Il Santo del Calendario Come inserire un font di Google
 

La vita, la leggenda, i miracoli dei Santi festeggiati ogni giorno secondo il Calendario Romano

CALENDARIO DEL MESE DI FEBBRAIO

Per la fede cattolica, "santo" è colui che sull'esempio di Gesù Cristo, animato dall'amore, vive e muore in grazia di Dio; in senso particolare è colui che in vita si è distinto per l'esercizio delle virtù cristiane in forma eroica o per aver dato la vita a causa della fede (i martiri). La Chiesa cattolica, attraverso un atto proprio del magistero del Papa, proclama santo una persona solo in seguito all'esito di un articolato procedimento detto canonizzazione.

15 Febbraio - S. Claudio de la Colombière Religioso.


Fino alla recente riforma del calendario venivano festeggiati in questo giorno i Ss. Faustino e Giovita. Il Martirologio Romano diceva: «A Brescia [si festeggia] il natale e santi Martiri Faustino e Giovita, fratelli, i quali sotto l'imperatore Adriano, dopo molti illustri combattimenti sostenuti per la fede di Cristo, ricevettero la vittoriosa corona del martirio ». Gli estensori del nuovo calendario hanno però espresso questo severo giudizio: « La memoria dei Ss. Faustino e Giovita, introdotta nel Calendario romano nel sec. XIII, viene cancellata: si tratta dei martiri bresciani Faustino e Giovenza, dei quali si possiedono degli Atti interamente leggendari; in essi Giovita viene ritenuto diacono, benché fosse una donna».

Facciamo perciò oggi memoria di S. Claudio de la Colombière, il direttore spirituale di S. Margherita M. Alacoque, che egli con la sua scienza teologica, la sua prudenza e la sua santità confermò nel ruolo di confidente del S. Cuore. Nato nel 1641 nel Delfinato, S. Claudio fu educato nel collegio gesuita di Lione e poi tra i gesuiti entrò a 17 anni, vincendo forti resistenze interiori. Sacerdote a 28 anni, nel 1674 fece il voto di un'esatta osservanza di tutte le regole e disposizioni del suo ordine. L'anno seguente andò a Paray-Ie-Monial come superiore del collegio gesuita.

Nominato confessore straordinario delle suore, incontrò l'Alacoque e subito riconobbe e sanzionò con la sua autorità la genuinità delle rivelazioni da lei ricevute. Lo stesso S. Cuore, del resto, invitò ripetutamente la santa a rivolgersi a lui: in una celebre visione, ella vide il S. Cuore come una fornace ardente e due altri cuori che s'avvicinavano al suo, mentre Egli diceva: « È così che il mio puro amore unisce questi tre cuori per sempre ».

Nel 1676 il de la Colombière si recò in Inghilterra come predicatore della duchessa di York, moglie del futuro Giacomo II. Coinvolto nel fantomatico «complotto papista» montato dall'avventuriero Titus Oates, in seguito al quale ben 35 cattolici furono giustiziati, anche il de la Colombière subì una dura prigionia che ne prostrò la salute. Rientrato in Francia, rimase su invito dell'Alacoque a Paray-Ie-Monial, dove morì il 15 febbraio 1682. Fu canonizzato nel 1992 e le sue opere, in cui spicca una celebre preghiera che esprime un « Atto di confidenza in Dio », benché tutte postume, hanno conosciuto molte edizioni e traduzioni.






Indice Calendario Dei Santi:

Gennaio Febbraio Marzo Aprile
Maggio Giugno Luglio Agosto
Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Home Page