Il Santo del Calendario Come inserire un font di Google


10 Ottobre - S. Francesco Borgia Sacerdote.


Pronipote di papa Alessandro VI e del re cattolico Ferdinando Il d'Aragona e di Castiglia, S. Francesco Borgia nacque a Gandía (Valencia) il 28 ottobre 1510, primogenito di Giovanni de Borja ed entrò in giovane età al servizio della corte di Spagna, come paggio della sorella di Carlo V, Caterina. A vent'anni, l'imperatore gli accordò il titolo di marchese. Sposatosi a 19 anni, ebbe otto figli. A 29 anni, in seguito alla morte dell'imperatrice, da cui trasse il senso della caducità delle cose terrene, decise di « mai più servire un signore che gli potesse morire» e di dedicarsi a una vita più perfetta. Ma nello stesso anno, eletto viceré di Catalogna (1539-43), si dimostrò all'altezza dell'alta carica, senza tuttavia trascurare l'intensa vita spirituale alla quale si era segretamente votato.

A Barcellona incontrò S. Pietro d'Alcántara e il B. Pietro Favre della Compagnia di Gesù. Quest'ultimo incontro fu determinante per la sua vita futura. Nel 1546, dopo la morte della moglie Eleonora, compì la pia pratica degli esercizi spirituali di S. Ignazio e il 2 giugno dello stesso anno emise i voti di castità, di obbedienza, e quello di entrare nella Compagnia di Gesù, dove effettivamente entrò nel 1548 e ufficialmente nel 1550 dopo avere incontrato S. Ignazio di Loyola a Roma e avere rinunciato al ducato di Gandía. Il 26 maggio 1551 celebrava la sua prima Messa.

Chiuse le porte agli onori e ai titoli mondani, gli si aprivano quelle delle dignità ecclesiastiche. Venne infatti proposto quasi subito da Carlo V per il cardinalato, al quale Francesco rinunciò e perché la sua rinuncia fosse senza appello emise i voti semplici dei professi della Compagnia di Gesù, uno dei quali vieta appunto l'accettazione di ogni dignità ecclesiastica. Non poté comunque sottrarsi ai compiti sempre più importanti che gli vennero affìdati in seno alla Compagnia di Gesù, fino alla elezione, nel 1566, a generale, carica che ricoprì fino alla morte avvenuta a Roma il 30 settembre 1572.

Organizzatore infaticabile (a lui si deve la fondazione del primo collegio gesuita in Europa, nella sua Gandía, e di altri venti in Spagna), trovò il tempo per dedicarsi alla redazione di trattati spirituali. Nutrì grande devozione all'Eucaristia e alla Vergine. Due giorni prima di morire, già gravemente ammalato, volle visitare il santuario mariano di Loreto. Beatificato nel 1624, ebbe l'onore degli altari nel 1671. Nel maggio del 1931, il suo corpo, venerato nella chiesa della casa professa di Madrid, fu carbonizzato nell'incendio provocato dai rivoluzionari.


Vangelo
di ogni Giorno
con Commento

 
 

Indice Calendario Dei Santi:

Gennaio Febbraio Marzo Aprile
Maggio Giugno Luglio Agosto
Settembre Ottobre Novembre Dicembre
 
 


Home Page