Il Santo del Calendario Come inserire un font di Google


17 Luglio - S. Alessio Mendicante.


Tra i pi¨ suggestivi itinerari turistici romani, sul colle Aventino, una tappa d'obbligo, dopo la visita all'antica basilica di S. Sabina, Ŕ costituita dalla chiesa di S. Alessio, nella quale molti giovani sposi amano celebrare le loro nozze. La chiesa, detta dapprima di S. Bonifacio, fu dedicata nel 1217 da papa Onorio III a S. Alessio. Ma il primitivo edificio Ŕ quasi del tutto scomparso con l'ultimo rifacimento barocco avvenuto nel Settecento. Turisti e devoti vi cercano tuttavia la scala di legno, collocata nella cappella laterale, dove un discepolo del Bernini, il Bergondi, ha eseguito la statua del santo. Un'antica tradizione vuole appunto che sotto quella scala trascorresse le notti il giovane patrizio romano, Alessio, fattosi mendicante per amore di Cristo.

La sua storia, della quale si sono impossessati teatro e poesia e prima ancora la leggenda, Ŕ narrata in varie versioni. Di questo anonimo uomo di Dio, asceta e mendicante a Edessa nel V secolo, la versione agiografica siriaca, che si riscontra in un antico manoscritto della fine del V secolo, Ŕ quella che ha avuto pi¨ fortuna. Le ragazze che celebrano le nozze nella chiesa di S. Alessio sull'Aventino l'avranno letta non senza un moto di sorridente apprensione. Vi si narra infatti di un giovane romano, figlio di ricchi genitori, che la sera delle nozze, allontanÓtosi nascostamente dalla sala del banchetto, fuggý addirittura oltremare, rifugiandosi a Edessa, dove trascorse alcuni anni mendicando il sostentamento alla porta della chiesa e dedicandosi interamente alla vita di preghiera e di penitenza. Sul punto di morire avrebbe svelato la sua identitÓ al sacrestano. Questi riferý al vescovo, il quale, recatosi nel cimitero dov'era stato sepolto il mendicante, sulla sua tomba non vi trov˛ che pochi stracci.

La versione greco-romana introduce una significativa variante: Alessio, unico figlio dei patrizi Eufemiano e Aglae, il giorno delle nozze, dopo un lungo colloquio con la sposa, concorda con lei di vivere in assoluta continenza, quindi parte da Roma per una mŔta sconosciuta. Vi ritorna dopo diciassette anni e viene accolto in casa dei genitori come un mendicante e adibito ai lavori pi¨ umili. Nella basilica inferiore di S. Clemente dipinti della seconda metÓ del secolo XI rappresentano il ritorno a Roma di S. Alessio in abiti da mendicante, il suo incontro col padre, che non lo riconosce, quindi la visita di papa Innocenzo che scopre sul corpo dello sconosciuto pellegrino un segno della sua reale identitÓ e la susseguente scena dei genitori, visibilmente straziati, al capezzale del figlio morente.



Vangelo
di ogni Giorno
con Commento

 
 

Indice Calendario Dei Santi:

Gennaio Febbraio Marzo Aprile
Maggio Giugno Luglio Agosto
Settembre Ottobre Novembre Dicembre
 
 


Home Page