Bibbie e Bibbia di Gerusalemme Sconto 15% Bibbie e Bibbia di Gerusalemme Sconto 15% Bibbie e Bibbia di Gerusalemme Sconto 15% Bibbie e Bibbia di Gerusalemme Sconto 15% Bibbia di Gerusalemmne - La Bibbia Verita' e Vita - La Bibbia Testo CEI. Sconto 15%






La famiglia di Dio



Alle soglie della solennità dei santi, gettiamo uno sguardo oltre l’orizzonte terreno. Là, i nostri occhi contemplano la famiglia di Dio costituita dai santi, descritta nei capp. 21-22 dell’Apocalisse. È significativo che Giovanni, il Veggente, usi i simboli nuziali biblici per raffigurare questa comunità. Infatti, di scena è l’Agnello Cristo e la sua Sposa che è la Gerusalemme nuova. Essi hanno una casa ove risiedono tutti i giusti: «Ecco la tenda di Dio con gli uomini, egli abiterà con loro ed essi saranno suoi popoli ed egli sarà il Dio con loro, il loro Dio» (21,3).

È una famiglia multietnica: «Ecco, una moltitudine immensa che nessuno poteva contare, di ogni nazione, tribù, popolo e lingua» (7,9). Da essa vengono espulsi coloro che hanno negato nella loro vita la fede e la misericordia: «Fuori i cani, i maghi, gli immorali, gli omicidi, gli idolatri e chiunque ama e pratica la menzogna» (22,15). Infatti, «per i vili, gli increduli, gli abietti, gli omicidi, gli immorali, i maghi, gli idolatri e per tutti i mentitori è riservato lo stagno ardente di fuoco e di zolfo» (21,8). In azione è, dunque, anche la giustizia divina.

Ma ciò che domina è la misericordia amorosa del Signore che si rivela veramente padre. Infatti, «egli asciugherà ogni lacrima dai loro occhi e non vi sarà più la morte, né lutto né lamento né affanno» (21,4). In ogni casa terrena, accanto alla gioia e al sorriso, sono insediati ospiti meno graditi come la sofferenza e la morte. La nuova tenda che Dio prepara nella sua città sarà, invece, libera da queste presenze amare e tragiche: «Non vi sarà più maledizione» (22,3).

Anzi, il Giovanni dell’Apocalisse, ereditando un’immagine del profeta Ezechiele (47,1-12), dipingerà la città ove la famiglia di Dio è raccolta per sempre secondo una planimetria segnata da pietre preziose ma anche da «un fiume d’acqua viva, limpido come cristallo che scaturisce dal trono di Dio e dell’Agnello... Da una parte e dall’altra del fiume, si trova un albero della vita che dà frutti dodici volte all’anno, portando frutto ogni mese e le foglie dell’albero servono a guarire le nazioni» (21,1-2).

È suggestiva questa premura di Dio che, ricostruendo il paradiso terrestre con l’albero della vita immortale, si preoccupa anche di curare le ferite che questa comunità così variegata culturalmente, etnicamente e socialmente ha dovuto subire durante la sua esistenza terrena. «A colui che ha sete io darò gratuitamente da bere alla fonte dell’acqua della vita» (21,6). Ed è a questo punto che avviene la piena definizione della famiglia di Dio. Accanto all’Agnello e alla sua Sposa si allineano tutti i santi a ciascuno dei quali il Signore dice: «Io sarò suo Dio ed egli sarà mio figlio» (21,7).

Sul ritratto della Gerusalemme celeste si stende, dunque, il manto dell’amore misericordioso e paterno di Dio, la cui presenza era già registrata, in apertura del libro, per le sette Chiese dell’Asia Minore (capp. 2-3). In ciascuna di esse – dato che ancora erano stanziate nel terreno della storia – si levavano forti alcune parole divine di giudizio severo sul loro operato. Ma risuonava anche la voce della misericordia che sosteneva queste famiglie cristiane riunite nel nome di Gesù: «Al vincitore darò da mangiare dall’albero della vita» (2,7).






TORNA INDIETRO
Indice Catechesi


Icone Greche Originali Serigrafia su Foglia Oro Icone Greche Originali Serigrafia su Foglia Oro Icone Greche Originali Serigrafia su Foglia Oro Icone Originali Greche
Copie fedeli e austeri stile bizantino (Scuola Cretese – Teofanis) realizzate da padre Pefkis, agiografo diplomato dell’Accademia Ecclesiastica del Monte Santo (località Athos) con colori autentici e tradizionali con foglio dorato, su tela e legno invecchiato


Home Page