Il Santo del Calendario Come inserire un font di Google


25 Maggio - S. Gregorio VII Papa.


La sua vocazione era la vita monastica. Indossava la cocolla benedettina anche sul soglio pontificio. Ildebrando di Soana, toscano, nato verso il 1028, pare abbia iniziato la v a monastica a Cluny. Dopo aver collaborato con i papi S. ]Leone IX, che lo nominò abate di S. Paolo, e Alessandro 11, venne proclamato papa a ftìror di popolo. Era il 22 aprile del 1073. Otto giorni dopo i cardinali ratificarono l'elezione, che egli accettò con « molto suo dolore e gemito e pianto ». Divenuto papa col nome di Gregorio VII, attuò con molto coraggio il programma di riforme, che egli stesso aveva caldeggiato come collaboratore dei suoi predecessori: lotta contro la simonia e l'ingerenza del potere civile nelle nomine dei vescovi, degli abati e degli stessi pontefici, restaurazione d'una severa disciplina per il celibato. Si ebbero violente resistenze anche da parte del clero.

Al concilio di Magonza i chierici gridarono: « Se al papa non bastano gli uomini per governare le Chiese locali, cerchi di procurarsi degli angeli! ». Il papa confidava le sue pene ad amici con lettere che rivelano il suo animo sensibile, soggetto a profondi sconforti, ma sempre pronto alla voce del dovere: « Mi circondano un dolore immane e una tristezza universale, scriveva nel gennaio del 1075 all'amico S. Ugo, abate di Cluny - perché la Chiesa orientale defeziona dalla fede; e se guardo dalle parti di occidente, o del mezzogiorno, o di settentrione, a stento io trovo vescovi legittimi per l'elezione e per la vita, che reggano il popolo cristiano per l'amore di Cristo, non per ambizione secolare ».

L'anno dopo prese il via il duro scontro con l'imperatore Enrico IV, che s'umiliò a Canossa ma, subito dopo, riprese le redini dell'impero, si 'vendicò facendo eleggere un antipapa e marciando su Roma. Gregorio VII, abbandonato dagli stessi cardinali, si rifugiò in Castel S. Angelo, dove venne a liberarlo il duca normanno Roberto il Guiscardo. Il papa si recò poi in volontario esilio a Salerno, e qui morì l'anno dopo, pronunciando la nota frase: «Ho amato la giustizia e ho odiato l'iniquità... ». Era il 5 maggio 1085.

Il suo corpo venne sepolto nella cattedrale di Salerno. Fu canonizzato nel 1606. Abituati a vedere in questo papa il lottatore impegnato in un braccio di ferro con l'irrequieto imperatore, non dobbiamo dimenticare l'umile servo della sposa di Cristo, la Chiesa, per il cui decoro egli lavorò e sofferse affinché « permanesse libera, casta e cattolica ». Sono le ultime parole della lettera che egli scrisse dall'esilio salernitano per invitare i fedeli a « soccorrere la madre », la Chiesa.



7 Doni dello Spirito Santo

I Frutti dello Spirto Santo

Novena allo Spirito Santo

 
 

Indice Calendario Dei Santi:

Gennaio Febbraio Marzo Aprile
Maggio Giugno Luglio Agosto
Settembre Ottobre Novembre Dicembre
 
 


Home Page