Il Santo del Calendario Come inserire un font di Google


6 Giugno - S. Norberto Vescovo.


Norberto, nato a Xanten (Germania) dalla nobile famiglia dei Gennep, verso il 1080, com'era destino per ogni cadetto della nobiltà, avrebbe dovuto intraprendere la carriera militare o ecclesiastica. Norberto scelse la seconda via, non per vocazione ma per semplice opportunità. Ordinato suddiacono poté infatti godere di molti privilegi al seguito del grande elettore di Colonia e dell'imperatore Enrico V, che lo predestinò a una importante sede episcopale. Ma Dio aveva ben altri disegni. Durante una cavalcata nel bosco, sorpreso da un violento uragano, Norberto venne sbalzato di sella da un lampo accecante e come Saulo sulla via di Damasco ripeté la domanda: « Signore, che vuoi che io faccia? ».

La risposta che determinò una radicale svolta nella sua vita poco edificante fu: « Abbandona la via del male e fai del bene ». Quell'episodio fu l'inizio della sua conversione. Disertò i ritrovi mondani e si mise alla scuola dell'abate benedettino di Siegburg e dei canonici di Klosterrath, poi seguì l'esempio dell'eremita Liudolfo trascorrendo tre anni in penitenza e in preghiera. Nel 1115 fu ordinato sacerdote dall'arcivescovo di Colonia e iniziò la sua attività missionaria itinerante.
Volle dare l'esempio spogliandosi di tutto e distribuendo ogni avere ai poveri. Per sé tenne una mula e dieci monete d'argento, di cui si privò ben presto per proseguire a piedi scalzi le sue peregrinazioni. In Francia, nei pressi di Nimes, incontrò papa Callisto Il e fu incoraggiato a proseguire per la strada intrapresa. Il vescovo di Laon, per trattenerlo nella sua diocesi, gli propose di mettersi alla guida dei Canonici regolari posti sotto la regola di S. Agostino, ai quali era stato assegnato il convento di Praemonstratum (Prémontré). Nasceva così l'Ordine dei premostratensi. Intanto Norberto aveva ripreso la sua attività di predicatore ambulante.

Si trovava a Magdeburgo ad assistere ai funerali del vescovo di quella città, quando a voce di popolo venne scelto a succedergli. Fu un vescovo scomodo per molti. Tenace, buon organizzatore, ma negato ai compromessi, raccolse applausi e inimicizie. L'imperatore Lotario lo nominò cancelliere dell'impero per l'Italia e papa Innocenzo Il estese la sua giurisdizione alla Polonia. Ma Norberto non dimenticò la regola monastica della povertà e dell'esercizio dell'apostolato tra l'umile gente di campagna, e visse integralmente l'ideale di vita attiva e contemplativa dei premostratensi anche nel fulgore delle alte cariche. Morì a Magdeburgo, di ritorno da una missione di pace in Italia, il 6 giugno 1134. Fu canonizzato nel 1582. S. Norberto è patrono della Boemia.


Vangelo
di ogni Giorno
con Commento

 
 

Indice Calendario Dei Santi:

Gennaio Febbraio Marzo Aprile
Maggio Giugno Luglio Agosto
Settembre Ottobre Novembre Dicembre
 
 


Home Page