Il Santo del Calendario Come inserire un font di Google
 

La vita, la leggenda, i miracoli dei Santi festeggiati ogni giorno secondo il Calendario Romano

CALENDARIO DEL MESE DI MARZO

Per la fede cattolica, "santo" è colui che sull'esempio di Gesù Cristo, animato dall'amore, vive e muore in grazia di Dio; in senso particolare è colui che in vita si è distinto per l'esercizio delle virtù cristiane in forma eroica o per aver dato la vita a causa della fede (i martiri). La Chiesa cattolica, attraverso un atto proprio del magistero del Papa, proclama santo una persona solo in seguito all'esito di un articolato procedimento detto canonizzazione.

19 Marzo San Giuseppe sposo della Beata Vergine Maria


Le fonti biografiche che riguardano S. Giuseppe sono quasi esclusivamente i brevi cenni dei Vangeli di Matteo e di Luca. Gli apocrifi non ci sono di aiuto essendo leggendari. Giuseppe era discendente della casa di David. «Giuseppe, figlio di David», così lo chiama l'angelo. Il fatto saliente della vita di questo uomo «giusto» è il matrimonio con Maria, avvenuto in età giovanile o nella piena maturità. La tradizione popolare immagina Giuseppe in gara con gli altri aspiranti alla mano di Maria.

La scelta sarebbe caduta su di lui perché il bastone che egli reggeva fiorì prodigiosamente, mentre quelli degli altri rimasero secchi. La simpatica leggenda ha un suo significato mistico: dal ceppo ormai inaridito del Vecchio Testamento rifiorisce la grazia al nuovo sole della redenzione.

Il matrimonio di Giuseppe con Maria fu vero matrimonio, anche se verginale. Poco dopo il fidanzamento, Giuseppe, accortosi dei segni inconfondibili della maternità di Maria e tuttavia non nutrendo alcun dubbio sulla integrità della sposa, pensò di « rimandarla segretamente ». Essendo « uomo giusto », soggiunge il Vangelo (l'aggettivo usato in questa drammatica situazione è come il lampo abbagliante di un flash che illumina tutta la figura del santo), non volle dar seguito a sospetti né avallare con la sua presenza un fatto inspiegabile. L'angoscioso dilemma venne sciolto dalla parola di un angelo. Così egli «prese presso di sé la sua sposa» e con lei si recò per il censimento a Betlem, dove il Verbo eterno apparve in questo mondo, accolto dall'omaggio degli umili pastori e dei saggi e ricchi magi, ma anche dall'ostilità di Erode, che costrinse la sacra Famiglia a rifugiarsi in Egitto. Tornarono quindi alla laboriosa quiete di Nazaret, fino ai dodici anni di Gesù, quando ci fu la parentesi della perdita e del ritrovamento di Gesù nel tempio.

Dopo questo episodio, il Vangelo sembra accomiatarsi da Giuseppe con una suggestiva immagine della sacra Famiglia: Gesù obbediva a Maria e a Giuseppe e cresceva sotto il loro sguardo «in sapienza, in statura e in grazia». Morto probabilmente prima dell'inizio della vita pubblica del Redentore, S. Giuseppe visse in umiltà lo straordinario privilegio di essere scelto a padre putativo di Gesù. La sua immagine rimase nell'ombra anche dopo la morte. Il suo culto iniziò infatti soltanto durante il IX secolo. Nel 1621 Gregorio XV dichiarò il 19 marzo festa di precetto, poi Pio IX proclamò S. Giuseppe patrono della Chiesa universale.

L'ultimo omaggio gli è stato tributato da Giovanni XXIII, che introdusse il suo nome nel Canone della Messa.






Indice Calendario Dei Santi:

Gennaio Febbraio Marzo Aprile
Maggio Giugno Luglio Agosto
Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Home Page