Il Santo del Calendario Come inserire un font di Google


24 Novembre - S. Andrea Dung-Lac e compagni Abate.


I monaci irlandesi furono grandi viaggiatori, spinti in terre lontane dal desiderio di predicare il vangelo. S. Columba verso la metà del VI secolo convertì al cristianesimo i Pitti, il cui territorio prese il nome di Scozia (nome sino allora ristretto all'Irlanda). Poco dopo, il quasi omonimo S. Colombano (conosciuto anche con i nomi di Colum, Colman, Palumba o Columba) lasciò a sua volta l'Irlanda diretto al continente. Nato verso il 528, compì la sua formazione umanistica e religiosa in un monastero dell'Irlanda del Nord, a Bangor, sotto la guida di S. Comgall. È il periodo in cui l'Irlanda, definita « l'isola dei santi», conta una ricchissima proliferazione di santi missionari. Con S. Colombano partirono per l'Europa un gruppo di suoi discepoli a diffondervi il monachesimo irlandese: S. Chiliano ad Arras, S. Gallo sul lago di Costanza dove la celebre abbazia da lui fondata perpetua il suo nome, S. Fursy a Péronne, S. Rombaldo a Malines, S. Livino a Gand, S. Virgilio a Salisburgo.

Pochi conoscono l'origine irlandese di S. Frediano, venerato a Lucca, S. Orso ad Aosta, S. Donato a Fiesole, S. Folco a Piacenza, S. Emiliano a Faenza, S. Cataldo nelle Puglie e nel cuore della Sicilia. Lo stesso S. Colombano raggiunse l'Italia e a Bobbio fondò il quinto dei suoi celebri monasteri: i primi li aveva fondati a Luxeuil e a Fontaines in Borgogna, poi a Faremout'iers e a Jouarre. In un'èra di declino della primitiva cristianità dovuto alle invasioni dei popoli germànici, la fioritura delle missioni irlandesi di S. Colombano fu una trasfusione di linfa generosa per l'intera Europa.

S. Colombano ebbe per questo la definizione di «gigante dalla statura europea». Fu missionario mosso da autentico spirito apostolico e da grande carità, nonostante il suo temperamento giudicato estremamente duro. Cacciato da Luxeuil per la sua inflessibilità dalla nonna del giovanissimo re Thierri, che successe al magnanimo Gontrano, prima di imbarcarsi da Nantes scrisse una bella lettera ai suoi monaci con frasi ardenti come questa: « Se a uno gli togliete la libertà, gli togliete la dignità ».

La sua imbarcazione, che doveva riportarlo in Irlanda, venne ributtata sulla riva da un vento contrario e il santo missionario, interpretando quell'incidente come una indicazione della Provvidenza, si mise in cammino verso il sud, raggiungendo l'Italia, dove il re longobardo Agilulfo e la regina Teodolinda gli permisero di fondare il monastero di Bobbio, nel 614, un anno prima della morte.


Vangelo
di ogni Giorno
con Commento

 
 

Indice Calendario Dei Santi:

Gennaio Febbraio Marzo Aprile
Maggio Giugno Luglio Agosto
Settembre Ottobre Novembre Dicembre
 
 


Home Page