Il Santo del Calendario Come inserire un font di Google


28 Ottobre - Ss. Simone e Giuda Apostoli (festa).


Di Simone, il più sconosciuto di tutti gli apostoli, la Sacra Scrittura conserva soltanto il nome, condiviso con un altro Simone. Per distinguerlo da Simon Pietro, gli evangelisti Matteo e Marco gli danno il soprannome di « Zelota » o Cananeo. L'appellativo può indicare sia la città di provenienza (Cana), sia il contrassegno di appartenenza al partito degli «Zelanti», i «conservatori» delle tradizioni ebraiche. Nulla sappiamo sulle circostanze che si riferiscono alla sua vocazione. Simone, lo sconosciuto, è pur sempre apostolo del Signore, protòtipo dei tanti discepoli senza nome, che lavorano tutta la vita nella vigna del Signore o combattono sulle trincee della fede non in vista di una menzione d'onore, ma per il trionfo del Regno di Dio.

Come gli altri apostoli, anche Simone percorse le vie del vangelo « senza bisaccia, senza denaro, predicando il Regno dei cieli; e guarì ammalati, risuscitò morti, mondò lebbrosi e cacciò spiriti cattivi », « zelante » in gioventù delle tradizioni ebraiche, e ora «zelante» e umile servo del vangelo. Simone, secondo incerte notizie riferite dallo storico Eusebio, pare sia stato il successore di Giacomo sulla cattedra di Gerusalemme, negli anni della tragica distruzione della città santa. Anche la sua attività oltre i confini della Palestina è, dedotta dai leggendari Atti di Simone e Giuda, secondo i quali i due apostoli percorsero insieme le dodici province dell'impero persiano. Altre fonti assegnano a Simone l'Egitto, la Libia e la Mauritania. Secondo una notizia di Egesippo, l'apostolo avrebbe subìto il martirio durante l'impero di Traiano, nel 107, alla bella età di centovent'anni.

Giuda, « non l'Iscariote » (si affretta a distinguere l'evangelista S. Giovanni), occupa l'ultimo posto nell'elenco degli apostoli, col soprannome di Taddeo, e viene identificato con l'autore della lettera canonica che porta il suo nome. L'apostolo che ebbe l'infausta sorte di condividere il nome con quello del traditore, è detto anche « fratello del Signore »: « Non è costui - si domandano i nazaretani, stupiti dalla fama che accompagna Gesù - il falegname... il fratello di Giacomo e di Giuda? ».

Giuda sarebbe anche lo sposo delle nozze di Cana, secondo la notizia riferita da Eusebio; e ciò spiegherebbe la presenza di Maria e di Gesù. Data la notorietà di Giacomo nella Chiesa primitiva, Giuda veniva sempre ricordato come « fratello di Giacomo ». Il breve scritto dell'apostolo Giuda Taddeo è un severo monito contro i falsi maestri e un invito a mantenere la purezza della fede.


Vangelo
di ogni Giorno
con Commento

 
 

Indice Calendario Dei Santi:

Gennaio Febbraio Marzo Aprile
Maggio Giugno Luglio Agosto
Settembre Ottobre Novembre Dicembre
 
 


Home Page