Il Santo del Calendario Come inserire un font di Google
 

La vita, la leggenda, i miracoli dei Santi festeggiati ogni giorno secondo il Calendario Romano

CALENDARIO DEL MESE DI MARZO

Per la fede cattolica, "santo" è colui che sull'esempio di Gesù Cristo, animato dall'amore, vive e muore in grazia di Dio; in senso particolare è colui che in vita si è distinto per l'esercizio delle virtù cristiane in forma eroica o per aver dato la vita a causa della fede (i martiri). La Chiesa cattolica, attraverso un atto proprio del magistero del Papa, proclama santo una persona solo in seguito all'esito di un articolato procedimento detto canonizzazione.

4 Marzo S. Casimiro


La regina Elisabetta d'Asburgo, madre di Casimiro, terzogenito di Casimiro IV re di Polonia, ebbe tredici figli, dodici dei quali cinsero la corona regale e uno, Casimiro, quella ben più gloriosa dei santi, dopo aver rinunciato a quella di re d'Ungheria. Casimiro era nato a Cracovia, nel 1458, figlio del re di Polonia, appartenente alla dinastia degli Jagelloni, di origine lituana. Quando gli Ungheresi si ribellarono al loro re, Mattia Corvino, e offrirono al tredicenne principe Casimiro la corona, questi vi rinunciò appena seppe che il papa si era dichiarato contrario alla deposizione del regnante e alla imposizione con la forza del giovane re. Il principe aveva infatti come ambizione, se ambizione si può dire, di realizzare l'ideale ascetico della povertà e dell'umiltà.

Il capostipite della dinastia, il pagano Jagellone, sovrano della Lituania, nel 1385 si era convertito insieme col suo popolo al cattolicesimo, legando i suoi interessi a quelli della Polonia. La dinastia degli Jagelloni sarebbe rimasta sul trono di Polonia fino al 1572, estendendo le conquiste dalla Prussia all'Ungheria e realizzando in parte l'antico sogno di abbracciare in un unico regno tutti gli stati fra il Baltico e il Mar Nero. Impegnato in questa politica di espansione, re Casimiro IV (1440-1492) diede al terzogenito l'incarico di reggente di Polonia e il principe, già minato dalla tubercolosi, svolse il compito con intelligente politica, senza tuttavia lasciarsi irretire dalle seduzioni del potere.

Fu servitore diligente del suo Stato, ma non si piegò alle ragioni di Stato quando gli venne proposto dal padre il matrimonio con la figlia di Federico III, per allargare, con la politica matrimoniale, i già estesi confini del regno. Il principe Casimiro non voleva venir meno al suo ideale ascetico di purezza per vantaggi materiali che non ambiva. Di straordinaria bellezza, ammirato e corteggiato, Casimiro aveva riservato il suo cuore unicamente alla Vergine. «Anima mia, - egli scriveva in uno dei tanti " madrigali " che dedicava alla Madonna - non passare giorno senza tributare i tuoi omaggi a Maria; solennizza devotamente le sue feste, celebra tutte le sue virtù. Ammira la sua grandezza e la sua altezza sopra tutte le creature ». Spentosi all'età di venticinque anni a Grodno (nella Lituania annessa alla Russia) il 4 marzo 1484, ebbe appena morto la venerazione unanime di tutto il popolo polacco.

Nel 1521 papa Leone X lo incluse nell'eleneo dei santi dichiarandolo patrono della Polonia e della Lituania.






Indice Calendario Dei Santi:

Gennaio Febbraio Marzo Aprile
Maggio Giugno Luglio Agosto
Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Home Page