163-164), quest’appellativo fu inserito ugualmente nella Costituzione dogmatica sulla Chiesa, a conferma del valore della verità che esprime. Si ebbe, però, cura di non legarlo a nessuna particolare teologia della mediazione, ma di elencarlo soltanto tra gli altri titoli riconosciuti a Maria.

Il testo conciliare, peraltro, riferisce già il contenuto del titolo di "Mediatrice", quando afferma che Maria "con la sua molteplice intercessione continua a ottenerci i doni della salvezza eterna" (LG, 62).

Come ricordo nell’Enciclica Redemptoris Mater, "la mediazione di Maria è strettamente legata alla sua maternità, possiede un carattere specificamente materno, che la distingue da quella delle altre creature" (N. 38).

Da questo punto di vista, essa è unica nel suo genere e singolarmente efficace.

2. Alle difficoltà manifestate da alcuni Padri conciliari circa il termine "Mediatrice", lo stesso Concilio ha provveduto a rispondere affermando che Maria è "per noi la madre nell’ordine della grazia" (LG, 61). Ricordiamo che la mediazione di Maria è qualificata fondamentalmente dalla sua divina maternità. Il riconoscimento del ruolo di mediatrice è, inoltre, implicito nella espressione "Madre nostra", che propone la dottrina della mediazione mariana, ponendo l’accento sulla maternità. Infine, il titolo "Madre nell’ordine della grazia", chiarisce che la Vergine coopera con Cristo alla rinascita spirituale dell’umanità.

3. La mediazione materna di Maria non offusca l’unica e perfetta mediazione di Cristo. Il Concilio, infatti, dopo aver menzionato Maria "mediatrice", si premura di precisare: "Questo però va inteso in modo che nulla detragga o aggiunga alla dignità e alla efficacia di Cristo, unico mediatore" (LG, 62). E cita a questo proposito il noto testo della Prima Lettera a Timoteo:

"Uno solo, infatti, è Dio e uno solo il Mediatore fra Dio e gli uomini, l’uomo Cristo Gesù, che ha dato se stesso in riscatto per tutti" (2,5-6).

Il Concilio afferma, inoltre, che "la funzione materna di Maria verso gli uomini in nessun modo oscura o diminuisce questa unica mediazione di Cristo, ma ne mostra l’efficacia" (LG, 60).

Lungi pertanto dall’essere un ostacolo all’esercizio dell’unica mediazione di Cristo, Maria ne mette piuttosto in evidenza la fecondità e l’efficacia. "Poiché ogni salutare influsso della Beata Vergine verso gli uomini non nasce da necessità, ma dal beneplacito di Dio, e sgorga dalla sovrabbondanza dei meriti di Cristo, si fonda sulla mediazione di Lui, da essa assolutamente dipende e attinge tutta la sua efficacia" (LG, 60).

4. Da Cristo deriva il valore della mediazione di Maria e pertanto l’influsso salutare della Beata Vergine "non impedisce minimamente l’unione immediata dei credenti con Cristo, anzi la facilita" (ibid.).

L’intrinseco orientamento a Cristo dell’opera della "Mediatrice" spinge il Concilio a raccomandare ai fedeli di ricorrere a Maria "perché, sostenuti da questo materno aiuto, essi più intimamente aderiscono col Mediatore e Salvatore" (LG, 62).

Nel proclamare Cristo unico mediatore (cfr 1 Tm 2,5-6), il testo della Lettera di san Paolo a Timoteo, esclude ogni altra mediazione parallela, ma non una mediazione subordinata. Infatti, prima di sottolineare l’unica ed esclusiva mediazione di Cristo, l’autore raccomanda "che si facciano domande, suppliche, preghiere e ringraziamenti per tutti gli uomini..." (2,1). Non sono forse le preghiere una forma di mediazione? Anzi, secondo san Paolo, l’unica mediazione di Cristo è destinata a promuovere altre mediazioni dipendenti e ministeriali. Proclamando l’unicità di quella di Cristo, l’Apostolo tende ad escludere soltanto ogni mediazione autonoma o concorrente, non altre forme compatibili col valore infinito dell’opera del Salvatore.

5. E’ possibile partecipare alla mediazione di Cristo in diversi ambiti dell’opera della salvezza. La Lumen gentium, dopo aver ribadito che "nessuna creatura può mai essere paragonata col Verbo incarnato e Redentore", illustra come sia possibile per le creature esercitare alcune forme di mediazione in dipendenza da Cristo. Afferma, infatti: "come il sacerdozio di Cristo è in vari modi partecipato dai sacri ministri e dal popolo fedele, e come l’unica bontà di Dio è realmente diffusa in vari modi nelle creature, così anche l’unica mediazione del Redentore non esclude, ma suscita nelle creature una varia cooperazione partecipata dall’unica fonte" (LG, 62).

In questa volontà di suscitare partecipazioni all’unica mediazione di Cristo, si manifesta l’amore gratuito di Dio che vuol condividere ciò che possiede.

6. In verità che cos’è la mediazione materna di Maria se non un dono del Padre per l’umanità? Ecco perché il Concilio conclude: "Questo compito subordinato di Maria, la Chiesa non dubita di riconoscerlo apertamente, continuamente lo sperimenta e lo raccomanda al cuore dei fedeli..." (ibid.).

Maria svolge la sua azione materna in continua dipendenza dalla mediazione di Cristo e da Lui riceve tutto ciò che il suo cuore vuole dare agli uomini.

La Chiesa, nel suo pellegrinaggio terreno, sperimenta "continuamente" l’efficacia dell’azione della "Madre nell’ordine della grazia".


Giovanni Paolo II Mercoledì 1 Ottobre 1997

INDICE: LE 70 CATECHESI MARIANE DI GIOVANNI PAOLO II



Icone Greche Originali Serigrafia su Foglia Oro Icone Greche Originali Serigrafia su Foglia Oro Icone Greche Originali Serigrafia su Foglia Oro Icone Originali Greche
Copie fedeli e austeri stile bizantino (Scuola Cretese – Teofanis) realizzate da padre Pefkis, agiografo diplomato dell’Accademia Ecclesiastica del Monte Santo (località Athos) con colori autentici e tradizionali con foglio dorato, su tela e legno invecchiato

La Sacra Bibbia Rilegata con Copertina in Pelle e Lastra in Argento Vai alla pagina:

La Sacra Bibbia Rilegata con Copertina in Pelle e Lastra in Argento

Testo della Confereza Episcopale Italiana (Testo C.E.I.) realizzata e proposta come regalo per Battesimo, Comunione, Cresima, Matrimonio e Anniversari di Matrimonio. Misura cm. 20x14


Home Page



Home Page