Il Santo del Calendario Come inserire un font di Google




7 Dicembre - S. Ambrogio Vescovo e dottore della Chiesa.



Il giovane prefetto della Liguria e dell'Emilia, Ambrogio, nato a Treviri verso il 340, era ancora catecumeno, quando per voler di popolo ascese, il 7 dicembre 374, alla sede episcopale di Milano. In fatto di religione cristiana aveva ancora quasi tutto da imparare, e si dedicò soprattutto allo studio della Bibbia con tale impegno da possederla presto a fondo. Ambrogio però non era un intellettuale puro; egli era soprattutto un ottimo amministratore della sua comunità cristiana. Divenne un vero padre spirituale dei giovanissimi imperatori Graziano e Valentiniano Il e del temibile Teodosio I, che non esitò a rimproverare aspramente, esigendo da lui una penitenza pubblica di espiazione allorché, per sedare una rivolta, fece massacrare la popolazione di Tessalonica. Ambrogio è il simbolo della Chiesa rinascente, dopo i sofferti anni del nascondimento e delle persecuzioni. Per mezzo suo la Chiesa di Roma trattò senz'ombra di servilismo col potere politico.

Furono le sue qualità personali ad imporre il vescovo di Milano alla devota attenzione di tutti. L'attività quotidiana di Ambrogio era volta anzitutto alla direzione della propria comunità, ed egli assolveva ai suoi impegni pastorali rivolgendo al suo popolo più di un'omelia alla settimana. S. Agostino, che fu assiduo ascoltatore delle prediche di S. Ambrogio, ci riferisce nelle sue Confessioni quanto grande fosse il prestigio dell'eloquenza del vescovo di Milano, e quanto efficace il tono di questo « apostolo dell'amicizia ».

1 suoi libri pubblicati e giunti fino a noi non sono che frettolose trascrizioni e riutilizzazioni di discorsi, poco o niente riveduti. I suoi celebri Commentari esegetici, prima di essere raccolti in volumi, erano stati predicati alla comunità cristiana di Milano. Vi si nota il tono familiare del pastore che si rivolge con amabile semplicità al suo gregge. Vi si sente palpitare il cuore di un grande vescovo, che riesce a suscitare commozione negli uditori cori argomenti carichi di emotività e di interesse. Da buon pastore ama far cantare il suo popolo. Egli ha composto un certo numero di inni, alcuni tuttora familiari nella liturgia ambrosiaiia. P- stato lui a introdurre in Occidente il canto alternato dei salmi.

Tra i suoi scritti che non hanno un rapporto diretto con la sua predicazione, ricordiamo il De officiis ministrorum, perché, ricalcando il noto testo ciceroniano e accogliendone tutti gli elementi, dimostra che il cristianesimo può assimilare senza pericolo di alterare il significato della buona novella quei valori morali naturali che il mondo pagano e romano in particolare ha saputo esprimere. Ambrogio morì a Milano il 4 aprile dell'anno 397.






Indice Calendario Dei Santi:

Gennaio Febbraio Marzo Aprile
Maggio Giugno Luglio Agosto
Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Home Page