Bibbie e Bibbia di Gerusalemme Sconto 15% Bibbie e Bibbia di Gerusalemme Sconto 15% Bibbie e Bibbia di Gerusalemme Sconto 15% Bibbie e Bibbia di Gerusalemme Sconto 15% Bibbia di Gerusalemmne - La Bibbia Verita' e Vita - La Bibbia Testo CEI. Sconto 15%






Una famiglia ospitale


Il 29 luglio è la memoria di santa Marta, una figura, a prima vista un po’ maltrattata da Gesù (Luca 10,38-42) e dalla tradizione cristiana, che ci permette di illustrare il rapporto tra famiglia e atti di misericordia. Anche in questo caso, infatti, abbiamo una famigliola di tre membri, il fratello Lazzaro e le due sorelle Marta e Maria e un’accoglienza generosa all’amico Gesù nella casetta dei tre, situata nel quartiere periferico di Betania, termine suggestivo perché significa “casa della misericordia”.

In aramaico il nome “Marta”, invece, significa “signora, padrona”; quasi certamente è la sorella maggiore non solo perché si comporta da “padrona di casa” gestendo le funzioni dell’ospitalità, ma anche perché l’evangelista fa notare che la casa è sua: «Gesù entrò in un villaggio e una donna, di nome Marta, lo accolse nella sua casa». La scena è stata amata dall’arte: pensiamo a Velazquez e a una sua tela del 1618 ora a Londra, a Vermeer (1653, a Edimburgo), a Overberck (1815, a Berlino).

Lo scrittore francese Paul Claudel nel dramma Lo scambio (1894) chiamerà Marta la protagonista, una donna tutta dedita alla famiglia e agli impegni quotidiani. La scrittrice britannica contemporanea Antonia Byatt la recupera come figura esemplare nel racconto Cristo nella casa di Marta e Maria. In realtà questa donna è stata sostanzialmente disprezzata per il suo impegno concreto, opposto a quello più spirituale e “intellettuale” della sorella minore Maria. L’interpretazione tradizionale, infatti, vedeva il contrasto tra la vita contemplativa, esaltata e privilegiata, incarnata da Maria, e quella attiva, rappresentata da Marta, con la prevalenza della prima a discapito della seconda (ma Gesù non era forse anche lui un “attivo”?).

In realtà, la scena ha un altro significato che ha il suo cuore in questa frase di Gesù: «Marta, Marta, tu ti preoccupi e ti agiti per molte cose. Ma una sola è la cosa di cui c’è bisogno: Maria si è scelta la parte migliore, che non le sarà tolta» (10,41-42). Maria, infatti, in ascolto della parola di Cristo, era il ritratto del vero discepolo che, in qualsiasi contesto, tiene fissa nel cuore la realtà necessaria e fondamentale del legame con Dio.

Il limite di Marta, allora, non è nel fatto che era una lavoratrice e un’ospite generosa ma perché era tutta assorbita dalle troppe cose, era tutta presa dall’esteriorità. Non è, dunque, il lavoro in sé e l’impegno per il prossimo che allontanano da Dio e dalla spiritualità, ma l’alienazione in esso, l’esserne totalmente catturati, senza tenere più aperto un canale di comunicazione con Dio, con il mistero, con lo Spirito. Questo può accadere persino a chi è forse in un monastero, eppure la sua mente è travolta e coinvolta in mille pensieri e distrazioni. Anche Marta, pur continuando a essere la buona padrona di casa, attenta e servizievole, potrà “ascoltare la Parola” interiore. Non per nulla sarà lei, in occasione della morte del fratello Lazzaro, a pronunziare una splendida professione di fede: «Io credo che tu sei il Cristo, il Figlio di Dio che deve venire nel mondo » (Giovanni 11,27).






TORNA INDIETRO
Indice Catechesi


Icone Greche Originali Serigrafia su Foglia Oro Icone Greche Originali Serigrafia su Foglia Oro Icone Greche Originali Serigrafia su Foglia Oro Icone Originali Greche
Copie fedeli e austeri stile bizantino (Scuola Cretese – Teofanis) realizzate da padre Pefkis, agiografo diplomato dell’Accademia Ecclesiastica del Monte Santo (località Athos) con colori autentici e tradizionali con foglio dorato, su tela e legno invecchiato


Home Page